San Benedetto del Tronto, in Comune arriva il garante per l'infanzia e l'adolescenza

Redazione Picenotime

20 Luglio 2019

Nel corso del Consiglio Comunale tenutosi oggi a San Benedetto del Tronto è stata presentata dalla consigliera Brunilde Crescenzi la mzione per istituire la figura del garante per l'infanzia e l'adolescenza, lo strumento fortemente voluto dall'assessorato alle pari opportunità, nato per assicurare la piena tutela dei diritti e degli interessi delle persone di minore età, secondo i principi della Convenzione dei diritti del fanciullo di New York ribaditi nella successiva Convenzione europea sull’esercizio dei diritti dei fanciulli di Strasburgo. Il punto relativo al garante per l’infanzia è stato votato all’umanità. "L'oggetto di questa mozione nasce dall'assessore alle pari opportunità Antonella Baiocchi, che sin dai primi mesi del suo insediamento ha denunciato la necessità di istituire un garante comunale per l'infanzia e l'adolescenza che lavorasse in sinergia con il garante regionale, figura già esistente ed impegnata nella tutela dell'infanzia e l'adolescenza dell'intera regione Marche - ha dichiarato la Crescenzi -. Questo perché il delicato ambito della tutela dell'infanzia e dell'adolescenza impone ad un comune, soprattutto se esteso come il nostro, di assumersi la responsabilità di questa tutela al fine di agevolare, potenziare e ottimizzare il già ottimo e puntuale lavoro che sta facendo il garante regionale in tutte le Marche e nello specifico anche a San Benedetto del Tronto. L'idea è stata quindi raccolta dalla Cabina di Regia Antiviolenza Comunale, istituita nel Maggio 2017 sempre dall’assessorato alle pari opportunità, i cui componenti (per tutti cito Marco Di Marco, appassionato sostenitore di questa figura) hanno presentato all'amministrazione una esplicita richiesta di istituire questa figura. Da qui, in sinergia anche con l’assessorato alle politiche sociali, il nostro gruppo civico “San Benedetto Protagonista” ha sposato e preparato la mozione che oggi orgogliosamente vi ho presentato. Siamo molto fiduciosi che questa figura costituirà un considerevole valore aggiunto alla piena attuazione della tutela dei diritti e degli interessi dei nostri figli , compresa la prevenzione e il contrasto di soprusi e violenze (anche assistitite) attuate a danno dei minori del nostro territorio".

"È stato tutto detto in consiglio comunale dalla consigliera Brunilde Crescenzi - dichiara l'assessore Antonella Baiocchi -. Posso aggiungere solamente un aspetto che questa mozione veicola, ben evidenziato dalla fotografia che ci ritrae tutti insieme (manca solo Filippo Olivieri, ma nella sostanza è incluso), che ritengo fondamentale per il fluido funzionare di una amministrazione che lavora per il bene dei cittadini: lo spirito di gruppo, nel senso di saper condividere e integrarsi con i propri colleghi superando il tossico timore di depauperare, aprendosi all'altro, il proprio "giardinetto". Ringrazio tutti i miei colleghi, in particolar modo Carmine Chiodi e Brunilde Crescenzi che mi sono stati vicini nell'obiettivo specifico di questa mozione, sempre pronti ad accogliere e sostenere il mio cercare di tradurre nella pratica i valori intrinseci nelle mie deleghe".

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni