Ascoli Calcio, un turno di squalifica per Casarini. Nessun provvedimento per Bellusci

Redazione Picenotime

07 Maggio 2019

Federico Casarini

Sono 9 i calciatori squalificati dal Giudice Sportivo Emilio Battaglia dopo la 37esima giornata del campionato di Serie B. Un turno di stop per Davide Faraoni e Andrea Danzi del Verona, Denis Tonucci del Foggia, Federico Bonazzoli del Padova, Stefano Moreo del Palermo, Alessandro Diamanti del Livorno, Marco Perrotta del Pescara, Alessio Sabbione del Carpi e per il centrocampista dell'Ascoli Federico Casarini che dopo la quinta ammonizione stagionale salterà l'ultima gara di campionato sul campo del Crotone. Tra i rossoblù di Giovanni Stroppa mancherà lo squalificato Vladimir Golemic, che dovrà scontare l'ultima delle cinque giornate di squalifiche accusate nel derby di Cosenza dello scorso 7 Aprile. 

In casa bianconera restano in diffida Giacomo Beretta, Emanuele Padella e Michele Cavion

ALLENATORI

SQUALIFICA PER UNA GIORNATA EFFETTIVA DI GARA

SICIGNANO Vincenzo (Palermo): per avere, al 21° del secondo tempo, contestato una decisione arbitrale, rivolgendo al Direttore di gara un'espressione ingiuriosa; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale.

AMMONIZIONE

FOSCHI Rino (Palermo): perché, seppure invitato dal Quarto Ufficiale, si rifiutava di sedersi in panchina.

Gara Soc. ASCOLI – Soc. PALERMO

Il Giudice Sportivo, ricevuta dal Procuratore federale rituale segnalazione ex art. 35, n. 1.3 (a mezzo e-mail pervenuta

alle ore 12.53 del 6 maggio 2019) in merito alla condotta del calciatore Giuseppe Bellusci (Soc. Palermo) consistente nell’aver pronunciato espressione blasfema al 14° del primo tempo; acquisite ed esaminate le relative immagini televisive, di piena garanzia tecnica e documentale; considerato che le immagini televisive non consentono di raggiungere un sufficiente grado dicertezza in ordine all’uso di un’espressione blasfema da parte del calciatore Bellusci;

P.Q.M.

delibera di non sanzionare il calciatore Giuseppe Bellusci (Soc. Palermo) in ordine alla segnalazione del Procuratore federale.

MULTE PER CLUB

Ammenda di € 20.000,00 : alla Soc. FOGGIA a titolo di responsabilità oggettiva, per avere, al 32° del secondo tempo, un componente della propria panchina lanciato sul terreno di giuoco un pallone al fine d'impedire un'azione della squadra avversaria, tale comportamento creava un clima di tensione che costringeva il Direttore di gara ad interrompere il giuoco per circa due minuti; per avere inoltre, dal 30° del secondo tempo, non reso più disponibili i palloni ai propri raccattapalle determinando, di conseguenza, un ritardo nelle riprese di giuoco.

Ammenda di € 3.000,00: alla Soc. COSENZA per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, acceso tre bengala ed un petardo nel proprio settore; sanzione attenuata ex art. 12 n. 3 in relazione all'art. 13, comma 1 lettera b) CGS, per avere la Società concretamente operato con leForze dell'Ordine a fini preventivi e di vigilanza.

Ammenda di € 2.000,00: alla Soc. LIVORNO per avere suoi sostenitori, nel corso del secondo tempo, lanciato un fumogeno nel recinto di giuoco; sanzione attenuata ex art. 14 n. 5 in relazione all'art. 13, comma 1 lett. b) CGS, per avere la Società concretamente operato con le Forze dell'Ordine a fini preventivi e di vigilanza.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni