Ascoli Calcio, Troiano: “Abbiamo analizzato errori, dobbiamo reagire. Sono a disposizione per Cremona”

Marco Amabili

19 Febbraio 2019

Michele Troiano

Il centrocampista dell'Ascoli Michele Troiano ha parlato al nostro microfono stamane nella sala stampa della sede di Corso Vittorio Emanuele dopo la brutta sconfitta interna contro la Salernitana ed in vista del prossimo match allo "Zini" di Cremona valevole per la 25esima giornata del campionato di Serie B.




Ecco le altre dichiarazioni in conferenza stampa di Troiano riportate dal sito ufficiale dell'Ascoli Calcio: "Sapevamo, anche se lo scongiuravamo, che prima o poi sarebbe potuto arrivare un momento difficile, siamo una squadra esperta e quindi affrontiamo questa situazione. Siamo reduci da due sconfitte interne ed è chiaro che la sosta prolungata a livello mentale non ci abbia fatto bene. All'indomani della sconfitta ci siamo allenati, abbiamo analizzato gli errori, ora sappiamo quelli che non dovremo più commettere per ottenere risultati diversi dagli ultimi.  Come sto? Bene, mi sto allenando regolarmente col gruppo e sabato sarò a completa disposizione del Mister; con la Salernitana purtroppo non ero nelle condizioni di poter dare una mano e l'allenatore ha fatto bene a non farmi giocare. Con la Cremonese avrò sette allenamenti in più nelle gambe. Perché la sconfitta è coincisa con la mia assenza? E' stato un caso, se ci fossi stato magari avremmo perso 6-2, chi può dirlo. Dispiace perché la partita si era incanalata nel verso giusto, ma qualche disattenzione sulle palle inattive ci ha fatto andare in svantaggio. Dopo una sconfitta prima si analizzano gli errori, ciò che si poteva fare meglio senza cercare un colpevole, ma cercando la soluzione. E la soluzione è lavorare, essere uniti e compatti, quello che fortunatamente siamo, sapendo che abbiamo un piccolo vantaggio sulle dirette concorrenti alla salvezza e che non dobbiamo bruciarlo. Dopo l'analisi, bisogna ripartire dagli aspetti positivi, ovvero dal secondo tempo della partita, in cui la squadra ha messo in campo carattere, cercando di recuperare il risultato pur non riuscendoci. Sappiamo che l'Ascoli deve giocare come nel secondo tempo sotto il profilo caratteriale, non dobbiamo prendere gli "schiaffi" per reagire, ma siamo noi che dobbiamo colpire per primi. La gara col Perugia è stata diversa, in quella occasione avevamo disputato un buon primo tempo, tanto che gli avversari non avevano mai tirato in porta, nel secondo tempo ci fu un uno-due letale che ci tagliò le gambe. In più circostanze finora abbiamo dimostrato d'essere bravi giocatori e di esperienza, nel girone di andata abbiamo messo fieno in cascina che ci consente di essere abbastanza sereni, ma non dobbiamo cullarci su questo e dobbiamo tornare l'Ascoli del girone di andata. I nuovi innesti? Stanno lavorando tanto, non è semplice entrare subito nei meccanismi di gioco, si stanno inserendo bene, cerchiamo di metterli nelle condizioni ideali per rendere al meglio. L'errore sarebbe quello di caricarli di eccessive responsabilità pensando che risolvano tutto. Con la Salernitana non è che i nuovi non hanno fatto bene e gli altri sì, qui siamo una squadra unica e stiamo lavorando a testa bassa per fare risultato a Cremona. Sappiamo che la Cremonese è una buonissima squadra, partita per altri obiettivi, dovremo approfittare del fatto che vorranno vincere a tutti i costi; di fronte avranno venti animali con la bava alla bocca che non vorranno uscire dal campo senza punti. Ho visto l'ultima partita della Cremonese e non a caso, dopo il punto che ottenemmo col Cosenza, dissi che era un punto d'oro, nei campi del Sud le squadre creano la propria salvezza. Conosciamo il valore della Cremonese, ma quello che conosciamo maggiormente è il nostro valore, quello che dovremo mettere in campo. I risultati dell'ultimo turno?  Non ho mai sperato nei risultati delle altre squadre, dobbiamo guardare in casa nostra, coi fatti abbiamo dimostrato d'avere una squadra di uomini e nei momenti difficili è l'uomo che ti dà una mano più che il giocatore, abbiamo tutte le carte per voltare pagina, abbiamo un solo credo, quello di tornare a fare immediatamente una prestazione diversa che è sinonimo di risultato. Gli obiettivi? Inutile pensare a un obiettivo di lungo temine, per noi l'obiettivo è la Cremonese".

Il patron bianconero Massimo Pulcinelli ha così commentato via social le dichiarazioni di Troiano: "Grande Michele. Umili, concentrati, tosti e tignosi come abbiamo sempre fatto! Lavoro, sacrificio, volontà e determinazione ma soprattutto quello spirito di squadra mai visto in altre squadre...".

© Riproduzione riservata

Commenti (14)

MARIO78 19 Febbraio 2019 13:35

Grande Troiano -Sei mancato tanto alla squadra spero che adesso tu stia bene e possa riprendere il comando delle operazioni, noi tifosi abbiamo fiducia in te, finchè ci sei stato tu non abbiamo avuto problemi.Dobbiamo cominciare nuovamente a fare punti.Sono fiducioso-


ermanno 19 Febbraio 2019 13:43

Giocatore per noi fondamentale, super sindaco!


bernardo 19 Febbraio 2019 14:11

Con lui e Addae a centrocampo con Cavion e Ninkovic non ci batte piu nessuno, forza!


Pseudo Tifoso 19 Febbraio 2019 14:26

sei più importante tu che lo zar Nicola


MAX 19 Febbraio 2019 14:39

CON TROIANO E ADDAE A CENTROCAMPO E' TUTTA UN'ALTRA MUSICA.


Abbasso i pesciari 19 Febbraio 2019 14:57

Grande sindaco ,senza siamo perduto NB I risultati parlano chiaro


Forza Ragazzi 19 Febbraio 2019 15:43

Rinnovo immediato!!!
Giocatore.


Albardialbissola 19 Febbraio 2019 17:36

Parole da capitano
I ragazzi sono con il mister...ora tocca a loro dimostrarlo realmente sul campo
Bisogna ritrovare serenità e convinzione
Forza ragazzi


settembre nero 19 Febbraio 2019 18:33

Il centrocampo titolare è Troiano,Addae,Cavion, se Troiano o Addae non è disponibile Casarini, se Cavion non è disponibile Frattesi, gli esperimenti Iniguez o Cahja li puoi fare a un quarto d'ora dalla fine, non dal primo minuto, Ciciretti in tribuna, ci stravolge il modulo che ci aveva dato 24 punti nel girone di andata quando ancora non c'era l'amalgama, medita Vivarini medita.


Nino Carbo' 19 Febbraio 2019 18:51

Tutto DIPENDE DA VIVARINI se continua con le sue idee scellerate tendendo fuori calciatori come Addae e Beretta addirittura cambiando MODULO per dare spazio a CICIRETTI si retrocede diretti senza play out .... Il problema è che vivarini deve tornare a fare quello che ha fatto nel girone di andata. FORZA PICCHIO E FORZA GIULIANO TOSTI.


Peppe 19 Febbraio 2019 21:31

Secondo me se la squadra attraversa un momento di difficolta' non e' una vergogna se si rinforza il centrocampo con un uomo in piu'. La forza di una squadra parte dal centrocampo che protegge la difesa e crea per l'attacco. Un centrocampo a 4 con Cavion, Addae, Troiano e Frattesi non mi sembra malvagio.


domesc 20 Febbraio 2019 01:03

Seguito a non capire il perchè Addae non sia sempre titolare fisso a centrocampo. Possibile che l'allenatore non capisca questo, una sera durante una cena, un vecchio dirigente calcistico di alto livello, mi disse testualmente: E' una vita che sono nel mondo del calcio, secondo mè l'allenatore più bravo, è quello che fà meno danni. Aveva ragione!


Rony 20 Febbraio 2019 09:00

Gli errori sono imputabili al 90% al mister che propone formazioni scandalose


Deja vu 20 Febbraio 2019 10:24

Ripeto all'allenatore Vivarini come l'anno
scorso scrissi a Cosmi nel periodo di crisi
profonda di non scordarsi che Baldini c'è


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni