Squadra Mobile Ascoli, sgominata banda di albanesi specializzati in furti appartamento

Redazione Picenotime

07 Giugno 2019

Nella giornata di ieri la Polizia di Stato –  Squadra Mobile di Benevento – ha dato esecuzione, con la collaborazione di personale dell’Arma dei Carabinieri che aveva collaborato nelle indagini, ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Fermo. 

Quattro cittadini albanesi, tre tratti in arresto e uno destinatario di altra misura cautelare, sono ritenuti autori di una lunga serie di furti in appartamento, commessi in varie province italiane, tra cui quella picena e fermana, tutti con la così detta “tecnica del foro”, consistente nel bucare con un trapano gli infissi di legno delle finestre per poterle poi aprire con facilità. 

Dopo una serie di furti commessi nella provincia di Benevento all’inizio del 2018, aventi tutti caratteristiche e dinamiche simili, la Squadra Mobile del luogo iniziò un’attività investigativa finalizzata ad individuare gli autori dei furti, probabilmente facenti parte di un solo gruppo criminale. Durante le indagini si accertò che questo sodalizio criminale, composto da vari cittadini di nazionalità albanese, aveva spostato il suo raggio di azione nelle province di Ascoli Piceno e Fermo, per cui la Squadra Mobile ascolana, collaborando con gli investigatori beneventani, iniziò una serie di riscontri ed accertamenti sul territorio, riuscendo alla fine ad acquisire forti elementi probatori a carico degli indagati su una lunga serie di furti in appartamento. 

L’attività descritta consentì di accertare la responsabilità degli odierni arrestati in eventi ladreschi compiuti nel mese di maggio 2018 nei seguenti luoghi: Magliano di Tenna, Grottazzolina, San Benedetto del Tronto, Monteprandone, Monte San Pietrangeli. Proseguono le indagini finalizzate ad accertare responsabilità di altre persone indagate per aver favorito l’attività criminosa oggi debellata. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni