Ascoli Calcio: Ciccoianni presenta Abascal e nuovo organigramma del settore giovanile

Redazione Picenotime

16 Agosto 2019

L'azionista dell'Ascoli Calcio Gianluca Ciccoianni ha presentato nel pomeriggio odierno, nella sala conferenza della sede di Corso Vittorio Emanuele, il nuovo organigramma della "cantera" del Picchio. Al suo fianco il nuovo allenatore della Primavera Guillermo Abascal ed il responsabile organizzativo del settore giovanile bianconero Gianmarco Marucchi. Presenti in sala anche tutti gli altri tecnici del vivaio dell'Ascoli. 

ORGANIGRAMMA SETTORE GIOVANILE ASCOLI CALCIO 2019/2020

Gianluca Ciccoianni - Supervisore settore giovanile

Gianmarco Marucchi - Responsabile organizzativo settore giovanile

Guillermo Abascal: Allenatore Primavera e coordinatore tecnico settore giovanile

Pier Giuseppe Sapio: Responsabile scouting Under 17

Edoardo Pane: Responsabile scouting Under 16, Under 15 e attività di base

Luigino Luciani: Responsabile sanitario settore giovanile

Carlos Moreno Valle: Vice allenatore Primavera

Simone Seccardini: Allenatore Under 17

Luca Pieri: Allenatore Under 16

Andrea Juliano: Allenatore Under 15

Remo Orsini: Allenatore Under 14 Pro e coordinatore tecnico attività di base

Luca Caioni: Allenatore Under 13 Pro

Giacomo Renga: Allenatore Under 12

Luca Virgulti: Istruttore attività femminile Under 15-Under 12

Ciccoianni: "All'organigramma aggiungo due figure importanti come Luca Gabrielli, team manager della Primavera e tutor di tutti i ragazzi ed Alessio Simonetti, che è un preziosissimo tutto fare. Parte un nuovo ciclo, ringrazio nuovamente Di Mascio per il patrimonio di calciatori e professionisti che ci ha lasciato. La figura fondamentale è quella di Abascal, che ha trascorsi in vari settori giovanili spagnoli molto importanti. Vogliamo diventare un punto di riferimento non solo in città ma anche nelle Marche e nel Centro Italia, con un metodo di lavoro propositivo e con una tipologia di calcio più moderna". 

CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA CICCOIANNI

Abascal: "Ringrazio Gianluca e tutta la Società. Ho avuto subito la sensazione che potevamo guidare la stessa macchina sulla stessa strada. Ringrazio tutti i tecnici qui presenti per la collaborazione, abbiamo fatto fin dal primo giorno un lavoro molto importante. Dopo il pranzo con Tosti e Ciccoianni in centro città mi sono subito reso conto che significhi lavorare in una piazza come quella di Ascoli. Vogliamo dare un segnale alla città e vogliamo dare un'identità all'Ascoli Calcio che sia di riferimento in tutta Italia. Per un allenatore spagnolo non è semplice arrivare in Italia, mi è sempre piaciuto il calcio del vostro Paese e come si lavorava fin dalla base. Sono giovane, ho 30 anni ma faccio l'allenatore da quando ho 19 anni, da quando ho smesso di giocare. Ho lavorato anche in Svizzera con molti tecnici italiani. Sono soddisfatto di come siamo stati accolti, io e i miei collaboratori, dalla città e dalla Società. Vogliamo portare i nostri giocatori dalla base alla Serie B, lavorerò H24 per portare più giocatori possibili in prima squadra e nell'elite del calcio professionistico. Tutte le squadre giocheranno con lo stesso modulo? Per me sarebbe un errore, vuol dire che non riusciamo a comprendere le qualità dei nostri giocatori. Per me il calciatore e le sue caratteristiche vengono prima del modulo. Non vogliamo assolutamente limitare il talento dei nostri ragazzi. Sono importanti l'identità ed i principi di gioco, con squadre aggressive che mantengano il controllo della partita. Ho imparato l'italiano in Svizzera, lavorando nel Ticino ho potuto imparare subito la vostra lingua. Non ho fatto fatica ad imparare l'italiano perchè ho sempre sognato di venire a lavorare in Italia e ho sempre pensato in italiano. Ho visitato anche la vostra città, le piazze, veramente un posto bellissimo, ho visto pitturare i ponti per la Quintana ed ho partecipato anche alla Notte Bianca. Ci siamo trovati sempre bene, Ascoli mi ricorda molto il centro storico di Cadice". 

CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA ABASCAL

Marucchi: "Ringrazio il patron Pulcinelli ed il nostro management per avermi promosso a questo ruolo importante a 34 anni. Sono ascolano e mi sento molto responsabilizzato, è un grande orgoglio e cercherò di impegnarmi con tutto me stesso. Un ringraziamento particolare a Gianluca Ciccoianni con cui condividiamo, ogni giorno, tutte le dinamiche per gestire al meglio la situazione e per portare sempre più in alto i valori della bandiera bianconera. Con Abascal, in appena 15 giorni, abbiamo subito stretto un bel feeling, ci troviamo con tutte le decisioni prese e con la sua visione del calcio. Da lui possiamo apprendere tanto, tutti noi dovremo dare il nostro contributo. Sia Tosti che l'ad Leo mi hanno mostrato in questi giorni la loro fiducia, spero di poter fare del mio meglio". 

CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA MARUCCHI


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni