Ascoli Piceno: ubriaco riempie nuovamente di botte la moglie, arrestato 45enne

Redazione Picenotime

14 Febbraio 2019

Intensificati i servizi preventivi da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, nell’ottica di un contrasto ancora più efficace ai reati che più affliggono la cittadinanza, soprattutto i predatori e sulla violenza di genere. Nella giornata di ieri sono state portate a termine molto positivamente due operazioni di servizio, in particolare:

- A Cupra Marittima, i Carabinieri della locale Stazione, allertati da una chiamata di un cittadino al 112, sono prontamente intervenuti presso uno chalet dove era stato segnalato un furto in atto. Sul posto hanno effettivamente rintracciato un trentaseienne di San Benedetto del Tronto che si era appena impossessato di un computer portatile e di un telefono cellulare, appartenenti al proprietario della struttura,  che cercava di guadagnare la fuga. I Carabinieri lo hanno bloccato appena in tempo, portato in caserma ed arrestato per furto aggravato e messo a disposizione dell’Autorità giudiziaria fermana;

- Ad Ascoli Piceno, i Carabinieri della Compagnia, chiamati al numero di emergenza europeo 112, sono intervenuti con la massima tempestività in un’abitazione del centro dove un uomo di 45 anni, probabilmente in preda ai fumi dell’alcol, stava aggredendo la propria consorte in modo violento alla presenza della figlia minore. L’uomo, non nuovo a simili episodi come raccontato dalla malcapitata che non ha voluto farsi visitare dai dottori pur presentando varie tumefazioni al volto né sporgere formale denuncia, è stato bloccato dai militari e tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ascoli Piceno.

L’operato dell’Arma, sempre attento ai bisogni del territorio, continuerà in maniera incessante sempre a tutela della cittadinanza la cui collaborazione è fondamentale come nel caso odierno. importante è pertanto chiamare subito il 112, ovvero recarsi  personalmente in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni