Ascoli Calcio, Lovato: “Grande fiducia nel gruppo e nel mister. Tutti uniti per ripartire da Cremona”

Marco Amabili

19 Febbraio 2019

Gianni Lovato

Per fare il punto della situazione in casa Ascoli dopo la brutta sconfitta interna contro la Salernitana abbiamo intervistato il direttore generale Gianni Lovato, che oggi ha partecipato a Milano all'assemblea della Lega di Serie B in Via Rosellini. (CLICCA QUI PER RESOCONTO)

Direttore, quale è il termometro della squadra dopo il ko con la Salernitana e come si riparte in vista del match di Cremona?

"Abbiamo avuto modo di analizzare in maniera approfondita gli errori commessi nell'ultima gara di campionato. Sapevamo, anche se ovviamente non lo auspicavamo, che potesse esserci un momento di appannamento nelle prestazioni e nei risultati, è fisiologico per tutte le squadre nell'arco di una stagione. Mi conforta il fatto che i giocatori fossero veramente arrabbiati dopo la sconfitta con la Salernitana e vogliosi di reagire alla svelta. E' importante sottolineare come quest'anno abbiamo la fortuna di poter contare su un gruppo veramente sano, composto da professionisti seri e persone perbene, lo voglio dire a voce alta, dai senatori Padella, Troiano e Valentini fino ai ragazzi più giovani ed ai nuovi arrivati. Una squadra che è un blocco unico sia con l'allenatore che con la Società. Abbiamo probabilmente pagato a caro prezzo sia la sosta invernale che lo stop di tre settimane per il match non giocato a Lecce ed il successivo turno di riposo. Noi dirigenti abbiamo grande fiducia nei nostri ragazzi ed in mister Vivarini, un tecnico molto preparato e scrupoloso che farà il massimo per uscire da questo momento di difficoltà. Partiremo per Cremona già nella mattinata di Giovedì, più che altro per motivazioni logistiche, non si tratta di alcun tipo di scelta punitiva, sarà un'occasione per stare maggiormente insieme anche in considerazione del successivo turno infrasettimanale al "Del Duca" contro il Foggia. E' fondamentale che l'ambiente si stringa ancor di più attorno alla squadra e che tutti remino verso la stessa direzione, abbiamo a disposizione calciatori che danno costantemente il 100% in campo e che onorano sempre la maglia. Da Cremona dovremo essere ancor più uniti, sono convinto che rivedremo presto il vecchio Ascoli pronto a regalare molte soddisfazioni ai propri tifosi". 

L'obiettivo resta più che mai la salvezza?

"Abbiamo disputato un girone d'andata importante, al di sopra delle nostre aspettative se consideriamo che la nuova Società si è insediata solamente a metà Luglio e che siamo partiti con tre settimane di ritardo nell'allestimento della rosa rispetto alle altre squadre. Non vuole essere un alibi ma di certo ha rappresentato un piccolo handicap. Un po' tutti, inconsciamente, dopo i buoni risultati conquistati fino all'emozionante vittoria interna contro il Crotone, abbiamo creduto che tutto potesse venirci più facile e magari sono state perse le nostre caratteristiche principali, ovvero l'umiltà e la capacità di stare sempre sul pezzo e di essere ostici e rognosi per qualsiasi avversario. Dobbiamo ritrovare subito queste peculiarità per conquistare l'importante obiettivo della salvezza, se poi avremo tempo e modo di puntare ad altro saremo ben lieti di pensarci".

Un giudizio sugli acquisti del calciomercato invernale?

"Chi segue con continuità gli allenamenti avrà notato l'umiltà e le capacità tecniche degli ultimi ragazzi arrivati, che sono stati tutti ottimamente accolti dal gruppo. E' sbagliato dar loro la croce addosso per una prestazione non positiva, un giudizio più chiaro va forzatamente rinviato dopo un determinato numero di partite, ma siamo sicuri che faranno bene, tutti i calciatori che abbiamo prelevato a Gennaio hanno la possibilità di farsi valere in maglia bianconera".

Novità sul fronte rinnovi dei giocatori in scadenza di contratto?

"Come già detto dal direttore sportivo Tesoro sono discorsi che avremmo analizzato dopo la chiusura ufficiale della finestra invernale di calciomercato. Quel momento è arrivato, ma ora ciò che più conta davvero è far bene a Cremona e riscattare gli ultimi passi falsi, poi ci sarà tempo per analizzare al meglio il discorso rinnovi".

Tre giornate di squalifica al capitano Padella con la prova tv, farete ricorso?

"Sì, sicuramente. Abbiamo già inoltrato ufficiale ricorso contro una decisione che non riteniamo giusta. A nostro giudizio l'intervento di Padella su Vuletich non è stato volontario ma si è trattato di uno scontro di gioco, come ce ne sono tanti nell'arco di una partita".

A che punto siamo con il recupero dei giocatori infortunati?

"Sotto il punto di vista medico al momento la priorità è rappresentata dai recuperi di Ardemagni e Lanni, come abbiamo già precedentemente dichiarato. Ho avuto modo, personalmente, di effettuare uno studio sugli infortuni che quest'anno hanno richiesto l'utilizzo di strutture specializzate esterne. E' emerso che, rispetto alla scorsa stagione, abbiamo meno della metà dei casi di giocatori infortunati che sono stati trasferiti in centri specialistici fuori regione. Un dato che ritengo in linea con quello della maggior parte delle squadre di Serie B, a conferma dell'ottimo valore dello staff medico. E' evidente che su Ardemagni qualcosa non abbia funzionato, soprattutto nella prima fase del suo problema muscolare accusato il 21 Dicembre nella gara contro il Brescia. Volevamo tutti vederlo in campo nel giro di poche settimane, ma purtroppo i tempi si sono un po' allungati. E' stato effettuato un lavoro approfondito sulla criticità ed infatti il ragazzo da circa tre settimane sta portando avanti un programma di recupero all'Isokinetic di Torino, un importante e prestigioso centro specialistico riconosciuto dalla Fifa. Lo staff medico sta facendo di tutto per metterlo a disposizione del mister prima possibile. Per Lanni invece è un discorso diverso, c'è stato bisogno di uno studio dettagliato per capire l'origine dei suoi problemi muscolari che si trascina ormai dalla scorsa stagione. Ora il quadro è più chiaro, si tratta di una problematica di origine dentale per la quale si ricorrerà all'utilizzo di uno specifico bite. Il ragazzo si sta sottoponendo alle cure e agli esami del caso in un centro specialistico a Roma e per la prossima settimana è previsto il suo rientro ad Ascoli".

Come giudica finora l'operato della classe arbitrale?

"Come Società nutriamo grande rispetto per il lavoro degli arbitri, ma sicuramente in questa stagione alcune loro decisioni non ci hanno aiutato, mi pare evidente. L'errore ci sta, ci mancherebbe altro, ma posso affermare a ragion veduta che siamo in credito in relazione agli episodi arbitrali ed in prima persona mi sono mosso per farlo notare ufficialmente nelle sedi competenti, chiedendo maggiore attenzione nelle scelte che poi possono mutare il corso di una partita. Contro la Salernitana, ad esempio, il terzo gol granata nasce da un evidente stop con il braccio sinistro di Jallow, ci fosse stato il Var quel gol sarebbe stato annullato e quella gara, nonostante la nostra prestazione negativa nella prima frazione, avrebbe potuto prendere una piega diversa. Proprio oggi in assemblea abbiamo parlato dell'introduzione del Var in Serie B, magari a partire già dai playoff-playout di questo campionato. Ancora non c'è stata una decisione definitiva in tal senso ma io spero che avvenga. In un mondo dove la tecnologia la fa ormai da padrona mi pare corretto che anche il calcio si adegui, le partite di Serie A hanno dimostrato come il Var, pur non essendo infallibile, abbia drasticamente diminuito il numero degli errori e delle sviste. Faccio l'esempio di Spal-Fiorentina dell'ultimo turno, match di cui si è discusso molto: si può eccepire sulle tempistiche, ma di certo non si può dire che la decisione presa dai direttori di gara sia poi risultata sbagliata".


© Riproduzione riservata

Commenti (26)

francesco 19 Febbraio 2019 19:42

Bene il direttore, sa sempre come e quando parlare, ora a Cremona si deve vincere e dalle parole passare ai fatti, dobbiamo arrivare a quota 28, daje!


Ze 19 Febbraio 2019 19:52

Lo stop di mano sul loro terzo gol non è stato visto, andrebbe sanzionato in quanto volontario


Per sempre Ascoli 19 Febbraio 2019 20:25

Non una parola sul modulo di gioco e sugli approcci alle partite! Non è solo la Salernitana ma sono 9 gol presi nelle ultime tre partite!!!!
Se non si corre ai ripari con una protezione adeguata della difesa, se il Mister non la smette di parlare di bel gioco....si va dritti in serie C!!!!
Svegliatevi tutti, dal presidente, dirigenti, allenatore e giocatori. Nel 2019 avete fatto solo chiacchiere eppoi in campo ....avete fatto ridere gli avversari.


bernardo 19 Febbraio 2019 20:39

D'accordo con il Var in B, avevamo almeno 6/7 punti in più, sicuro


Foggia rossonera 19 Febbraio 2019 21:07

Preparatevi al sorpasso che mettiamo la freccia


Abbasso i pesciari 19 Febbraio 2019 21:17

Grande Lovato ,spero solo di cambiare l'allenatore ,altrimenti non ci salviamo


MAX 19 Febbraio 2019 21:17

LE CHIACCHERE NON CI FANNO PRENDERE I PUNTI…..VOGLIO ESSERE FIDUCIOSO PER LA TRASFERTA A CREMONA MA SE SI PERDE PURE LI NON SI PUO' PIU' FAR FINTA DI NIENTE E NON PRENDERE ALCUNA DECISIONE.


LORENZO CAPRO' 19 Febbraio 2019 21:23

HA RAGIONE BERNARDO CON IL VAR 6 PUNTI IN PIÙ E SENZA PERUCCHINI ALTRETTANTI. SI RIVEDE FOGGIA ROSSONERA, PERÒ QUESTA VOLTA SI SBAGLIA.... IL SORPASSO CON NOI NON CI SARÀ, FORSE SE SIETE FORTUNATI CON ALTRE SQUADRE. PENSO CHE SARÀ DURA PER VOI, SENZA SOCIETÀ AFFIDABILE NON SI VA' DA NESSUNA PARTE E LE CIAMBELLE NON RIESCONO SEMPRE CON IL BUCO. PENSA DI PIÙ AI VOSTRI GRANDI PROBLEMI. NOI SE AVESSIMO AVUTO MENO SFORTUNA ERAVAMO IN ZONA PLAYOFF, PER LA SALVEZZA NON CONTARE SU DI NOI, VAI A SCRIVERE SUI SITI DI ALTRE TIFOSERIE.


Renato psg 19 Febbraio 2019 21:31

Non voglio fare il polemico ma ultimamente prima di affrontare l avversario i dirigenti ascolani piu lo staff tecnico dicono che la squadra visto gli allenamenti non ci saranno problemi per ottenere la posta in palio mah per ora dopo che affermano questo ariano sconfitte vergognose.un ultima considerazione la lega di b parla bene di noi ma poi in campio chi dirige penalizza sembrerebbe noi basta constatare solo un penalty e oggi ciliegina Silla torta la squalifica di padella per una gomitata prova tv io non mi sono accorto e penso che neanche noi tifosi e lo stesso aversario si sia accorto di tutto ciò. Speriamo a Cremona che non sta attraversando un buon momento ,ma ultimamente chi sta atraversando un momento no e ha affrontato il picchio ha ottenuto tre punti che non vedano da un po'., speriamo di ripetere l exploitxdella anno scorso che ci diede la spinta giusta per la salvezza.


POTENZA ⚡PICENA 19 Febbraio 2019 21:58

Complimenti al nostro DG Lovato, ora è importante recuperare Troiano(fondamentale!) e poi personalmente farei giocare Bacci perché lo merita ! Un abbraccio al mister per l'ottimo girone d'andata : daglje Vence' che al ritorno farai altrettanto bene !sbn74


Forza Ragazzi 19 Febbraio 2019 22:04

i Rinnovi?
Addae e Troiano in primis...ma quando?


Andrew 19 Febbraio 2019 22:51

Basta a puntare sempre il dito contro gli arbitri quando si perde. È troppo comodo! Guardiamo la realtà dei fatti. Questa squadra è mal diretta. Cosmi con mezza squadra rispetto a questa, sia a livello tecnico sia come numero di giocatori, aveva una media punti superiore. A me non interessa il bel gioco, almeno fine a se stesso, ma che si vinca! Questo allenatore non fa per l'Ascoli e lo dimostrano i fatti. Per cui....


Cambiare 20 Febbraio 2019 08:07

Condivido, da sempre, l'idea della non adeguatezza dell'allenatore ma, poniamo l'accento anche sullo staff medico, gestito male tutti gli infortuni, ingrosso lo ha anche detto e a Foggia sabato ha giocato tutta la partita, società professionistica necessita di staff medico adeguato


Marco Abruzzese 20 Febbraio 2019 08:41

Caro Direttore Lovato del triste capitolo arbitraggi nulla di nuovo sotto il sole altro che Var "solo chiacchiere e distintivo" con imperturbabile Morganti contro Ascoli ci invia Minelli superspecialista per farlo sempre perdere fosse anche subendo goal fatto col braccio o espulsione e se non basta ci piazza l'ingiusta squalifica...


vincenzo 20 Febbraio 2019 08:50

Bella intervista, concetti chiari, dico solo una cosa però a Lovato e alla Società: rinnovare ad Addae subito fino al 2022, e vedrete che il nostro leone anche quest'anno ci trascinerà alla salvezza


Mark74 20 Febbraio 2019 09:18

Dopo avere fatto prestazioni come le ultime, più che pensare agli arbitraggi, mi farei qualche domanda:
- perché non è stato acquistato un attaccante degno di questo nome a Gennaio (prima vera necessità)?
- perché la squadra dopo 6 mesi non ha un gioco ed una formazione tipo?
- Ma soprattutto perché ogni anno ci ritroviamo a Febbraio a dire che l’obiettivo è la salvezza?

Data l’inappropriatezza di questa squadra/allenatore a questo punto non ci rimane che confidare nella VAR ...magari anche senza gioco qualche punto lo facciamo ;-)


Pippo 20 Febbraio 2019 11:28

Ritengo che per squadre come la nostra, anzi per la maggior parte delle squadre ad esclusione dei grandissimi club europei, a questo punto della stagione, una base di 8/9 titolari fissi, se disponibili, bisognerebbe averli e questo mi sembra il problema più grosso di Vivarini al quale più ingrandisci la rosa e più gli crei problemi. È poi è uno di quelli che i giovani non li vede non li vuole e non li sa valorizzare e per l'Ascoli Calcio questa è una grave pecca.


pietro 52 20 Febbraio 2019 13:29

Vivarini e' il problema dell Ascoli....tattica gioco frenato e squadra ogni domenica rivoluzionata....un progetto che ci porta dritti dritti in lega pro....occorre ricorrere..chiedendogli scusa...a serse che lo scorso anno con una squadra debole ci ha salvati dalla serie c......prima che sia troppo tardi.....


gamer 20 Febbraio 2019 13:56

massima fiducia sull'allenatore che prende 7 gol in due partite in casa 4 gol da una squadra di c,sempre in casa ,mi sembra un po' troppo,io inizierei a guardarmi in giro ,anche perche' non mi sembra un tecnico che ha capito bene quello che sta' facendo,lasciamo perdere come sta' gestendo i nuovi arrivati,e' veramente preoccupante questa dichiarazione di lovato,MOLTO PREOCCUPANTE


Andrew 20 Febbraio 2019 13:57

D'accordissimo con Pietro 52. Richiamare Cosmi prima che sia troppo tardi! Ed è già un po' tardi....


forlo59 20 Febbraio 2019 15:30

Oltre al fatto che Cosmi aveva meritato di restare su nostra panca, con una pessima squadra (lo dimostra anche il fatto che sono stati smammati molti dei calciatori della scorsa rosa) è riuscito a salvarci. Con il gruppo di quest'anno avrebbe avuto certamente una decina di punti in più.
Quando vedo giocare la squadra vedo tanta confusione, la stessa confusione che traspare dalle interviste a Vivarini. Il sig. Lovato dice cose verissime condivisibili e corrette; ma mi restano dei dubbi sul fatto che tutti i giocatori ci mettono anima e cuore. Se così fosse davvero, debbo pensare che Ganz non sia molto intelligente. Cremona e poi Foggia...................speriamo bene, altrimenti mettere poi riparo non sarà cosa semplice.


rico 20 Febbraio 2019 17:29

Dai Ascoli, più umiltà, più corsa, più pressing, insomma Beretta e Addae devono essere inamovibili (se ci vogliamo salvare), comunque solo e sempre FORZA ASCOLIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII


MIMMO 20 Febbraio 2019 20:19

Carissimo DS sappiamo che dalle parole ai fatti c’è di mezzo la Cremonese. Dire che il riscatto arriva Sabato è come dire che alla prossima lotteria vincerò il Superenalotto. Detto ciò dici che c’è piena fiducia nel mister? Solo cavolate. Perdiamo a Cremona con lo scontro ditemi subito dopo con il Foggia. Vediamo se dopo la fiducia resta in Vivarini. Secondo me avete perso una settimana.


Dario 21 Febbraio 2019 06:46

D'accordo con Mimmo.


Massi70 21 Febbraio 2019 06:58

Ovviamente spero nei 3 punti ma bisogna essere realisti. Ancora una partita senza una punta vera. L'anno scorso nella totale mediocrità comunque c'era Monachello che ci ha risolto tanto pur non essendo un fenomeno. Oggi? Mah..........


Gigi 21 Febbraio 2019 11:27

Pure io sono in parte d'accordo con Mimmo.
Il fatto è che, ad oggi, stiamo attraversando un periodo di crisi, ma non siamo invischiati nei bassifondi.
E' anche logico dare una chance all'allenatore.
E' ovvio che se non va bene con Cremonese e Foggia, non credo che Vivarini possa avere altre possibilità di riscatto.
Ripeto, mia opinione, se rimaniamo sopra la soglia del rischio, Vivarini non lo manda via nessuno, se cominciamo a vedere il baratro allora è inevitabile il cambio, ma per come, sia Lovato che Pulcinelli, sono "innamorati" di questo allenatore, lo vedo difficile un cambio proprio se non è indispensabile.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni