Serie B, ecco il Pordenone. Progetto di crowdfunding e partite interne alla Dacia Arena

Redazione Picenotime

20 Giugno 2019

Mauro Lovisa (Legab.it)

Si è concluso Pordenone 2020, il progetto di crowdfunding unico in Italia promosso dal Pordenone Calcio, squadra che per la prima volta nella storia si appresta ad affrontare il campionato di Serie B. Sono 254 i nuovi soci del club. Alla data di ieri, scadenza della raccolta, è stato raggiunto l’obiettivo di 2 milioni 200 mila euro.

«Ringraziamo di cuore – afferma il presidente Mauro Lovisa, come riporta Legab.it – tutti coloro che hanno colto l’opportunità di diventare attori protagonisti della crescita del club. Persone che credono nel nostro progetto: le conosco bene praticamente tutte, chi tifoso storico chi più nuovo; come conosco altrettanto bene chi alle tante parole non ha abbinato i fatti».

Il Pordenone disputerà le gare casalinghe della stagione 2019/2020, prima storica di Serie B, alla Dacia Arena di Udine. L’accordo è stato sancito dai vertici di Udinese e Pordenone: la documentazione è stata inviata alla Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi della Figc.

«Siamo molto felici di accogliere alla Dacia Arena il Pordenone Calcio per lo storico esordio in Serie B – ha dichiarato il direttore generale dell’Udinese Calcio Franco Collavino, come riporta il sito ufficiale del Pordenone – quando abbiamo realizzato questo nostro nuovo stadio l’abbiamo fatto con l’obiettivo che diventasse casa di tutti gli sportivi del Friuli Venezia Giulia e l’accordo firmato con la società neroverde sancisce questa vocazione. Il presidente Lovisa ci ha manifestato questa esigenza della sua società e ci siamo adoperati subito per trovare una soluzione ottimale, è con piacere quindi che diamo il benvenuto al Pordenone e ai suoi tifosi alla Dacia Arena».

Mauro Lovisa, presidente del Pordenone Calcio, dichiara: «Ringraziamo di cuore la famiglia Pozzo e tutta l’Udinese per la disponibilità assicurata sin dal primo contatto. In attesa della costruzione della nostra nuova casa sarà un onore giocare come ospiti, e non come meri affittuari, in uno degli stadi più belli d’Europa. Un gioiello di comfort, a misura di tifoso. Siamo consapevoli che i nostri sostenitori dovranno fare qualche sacrificio, ma la fede neroverde e questa prima incredibile serie B – da vivere intensamente – saranno più forti della distanza. Come società verremo loro incontro proponendo servizi ad hoc. La continuità tecnica con mister Tesser, le conferme dell’ossatura della squadra e la possibilità di giocare in uno stadio come la Dacia Arena sono i capisaldi per affrontare la B con idee chiare, un progetto forte e serio».


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni