Lega Serie B, Balata: “Nessuna intenzione di dimettermi, la maggioranza dei club dalla mia parte”

Redazione Picenotime

21 Giugno 2019

Mauro Balata

Dopo l'importante assemblea di Mercoledì 19 Giugno a Milano (CLICCA QUI PER DETTAGLI), il presidente della Lega di Serie B Mauro Balata ha fatto il punto della situazione in un'interessante intervista rilasciata al "Corriere dello Sport".

"La maggioranza delle società è dalla mia parte - ha dichiarato Balata -. Non ho nessuna intenzione di dimettermi e nessuna richiesta di farlo. Sarebbe il caos. Considerando gli otto club arrivati dalla A e dalla C, c’è una larga maggioranza sulle posizioni che rappresento, cioè quelle dell’autonomia della Lega, nel rispetto della trasparenza e delle regole e di chi crede nel risultato sportivo del campo. Prossimo obiettivi? Dopo quella sulla trasparenza delle norme e dei controlli, la vera battaglia da fare è su una più equa ripartizione delle risorse. Dobbiamo rivendicare i nostri diritti come Lega, restando compatti. Non mi sembra che vi sia una lega spaccata e i risultati del lavoro svolto sono sotto gli occhi di tutti - ha aggiunto Balata -. Abbiamo provveduto a impugnare l’accordo sulla separazione dalla Lega di Serie A che risaliva al 2009, anche perché mai onorato e rischiava di andare in prescrizione. Dopo quella sulla trasparenza delle norme e dei controlli, la vera battaglia da fare e su una più equa ripartizione delle risorse. Dobbiamo rivendicare i nostri diritti come Lega, restando compatti. e abbiamo nuovamente rischiato un cortocircuito la responsabilità non è della Lega di B. Semmai delle regole che hanno dato adito a interpretazioni contrastanti. Dal primo giorno del mio mandato ho affermato e ribadito che bisogna avere regole univoche, certe, applicabili senza vie di fuga e nei giusti tempi. Oltre a controlli certificati, magari da enti autonomi esterni agli organismi messi a disposizione della giustizia sportiva. Non influenzabili. Per non parlare dei conflitti d’interesse e delle multiproprietà che andrebbero regolamentate. E’ una questione di legalità e di trasparenza, valori a cui si ispira la mia Lega. Altrimenti il sistema non è più credibile. Nello scorso campionato, solo dal punto di vista economico, abbiamo distribuito circa 6 milioni di euro di media a club, con un incremento netto di 1,4 milioni. Per non parlare dell’aumento degli spettatori nei nostri stadi (+5%) e dello storico utilizzo del Var nei playoff e nei playout, prima Lega di B al mondo a sperimentare le nuove tecnologie del Video Assistant Referee”.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni