Spezia-Ascoli, Pulcinelli: “Non sarà facile ma dobbiamo credere alla terza vittoria di fila per la salvezza”

Redazione Picenotime

10 Aprile 2019

Massimo Pulcinelli

Il patron bianconero Massimo Pulcinelli sarà a La Spezia già dalla serata di Venerdì 12 Aprile per stare al fianco della squadra di Vincenzo Vivarini in vista del match contro la compagine di Pasquale Marino in programma Domenica 14 Aprile alle ore 15 allo stadio "Picco" per la 33esima giornata del campionato di Serie B. 

"Non abbiamo mai fatto tre vittorie consecutive e, finora, non abbiamo mai conquistato 6 punti con la stessa squadra - ha dichiarato Pulcinelli a Picenotime.it -. Se ci crediamo, magari, proprio a La Spezia potrebbe essere l'occasione giusta. Serviranno cattiveria e la giusta determinazione, qualità che ci permetteranno di confermare di essere uomini veri, lottando sul campo con grinta e coraggio. Loro, lo hanno detto, ci aspetteranno con rabbia e fame, convinti di batterci facilmente. Quindi dovremo avere attenzione e massima concentrazione. Oggi ho tenuto un seminario formativo con i miei ragazzi di Bricofer e ho portato loro l'esempio proprio dell'Ascoli Calcio, della rinascita dopo la debacle di Lecce. Ho parlato del fatto che ci siamo incontrati a Roma ed in un momento di grande difficoltà abbiamo costruito un piccolo pezzo di storia. Dal nostro confronto romano siamo ripartiti, c'è stata una fortissima reazione ed abbiamo dimostrato concretamente responsabilità e voglia di vincere. Nel calcio, come nella vita, le difficoltà ti si presentano costantemente, la differenza la fa sempre il modo con cui le affronti. Se ci "facciamo abbattere" scendiamo sempre più giù, invece noi, dopo Lecce, abbiamo reagito come squadra, uniti, con convinzione, sacrificio, forza ed orgoglio. Domenica sarebbe molto importante raggiungere il traguardo salvezza con una bella vittoria, non sarà facile ma dobbiamo crederci. F.A.C.S.S., Forza Ascoli Carica Sul Serio!".


© Riproduzione riservata

Commenti (25)

Picus 10 Aprile 2019 20:15

Complimenti al Patron per la fermezza dimostrata nei momenti difficili (che sempre ci sono in qualunque stagione) senza perdere la consueta classe e signorilità. Gli errori li fanno tutti: società, allenatori, giocatori e tifosi, ma l'importante è saperne uscire vincitori. Questa è la vera forza, nello sport e nella vita.


28marzo 10 Aprile 2019 20:17

Sempre numero UNO F.A.C.S.S.


Dux80 10 Aprile 2019 20:32

Grande presidente,lei è un saggio che emana sempre positività,avanti tutta col grande mister Vivarini......ce la giochiamo sempre e con chiunque!!!


Xxl 10 Aprile 2019 20:37

GRANDE ERA GRANDE ROZZI MADRE ASCOLANO TU PATRON LO STAI EUHIAGLIANDO CON IL TUO ATTEGGIAMENTO PROPOSITIVO E DI ATTACCAMENTO ALLA NOSTRA SQUADRA E ALLA NOSTRA CITTA PUR NON ESSENDDO ASCOLANO MALLOPPO SEI CERTAMENTE DI ADOZIONE GTAXIE ANCORA E FORZA ASCOLI


Dario 10 Aprile 2019 20:53

ci aspetteranno con rabbia e fame, Noi saremo Famelici cinici e CATTIVI.


Fra61 10 Aprile 2019 21:35

Forza grande massimo
Carica i ragazzi bianconeri che scenderanno in campo
Dobbiamo credere nelle nostre forze contro ogni pronistico
Siamo tutti con voi
ForzaaaaaaaGrande ASCOLI


ermanno 10 Aprile 2019 22:01

Grandissimo patron, sempre al fianco della squadra, sempre presente, sempre sul pezzo, number one!


LORENZO CAPRO' 10 Aprile 2019 23:16

SARÀ UN GRANDE FUTURO


Camionista bianconero 10 Aprile 2019 23:17

Ragazzi questo è un grande teniamocielo stretto, non so se arriverà mai a eguagliare Rozzi, ma diciamo che sta' sulla strada gusta ne ha tutte le potenzialita'! Solo per il bene del Ascoli!


walter rossi ps 10 Aprile 2019 23:31

Concordo con Caprò, non esiste in B un patron/presidente così attento e vicino alla squadra come il nostro, sempre positivo, mai distruttivo, mai una critica ma sempre a costruire, un grandissimo


GIA'54 11 Aprile 2019 01:14

Vi prego non facciamo paragoni con Rozzi.
Rozzi è la storia. Ricordo solo che la sua presidenza è durata ben 26 anni….già per questo unico ed irripetibile.
Tutto quello che ha fatto sarà per chiunque un esempio da seguire e tale rimarrà. Non si possono fare paragoni, Troppo distanti caratterialmente. Troppo distanti i periodi.
Questo non vuol dire che il Patron non abbia tutte le carte in regola per farci tornare a sognare. Ma Rozzi è Rozzi e Pulcinelli è Pulcinelli.
Possiamo solo dire che per fortuna abbiamo un grande uomo che in un periodo diverso e con modi diversi sta dimostrando un amore ed un attaccamento verso questa squadra che ci conforta e riaccende la speranza che possa farci tornare a vivere quelle splendide emozioni calcistiche che il grande Costantino ha scritto in maniera indelebile nel tempo (e che io ho pienamente vissuto).
Patron non me ne voglia……Rozzi era un vulcano che lottava senza peli sulla lingua contro tutto il sistema per tutelare la sua creatura e l’ascolanità.
Oggi tutto è cambiato e se il mondo ci conosce è merito suo come è altrettanto vero ( e lo ha già capito) che questa città ha bisogno di un uomo come Lei.


Paolo65 11 Aprile 2019 10:07

Pienamente d accordo in toto con GIÀ54, e allora perchè non andare allo stadio?


Atlascaruso 11 Aprile 2019 10:09

Per LORENZO CAPRÓ, sarà un grande futuro ma speriamo senza vivarini.


Atlascaruso 11 Aprile 2019 10:11

Patron PULCINELLI , non mi stancherò mai di scriverlo ! SEI IL
NUMERO 1 !! Noi non molliamo tu non mollare !! La squadra che hai allestito è fortissima ... peccato qualche piccola sbavatura...allenatore e parrucchini.


Giuliano 11 Aprile 2019 10:37

La salvezza prima di tutto ma non pensare che i play off sono a un passo è un grande errore. Il motto se insisti resisti raggiungi e conquisti i nostri giocatori se lo devono imparare a memoria.


LOLLO57 11 Aprile 2019 11:14

Atlascaruso, intanto i numeri danno ragione a Vivarini. In futuro si vedrà. Ma tanto a te che importa, mica tifi per l'Ascoli.


Giovanni Gennaretti 11 Aprile 2019 13:41

Xxl, se devi dire ste castronerie, scendi minimo di una taglia, Rozzi non lo eguaglia nessuno ,è unico, trent'anni da Presidente non si inventano dalla sera alla mattina, calma molta calma con sti giudizi, Rozzi ci ha garantito dodici anni continuativi di serie A, più tre o quatto anni di discesa in B ma con risalite immediate, ad Ascoli sono venuti fior di Allenatori Boskov su tutti, campioni come Anastasi Novellino Moro, Pasinato, Lorieri, Pulici, Giordano Casagrande Bieroff, più nomi che ora mi sfuggono e giocatori campioni usciti dal vivaio


Marco Santarelli 11 Aprile 2019 14:07

Pienamente d'accordo con GIA' 54 bravo.
Su Vivarini vedremo come sarà questo finale di campionato, ad oggi meriterebbe la riconferma.
Certo qualche errore lo ha fatto anche lui (ne fa anche Allegri), ma va detto che non ha potuto quasi mai avere la squadra al completo.
Penso che se avessimo avuto Lanni ed Ardemagni senza problemi fisici questa squadra si troverebbe tra le prime 8.


Atlascaruso 11 Aprile 2019 15:29

LOLLO, sono tifoso dal 1992, adesso ho 37 anni. Fatti due conti. In passato con altri allenatori non avevamo una squadra così forte. Ecco perché i numeri danno ragione a Vivarini .


LOLLO57 11 Aprile 2019 16:17

Atlascaruso i numeri danno ragione a Vivarini non adesso che ha la squadra al completo e tutto si è normalizzato, ma quando ha fatto un sacco di punti con la squadra privata dei suoi migliori giocatori, con arbitraggi scandalosi che io, che seguo la squadra dal 1972, non ricordo a mia memoria, grazie soprattutto al suo valore di tecnico


Abbasso i pesciari 11 Aprile 2019 16:39

Io la penso come Atlascaruso ,la squadra è una delle più forti che abbiamo avuto del dopo Rozzi ,ringraziero' Pulcinelli e la dirigenza all'infinito ,ma con un altro allenatore la classifica sarebbe stata diversa ,troppi infortuni legati a problemi muscolari errori tecnici nelle formazioni .Comunque l'importante è la salvezza ed è quasi fatta ,forza ascoli


alessandro 11 Aprile 2019 17:52

Pulcinelli sta sempre al fianco della squadra, da sempre, a me basta questo per capire che ha buone intenzione e gioca pulito, stop! Ora vinciamo a La Spezia e si può iniziare a divertirci, FAC!


Albardialbissola 11 Aprile 2019 18:09

Mi piace la positività e propositività del patron
Sarà dura ma non dobbiamo temere nessuno


Amedeo 11 Aprile 2019 18:30

Il metro di paragone per i veri tifosi dell' Ascoli ( e non di quelli che salgono sul carro del vincitore a secondo di chi guida la societa') sara' sempre rozzi e non chiedo che pulcinelli sia come rozzi perche' secondo me non lo sara' mai né lui né nessun altro che c' e' stato e ci sara' , ma almeno amare Ascoli e l'ASCOLI cercando almeno di seguire il suo esempio , anche se a onor del vero a pulcinelli va riconosciuto di essere partito con molta difficolta' visti i problemi che gli ha creato Bellini ( che tu capro' osannavi come il nuovo messia di Ascoli) bene pulcinelli per il prossimo campionato di b ci regali una squadra forte molto forte , e vedra' che arrivera' tanta , molta piu' gente allo stadio


Trieste Bianconera 11 Aprile 2019 23:47

Concordo con l'amico Lollo57 sulla valutazione di Vivarini e aggiungo che viene dalla scuola di Sarri (che lo voleva come assistente in Inghilterra) e quindi cerca di praticare moduli e schemi moderni. Certo per svolgere quel tipo di gioco servono anche i giocatori idonei e la società il primo anno ha fatto quello che poteva considerando che Pulcinelli non è uno sceicco degli Emirati Arabi. Certo si può migliorare ed è sperabile che non vengano mandati via giocatori fondamentali e bisognerebbe abbassare l'età media della squadra. In Serie C ci sono molti giovani emergenti per sviluppare il gioco di Vivarini. Sempre e dovunque Forza Ascoli


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni