Ascoli Calcio, Abascal alla guida di Primavera e settore giovanile. I dettagli del contratto

Redazione Picenotime

21 Luglio 2019

Guillermo Abascal

L'Ascoli Calcio ha formalizzato l'ingaggio di Guillermo Abascal come nuovo allenatore della Primavera e coordinatore-istruttore del settore giovanile. Il 30enne tecnico andaluso ha firmato (in via telematica) un contratto di un anno con il club di Corso Vittorio Emanuele con opzione per altre tre stagioni ed è pronto a diventare l'erede di Cetteo Di Mascio, passato al Teramo dopo oltre cinque anni alla guida della "cantera" del Picchio. Abascal attualmente si trova in Spagna, il suo arrivo ad Ascoli Piceno è previsto nella giornata di Giovedì 25 Luglio quando diventerà operativo a tutti gli effetti dopo aver già interagito con l'azionista Gianluca Ciccoianni (dirigente che seguirà da vicino il settore giovanile) e con gli altri massimi esponenti dell'Ascoli Calcio.

SCHEDA GUILLERMO ABASCAL

Guillermo Abascal Perez, detto Guille, è nato a Siviglia il 13 Aprile 1989. Ha iniziato a praticare calcio all'età di 6 anni ed a 12 è arrivata la proposta per giocare alla Masia, la prestigiosa cantera del Barcellona. Nel vivaio blaugrana è rimasto due annni e mezzo, giocando in attacco con calciatori del calibro di Giovani Dos Santos, Iago Falque e Jordi Alba (l'attuale terzino sinistro del Barça a quei tempi veniva schierato da trequartista). Tornato nella sua Siviglia, a 19 anni decise di abbandonare la carriera di calciatore e di iscriversi all'università nella facolta di Scienze Motorie, iniziando a seguire corsi da allenatore. Nel 2015 è stato proprio il Siviglia a dargli l'opportunità di iniziare a lavorare con la cantera, svolgendo diversi ruoli: preparatore atletico, allenatore in seconda, analista tattico ed infine membro dello staff di match analysis del tecnico della prima squadra Unai Emery. Nel 2017 viene nominato tecnico del Chiasso, squadra che militava nella seconda serie svizzera. Pur riuscendo a tenere la squadra in posizioni sicure e lontane dalla zona retrocessione, vede deteriorarsi il rapporto con la dirigenza che egli stesso accusa di mancanza di progettualità. Un calo di rendimento della squadra nel girone di ritorno gli costa l'esonero nella primavera del 2018. Nel giro di pochi giorni viene tuttavia ingaggiato dai rivali del Lugano, club militante nella prima divisione elvetica, subentrando a Pierluigi Tami e diventando il secondo allenatore più giovane nel primo campionato di ogni paese europeo. In tale veste riesce a risollevare il rendimento dei bianconeri, garantendo loro la permanenza nel più importante campionato svizzero. Il risultato gli vale la conferma per la stagione 2018/2019, che però non inizia al meglio e dopo nove giornate, il 1º Ottobre 2018, arriva l'esonero. In totale il tecnico andaluso ha guidato il Lugano per 17 partite di Raiffeisen Super League (collezionando 5 vittorie, 6 pareggi e 6 sconfitte) e 2 di Helvetia Coppa Svizzera. Parla perfettamente italiano e gode di un ottimo rapporto con Monchi, da 20 anni direttore sportivo del Siviglia con una breve parentesi di due stagioni nelle file della Roma. 


© Riproduzione riservata

Commenti (14)

cannavina 21 Luglio 2019 22:40

Ci sta un soggetto che mi ha criticato perché non conoscevo il curriculum del sig.Di Mascio allora gli dico di leggere quello di questo signore che ha 30 anni ,la metà dell'altro e metterlo a confronto.....


Albardialbissola 22 Luglio 2019 08:41

Benvenuto mister


gigiolive@libero.it 22 Luglio 2019 09:36

Ancora con questi paragoni con Di Mascio.... ma se era tutto sto fenomeno mica stava con le giovanili del Teramo.


Alessandro 22 Luglio 2019 10:00

nel Chiasso, ha allenato C. Said
nel Lugano, Piccinocchi e Brlek


Bubu 22 Luglio 2019 12:56

Sig. Gigiolive a Teramo c'è un progetto SERIO... li da voi non so... Poi non credo che il sig. Di Mascio debba ancora dimostrare qualcosa a qualcuno


asnkvola 22 Luglio 2019 13:09

Teramo c'è un progetto serio? Teramo nel mondo del calcio conta come un due a briscola che non è briscola..........Quando si parla di Ascoli e dell'Ascoli si parla di una squadra che milita ininterrottamente da oltre 50 anni nei campionati professionistici con ben 16 campionati di A e 23 di serie B,Teramo nemmeno tra 2000 anni fa quello che ha fatto l'Ascoli in 50 anni,di che parliamo che Teramo non è mai stata in serie B,Di Mascio è andato a Teramo perchè il Teramo gli ha fatto 5 anni di contratto.


cannavina 22 Luglio 2019 13:26

Bubu,va bene così,tenetevelo voi,grazie,ma a 60 anni scrivimi che ha fatto....


Ze 22 Luglio 2019 13:54

Credo che il progetto Ascoli sia ben architettato. Dalle giovanili alla prima squadra per continuità di impostazioni tattiche, certe cose non accadono per caso, il tempo ci dirà se sono state fatte le giuste scelte. Io ci credo.


fa 22 Luglio 2019 14:18

oh bubu...gia' dal nome si capisce tutto..cmq il signor di mascio te lo abbiamo regalato volentieri..e visto il progetto che avete vi regaliamo anche ganz..che ne dici???cmq in bocca al lupo..x il girone ahahahaha..la serie A vi aspetta!!!


Carlo 22 Luglio 2019 14:31

Curriculum del Dottor Di Mascio . Laurea in scienze manageriali economiche e giuridiche dello Sport . Master di primo e secondo livello a Coverciano con patentino preso insieme a Costacurta. Ferrara, Batistuta ( può allenare per capirci anche la nazionale italiana ) . 10 scudetti vinti nei dilettanti della Renato Curi dove ha iniziato ad allenare all Eta di 18 anni . Nei professionisti finale scudetto con la primavera del pescara . E semifinale Tim.Cup primavera. Giocatori usciti dalla sua camera: grosso, oddo ,verratti, d'aversa (attuale allenatore Parma ) ,inglese , ciofani, Babacar e tanti altri........che non sto neanche ad elencare perché ci vuole troppo tempo. Signor cannavina di amici ne ha anche il.dr. di mascio e tra questi due grandi ascolani per fortuna : Tosti il.ptesidente e Ciccoiani . Lo abbiamo sentito nei saluti. Il suo veleno è gratuito. Forse Di Mascio può lasciare al nuovo arrivato dei piccoli campioncini e continuare la sua sfida da un'altra parte . Perché questo il lavoro che gli.piace


cannavina 22 Luglio 2019 15:52

Oh Carletto tanto per capirci,io sono strafelice che se n'è andato e lo ha preso il Teramo,la mia non è invidia vi farà vincere qualcosa pure a voi,praticamente da come parli tu gli manca da prendere la lepre con il tamburo.....ahahahah


Carlo 22 Luglio 2019 16:17

Manca il periodo Ascoli, durante il quale ha dispiegato una finale primavera Play off lo.scorso anno.e una semifinale quest anno ......


Ze 22 Luglio 2019 18:26

Cmq per noi di mascio è il passato, non lo rinneghiamo ma dobbiamo evolverci così come si è evoluta la prima squadra almeno se vogliamo veramente essere ambiziosi. La supervisione affidata ad uno dei soci e un allenatore professionista sono una chiara evoluzione sono molto curioso di vedere come giocherà la primavera. Avanti tutta!


Invictus 22 Luglio 2019 22:42

Ma un contratto di un anno per un responsabile del settore giovanile che senso ha?!?
Che riuscirà a dimostrare in un anno per meritarsi la conferma!?!?


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni