Cupra Marittima, inaugurato il progetto ''La mia scuola a Rifiuti Zero''

Redazione Picenotime

09 Febbraio 2019

Ha avuto inizio oggi, Sabato 9 Febbraio, il progetto “La mia scuola a Rifiuti Zero”, organizzato dal Comune di Cupra Marittima in collaborazione con l’associazione Marche a Rifiuti Zero.

Tale iniziativa prevede un mini-corso di formazione durante il quale i ragazzi delle scuole medie potranno meglio comprendere come è possibile riusare o riciclare i materiali che non vengono più utilizzati, come si trattano i rifiuti e a cosa serve la raccolta differenziata.

Grazie a questo progetto, gli studenti potranno prendere coscienza dell’importanza della prevenzione o riduzione del rifiuto alla fonte, grazie alla nuova e sempre più profonda attenzione alla progettazione e al design, all’ottimizzazione degli imballaggi, alla scelta dei materiali impiegati nella produzione dei beni. Scopriranno la “filiera” del riutilizzo e del riciclo, attraverso le varie fasi di separazione e raccolta differenziata  e le possibilità del recupero energetico (attraverso impianti tecnologici come biodigestori, termovalorizzatori e nuovi processi pirolitici); fino a prendere in considerazione il tradizionale smaltimento in discarica come ultima soluzione, destinata a scomparire in futuro o, quantomeno, a subire una forte riduzione.

Una parte dell’incontro è destinata al confronto con l’assessore all’ambiente Roberta Rossi, che ha voluto fortemente l’adesione del Comune di Cupra alla Strategia rifiuti zero, per affrontare insieme a tutti i cittadini la battaglia più importante, quella per l’ambiente, il territorio e il mare, che a Cupra rappresenta una grande risorsa economica oltre che una risorsa ambientale. Premiata con la Bandiera Blu dal 1997, Cupra Marittima è infatti una tra le non molte località per cui tale riconoscimento ha valore per l’intera lunghezza della spiaggia. Ma Bandiera Blu comprende molte tematiche e ha un grande significato: riguarda l’ambiente, la raccolta differenziata, i servizi ai disabili, le piste ciclabili, i servizi di salvataggio e numerosi eventi di sensibilizzazione sull’ambiente.

Per ottenere questo risultato, tutti devono concorrere con il loro contributo: Amministrazione Comunale, cittadini, commercianti. L’Amministrazione Comunale ha quindi già avviato numerosi progetti a tutela dell’ambiente, a partire dal progetto Cupra per l’ambiente, le giornate ecologiche, le campagne per la riduzione dei rifiuti e contro l’abbandono dei mozziconi di sigaretta in strada. “La mia scuola a Rifiuti Zero” si inserisce proprio nell’ambito di questa serie di iniziative.

Particolare contributo all’evento è quello di Picenambiente che omaggerà ogni ragazzo con un “FruttAlbum” da disegno, realizzato con carta colorata ottenuta da alghe, scarti di agrumi, kiwi, olive e fondi di caffè: un modo concreto per  i ragazzi di “toccare con mano” il risultato del recupero dei materi.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni