Ultras 1898: “Da Cremona torneremo a sostenere Ascoli. Confronto deciso con mister e squadra”

Redazione Picenotime

21 Febbraio 2019

Pubblichiamo integralmente il comunicato ufficiale degli Ultras 1898 dopo lo sciopero del tifo in occasione del match interno contro la Salernitana ed in vista del prossimo impegno di campionato che vedrà l'Ascoli impegnato allo stadio "Zini" di Cremona nel pomeriggio di Sabato 23 Settembre. 

"Gli Ultras 1898 ringraziando:

- tutti i gruppi organizzati e tutti i tifosi che hanno aderito alla nostra forma di protesta, in occasione sia della partita disputata a Lecce (poi rinviata) sia di quella in casa contro la Salernitana, dimostrando ancora una volta l’unitá di intenti e la coesione che contraddistingue la nostra tifoseria.

- gli Unici 89 Fortitudo Bologna e la Curva Sud Siberiano per aver rinunciato a tifare, rispettivamente nel primo quarto e nel primo tempo, durante i loro ultimi rispettivi match, e le tifoserie che ci hanno espresso vicinanza e solidarietà.

- tutti gli Ascolani, interessati o meno alle sorti calcistiche cittadine, che ci hanno mostrato concretamente vicinanza e sostegno e specificando che la coesione di tutte le componenti elencate ha portato a risultati insperati e all’interessamento di importanti istituzioni e personalità sulla questione Palermo.

comunicano che a partire dalla prossima partita in trasferta a Cremona di Sabato  23/02/2019 torneranno a tifare e a sostenere l’Ascoli, come hanno sempre fatto.

Al contempo non mancheremo di vigilare sull’operato della squadra.

Proprio per questo, nel pomeriggio di ieri una nostra delegazione si è recata al campo d'allenamento per avere un confronto tranquillo ma deciso con la dirigenza, il mister e la squadra al fine di spronare queste ultime due componenti a dare maggiore grinta ed impegno in campo, così da evitare future debacle come quelle avute nelle ultime due partite interne, dove grinta e impegno non sono stati evidentemente espressi al massimo.

Informiamo inoltre che la battaglia per i soprusi subiti a Palermo continuerà nelle apposite sedi legali e teniamo a ringraziare già da ora chi ci supporterà nelle future iniziative che intraprenderemo in questo senso".


© Riproduzione riservata

Commenti (16)

SKYFO 21 Febbraio 2019 14:16

Resto sempre perplesso di fronte a certe esternazioni. Tutto è ammesso, ma a condizione di RECIPROCITÀ. Ebbene, non credo che gli Ultras consentano a qualcuno di "vigilare" sul loro operato nel modo di fare il tifo...e allora, che non interferissero con società e calciatori..ad ognuno il proprio ruolo ed il proprio mestiere!! Quanto allo sciopero del tifo, continuo a ritenerlo fuori luogo...cosi come un atleta sa benissimo di poter incorrere in un infortunio fisico anche grave, allo stesso modo un Ultrà sa che può incorrere nel Daspo, specie ora che la normativa ha stretto molto le maglie (e non dico che sia giusto eeeh!!)...una sorta di RISCHIO PROFESSIONALE, ecco!!... Quindi, massima solidarietà alle vittime del Daspo ma assolutamente contrario ad uno sciopero che penalizza solo la tifoseria in generale...visto che andare allo stadio e non tifare è come "andare a Roma e non vedere il Papa"...giusto per non fare altre similitudini "vietate ai minori"... AHAHAH!!!... FORZA PICCHIO!!!


Matteo 21 Febbraio 2019 15:13

Finalmente una bella notizia, grandi gli ultras corro a fare il biglietto dobbiamo essere almeno in cinquecento con il nostro tifo sarà come giocare in casa.


Lorenzo 21 Febbraio 2019 15:35

Fatto salvo che sembra ci sia stata una grande ingiustizia, ricordo a questi signori che in città ci sono problemi più importanti, migliaia di disoccupati e famiglie che non arrivano a fine mese


Marco 21 Febbraio 2019 15:38

Che ne dite la prossima partita in casa di fare una panolada sventolano fazzoletti bianchi?


Riccardo 21 Febbraio 2019 16:24

Comprendo il disagio di chi si trova implicato nella questione, ma non esageriamo con questa vicenda, non è capitato solo ai ragazzi che sono andati a Palermo


Gigi 21 Febbraio 2019 16:25

Scusa Lorenzo, quando dici questi signori ti riferisci agli ultras? No perchè non credo che si debbano occupare loro dei disoccupati e delle famiglie in difficoltà.
Con tutto il rispetto delle difficoltà di tutti, non è che ci si può chiudere dentro casa a piangere oppure facciamo gli stessi sermoni anche a chi riempie i locali le sere, a chi va a teatro, a chi va al cinema ecc. , anche in quei casi ci sono disoccupati e famiglie che non arrivano a fine mese.
Se però ti riferisci ad altro, spiegati.


fa 21 Febbraio 2019 17:37

bravo Marco..questa è una buona idea..che sicuramente darebbe più risalto alla protesta anche a livello mediatico..invece di restare muti come pesci...


UN ascolano a montesilvano 21 Febbraio 2019 17:51

A parte la grande fesseria dello sciopero ma anche la societa visto il prolungarsi il recupero di ardemagni poteva mandarlo molto tempo prima in un centro piu specializzato che sicuramente sarebbe già guarito


Nicola 21 Febbraio 2019 18:22

Ora si deve tifare più forte di prima basta scioperi rovesciati sull'Ascoli abbiamo perso pure per quello


Lorenzo 21 Febbraio 2019 19:21

Gigi se non leggo male nel comunicato si riporta che grazie alla solidarietà dei tigodi, c'è stato l'interessamento di istituzioni e personalità, questo si legge, quindi presumo sia vero ciò che dicono gli ultras, da qui il mio riferimento a disoccupati e famiglie in difficoltà, se per te le istituzioni si debbono occupare di queste cose abbiamo una visione diversa.


Fabio 21 Febbraio 2019 19:30

Biglietto appena fatto la ragazza della biglietteria mi ha detto che la vendita è giacca, forza Ascolani ora la scusa dello sciopero non c'è tutti a Cremona


Marco 21 Febbraio 2019 19:59

Da Milano saremo in 5 ho sentito altri fratelli bianconeri che sono al nord per studi e lavoro saremo tutti presenti sciarpa al collo ci si vede allo Zini


Giovanni 21 Febbraio 2019 21:12

La scorsa settimana si è parlato solo dello sciopero del tifo, facciamo basta non se ne può più, torniamo a discutere di calcio giocato, se gli ultras tornano a fare tifo fanno il loro dovere non è una notizia


MAX 21 Febbraio 2019 22:18

X GIOVANNI
VORREI PRECISARE CHE FARE TIFO NON E' UN DOVERE. LO SI FA PER PASSIONE E AMORE . CHI DEVE FARE LA SUA PARTE CON DOVERE SONO I GIOCATORI CHE PERCEPISCONO UN COMPENSO. AFFRONTARE COSTI PER SEGUIRE LA SQUADRA DEL CUORE E' UN ATTO D'AMORE NON UN DOVERE.


PRENESTINO BIANCONERO 21 Febbraio 2019 22:35

Tra Cremonese e Foggia c'è un minimo di punti da fare, al di sotto del quale si provvede al cambio della guida tecnica?
Oppure, quali che siano i risultati, si va avanti con Vivarini?


flavio 21 Febbraio 2019 22:54

Grande errore, grande delusione.Liberissimi di fare quello che vogliono.Danneggiare la squadra per un ingiustizia subita che non è dipesa minimamente dalla società o dai giocatori è incomprensibile.Ora sarà dura cantare" non ti lasceremo mai".


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni