Italia Under 21, buona prova dell'ascolano Orsolini nel pari a reti bianche con l'Austria

Redazione Picenotime

21 Marzo 2019

Riccardo Orsolini ha collezionato stasera l'undicesima presenza con la maglia azzurra dell'Under 21. Il 22enne esterno offensivo ascolano, attualmente in forza al Bologna, ha giocato 58 minuti a buon livello nel match amichevole pareggiato 0-0 dalla squadra di Di Biagio contro l'Austria allo stadio "Nereo Rocco" in vista della fase finale degli Europei in programma in Italia il prossimo Giugno

Lasciate alle spalle le sconfitte con Inghilterra e Germania (entrambe per 2-1), l’Under 21 si accingeva a fronteggiare un altro test probante in amichevole contro l’Austria, anch’essa qualificata alla fase finale della kermesse continentale che l’Italia ospiterà per la prima volta nella sua storia. Per la squadra di Luigi Di Biagio si trattava della prima uscita ufficiale nel 2019, proprio in uno stadio, il ‘Nereo Rocco’, che sarà tra l’altro una delle sedi di gara della fase finale. Uno stadio, nel quale gli Azzurrini tornavano a giocare a dieci anni di distanza dall’ultima amichevole pareggiata con la Svezia nel febbraio 2009.

In Friuli, privo di Mancini, Zaniolo e Kean promossi in Nazionale maggiore, Di Biagio schiera Cutrone nel tridente con Orsolini e Bonazzoli. In difesa davanti ad Audero, la linea formata dai centrali Bonifazi e Luperto con Calabria e Pezzella sugli esterni. A centrocampo confermati Mandragora e Locatelli, con Murgia a completare la mediana. L’avvio dell’incontro è tutto di marca azzurra: già al secondo minuto Bonazzoli ha la grande chance del vantaggio ma Schlager in uscita gli chiude lo specchio della porta. Gli Azzurrini riescono ad imprimere un ritmo molto alto all’incontro ed infatti, al 17’, il colpo di testa di Murgia lambisce il palo alla destra della porta austriaca. Il maggior tasso tecnico della formazione di Di Biagio appare evidente; nel giro di due minuti, prima Bonazzoli e poi Locatelli cercano la soluzione da fuori. Sembra il preludio al gol, ed invece, alla mezz’ora, da un errato disimpegnato di Bonifazi, nasce la ripartenza austriaca, conclusa dalla deviazione fuori misura di Lovric che si perde sull’esterno della rete. L’occasione più ghiotta per l’Austria si materializza al 34’ col tiro a botta sicura di Horvath sul quale si esalta Audero che salva il risultato. Le due opportunità spaventano gli Azzurrini e danno coraggio agli ospiti, pericolosi prima dell’intervallo con Honzak sul quale è ancora bravissimo il portiere italiano che mette la sfera in angolo. Ad inizio ripresa è nuovamente la squadra di Di Biagio a provare a fare la partita. Al 48’ sull’asse Mandragora-Bonazzoli, l’attaccante azzurro cerca di sorprendere Schlager ma il suo tiro è centrale. Tre minuti più tardi ci prova anche Locatelli ma la conclusione non inquadra il bersaglio. Con il passare dei minuti la gara vive di improvvise fiammate. Al 70’ Di Biagio sostituisce Pezzella, Murgia e Bonazzoli per Dimarco, Valzania e Moncini. Gli effetti di questa importante variazione di forze in campo producono però un brivido alla porta di Audero, bravissimo ad anticipare Schmidt. All’81’ poi nuova di cambi: dentro Adjapong, Romagna e Tonali (all'esordio) per Calabria, Bonifazi e Locatelli. Nel finale la chance per l’Italia la costruisce Parigini, ma né Cutrone né Valzania trova la deviazione vincente. In pieno recupero, l’ultimo sussulto è il colpo di testa di Danso che per fortuna si spegne sul fondo.

E’ stata buona la prima mezz’ora, poi ci siamo disuniti – il commento di Di Biagio – Abbiamo perso certezza a causa di nostri errori. Bisogna lavorare e migliorare ma ne siamo consapevoli. Dobbiamo essere più cinici e più lucidi in alcune situazioni di gioco”. Ora, la prossima tappa di avvicinamento ad Euro 2020 è fissata per lunedì a Frosinone contro la Croazia, altra finalista della rassegna continentale, un ultimo ed importante step in vista del cruciale appuntamento di giugno. “Mi aspetto una partita diversa anche perché l’avversario palleggio maggiormente. Stasera abbiamo trovato molti spazi chiusi e questo ci ha fatto innervosire. Dobbiamo avere più pazienza”.


TABELLINO

ITALIA-AUSTRIA 0-0

ITALIA: Audero; Calabria, Bonifazi, Luperto, Pezzella (69′ Dimarco); Murgia (69′ Valzania), Mandragora, Locatelli, Orsolini (58′ Parigini); Bonazzoli (69′ Moncini), Cutrone. A disposizione: Meret, Scuffet, Tonali, Bastoni, Moncini, Depaoli, Adjapong, Romagna, Vido, Cassata, Calabresi. Allenatore: Di Biagio.

AUSTRIA: Schlager; Honsak (78′ Friedl), Ljubicic, Danso, Grbic (61′ Schmidt), Lovric, Ullmann, Maresic, Ljubic (61′ Kalajdzic), Horvath (82′ Kvasina), Ingolitsch. A disposizione: Kreidl, Baumgartner, Peric, Jakupovic, Balic, Meisl, Gluhakovic. Allenatore: Thalhammer.

Arbitro: Jérôme Brisard (Francia)


Il programma

Venerdì 22 marzo

Ore 11.05: volo Trieste-Roma Fiumicino e trasferimento c/o Mancini Park Hotel

Ore 16.30: allenamento (chiuso)

Sabato 23 Marzo 

Ore 12.45: incontro con la stampa in hotel (calciatori)

Ore 15.30: Allenamento (aperto)

Domenica 24 marzo 

Ore 10.30: trasferimento a Frosinone

Ore 13.30: incontro con la stampa presso hotel Bassetto di Frosinone (Di Biagio)

Ore 17: Allenamento (aperto primi 15 minuti stampa)

Lunedì 25 marzo

Ore 18.30: Gara ITALIA-CROAZIA, Stadio “Benito Stirpe” di Frosinone - al termine della gara incontro con la stampa e scioglimento della delegazione


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni