Spezia-Ascoli 3-2, Ciccoianni: “Dispiace tanto per quanto successo in tribuna, non ci siamo sentiti tutelati”

Redazione Picenotime

14 Aprile 2019

Gianluca Ciccoianni

L'azionista dell'Ascoli Gianluca Ciccoianni ha assistito dalla tribuna dello stadio "Picco" alla sconfitta per 3-2 contro lo Spezia nella 33esima giornata del campionato di Serie B. Seduti al suo fianco anche il patron Massimo Pulcinelli, il presidente Giuliano Tosti, il collaboratore Massimo Faenza ed altri membri dello staff bianconero, tutti vittime di pesanti insulti e gesti inqualificabili da parte di alcuni tifosi ed addetti ai lavori locali.

"Dispiace veramente tanto per quello a cui abbiamo dovuto assistere in tribuna oggi allo stadio - ha dichiarato in serata Ciccoianni a Picenotime.it -. Ho visitato tanti impianti calcistici in giro per l'Italia ma una cosa del genere non mi era mai successa. Eravamo presenti in blocco come Società proprio per stare vicini alla nostra squadra, purtroppo abbiamo dovuto affrontare un clima molto ostile e maleducato nei nostri confronti, in particolar modo dopo l'espulsione di Ninkovic. Non è normale che in una tribuna centrale di uno stadio di Serie B vengano tirate bottigliette d'acqua, seppur semivuote, verso una donna che era con noi, non è normale che qualche collaboratore dello Spezia abbia provato a tirarci dei calci, non è normale che qualcuno abbia sputato al nostro presidente Tosti, non è normale essere insultati pesantemente per tutto l'arco della gara, con l'apice toccato dopo l'espulsione nel finale di Addae quando l'atmosfera si è fatta praticamente irrespirabile. Noi, nel nostro stadio, cerchiamo di essere il più possibile ospitali e cortesi con i dirigenti della squadra avversaria, garantendo loro la massima sicurezza. A questi livelli servirebbero attenzione e professionalità sia da parte delle forze dell'ordine che degli addetti alla sicurezza, invece oggi noi siamo stati spintonati a forza fuori dal nostro settore da una marea di gente imbufalita e questo non ha nulla a che fare con lo sport e con le più basilari regole della convivenza civile, non ci siamo sentiti affatto tutelati e abbiamo dovuto assistere al match in un clima davvero inconcepibile ed inquietante. C'è profondo rammarico da parte mia, questo non è il calcio che mi piace, a prescindere dal risultato serve sempre rispetto reciproco sia in campo che soprattutto sugli spalti, spero che quanto accaduto oggi a La Spezia non si ripeta mai più in uno stadio". 


© Riproduzione riservata

Commenti (12)

Albardialbissola 14 Aprile 2019 22:33

Quando un tifoso più addae sono andati contro un tifoso del Benevento non è stato detto nulla...purtroppo è una cultura anti sportiva che va sradicata...dobbiamo iniziare noi da Ascoli come società...speriamo che questi fatti vergognosi siano di esempio anche per noi...che sia Ascoli La Spezia o qualsiasi altro stadio


ermanno 14 Aprile 2019 23:37

Forza Gianluca, chi è maleducato vive male, avanti con forza, nessuno ha la nostra dignità, daje Picchio1


quinto decimo 15 Aprile 2019 00:11

A La Spezia non sanno manco come si scrive la parola" civiltà".... mamma mia....


Abbasso i pesciari 15 Aprile 2019 08:51

Tanto gli antisportivi fanno tutti una brutta fine


Ze 15 Aprile 2019 09:50

Ci saranno sicuramente telecamere, provvedimenti importanti possono essere presi anche e soprattutto contro chi siede in tribuna o riveste ruoli importanti nel calcio e dovrebbe dare esempio. Operiamo in tal senso per far valere i diritti. Poi non dimentichiamoci dell'arbitro soxxro.


Atlascaruso 15 Aprile 2019 10:31

Una cosa VERGOGNOSA! Nel 2019 ancora succedono queste cose!


LORENZO CAPRO' 15 Aprile 2019 12:56

OH ALBARDIALBISSOLA ORAMAI DI S-------E NE HAI SRITTE A IOSA, BASTA PERFAVORE, BASTA.... GIANLUCA E GLI ALTRI HANNO VISSUTO UN POMERIGGIO DA INCUBO E HA DESCRITTO UNA MAREA DI COSE GRAVI, TU INVECE SCRIVI CHE ADDAE CON UN'ALTRO HANNO DETTO QUALCOSA CONTRO QUALCUNO DEL BENEVENTO. CONTRO IL PESCARA, QUANDO HANNO SEGNATO LORO QUALCUNO HA ESAGERATO NELL'ESULTANZA CERTAMENTE È STATO OFFESO, MA NIENTE CALCI, SPUTI E ALTRE COSE GRAVI. COMUNQUE LO SPEZIA LO ASPETTIAMO QUI IL PROSSIMO ANNO, TU INVECE QUANDO SCRIVI QUESTE CAVOLATE METTI NOME E COGNOME. TROPPO FACILE NASCONDERSI E SCRIVERE CONTRO CHI HA VISSUTO UN POMERIGGIO DA VERGOGNA E PAURA.


Camionista bianconero 15 Aprile 2019 13:05

Si ma un altr' anno dovranno tornare in Ascoli (sicuramente do' vo i quessi), e che semina vento raccoglie tenpesta!


Amedeo 15 Aprile 2019 16:33

Capro' quando dici agli altri di scrivere s........e rileggiti i tuoi post di Bellini all' inizio e su pulcinelli adesso cerchi solo di salire sul carro del proprietario di turno , capire di calcio e' altra cosa , te lo ricorda uno che ti conosce da 40 anni , e per favore evita di scrivere in maiuscolo sei indisponente .......te lo dice uno che si firma sempre con il vero nome


Fuffa 15 Aprile 2019 17:12

Concordo con Ze , bisogna denunciare alla Polizia , farsi refertare e trovare testimoni , vedi come cambia la musica quando devono tirare fuori i soldoni e pagare avvocati ....Forza Ascoli Calcio


Albardialbissola 15 Aprile 2019 17:40

Capró non dire c....te
Se non ti sta bene quello che penso sono affari tuoi
A differenza tua che ti metti sullo stesso piano degli spezzini presenti in tribuna minacciandoli per l anno prossimo io ribadisco che se vengono in Ascoli non gli auguro di passare quello che hanno passato ciccoianni e company ne il tifoso del Benevento che si è visto arrivare due persone sotto la faccia
La partita non è una guerra


Andrea Frume 21 Aprile 2019 21:51

...ma al Picco e ‘andata anche bene a qst tifosi ascolani.... Prologo: ma del comportamento di qst tifosi ascolani in tribuna, non se ne vuole parlare??


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni