Idratazione. Italiani, genitori virtuosi: danno il buon esempio bevendo acqua

Redazione Picenotime

21 Agosto 2019

L’educazione ad una corretta idratazione inizia fin da bambini ed i genitori in questo svolgono un ruolo cruciale. Una recente indagine condotta da Ipsos per Nestlé Waters, di cui il Gruppo Sanpellegrino fa parte, ha indagato il tema “corretta idratazione per i più piccoli” coinvolgendo 4.200 genitori con figli tra i 3 e i 12 anni e 1.400 bambini di età compresa tra i 6 e 12 anni in sette Paesi: Francia, Italia, Messico, Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada e Cina.

Bambini e acqua: è il buon esempio a fare la differenza

Per quanto riguarda la consapevolezza dell’importanza di una corretta idratazione per i bambini, la media dei paesi coinvolti è molto alta, gli italiani su questo aspetto sono risultati “virtuosi tra i virtuosi” con l’85% di risposte positive rispetto ad esempio al 77% della Cina che ha la percentuale più bassa. Risultati incoraggianti anche dal punto di vista pratico: l’82% degli intervistati ha dichiarato di controllare che i propri figli bevano la giusta quantità di acqua e l’81% di offrirla loro regolarmente. Più di un terzo dei genitori ricorre a piccoli trucchi per invogliare i propri bambini a bere, come ad esempio aggiungendo all’acqua sciroppi o succhi di frutta oppure concedendo loro acqua frizzante proprio perché si rendono conto che l’acqua rappresenta la bevanda d’elezione per i propri bambini. In questo senso, in realtà, è il loro esempio a fare la differenza.

L’indagine ha riscontrato anche che le bibite mantengono il proprio appeal sui più piccoli (il 65% le preferisce all’acqua) e che i genitori - che consentono, ad esempio, di mettere in tavola anche delle bibite e consentono ai figli di sostituire l’acqua con altre bevande – tendono ad avere bambini più propensi a chiederle e consumarle (61%).

L’indagine ha inoltre rivelato – sempre riguardo le bibite – che i genitori danno il via libera a bere bibite solo in occasioni speciali. Strappi alla regola che nella realtà sono piuttosto frequenti, come ad esempio quando fa particolarmente caldo (34%), al ristorante (32%) e i weekend (27%). 

Questa indagine è occasione per ribadire che l’acqua contribuisce alla salute di tutto l’organismo e al corretto sviluppo di ogni bambino - dichiara il Professor Umberto Solimene, dell'Università degli Studi di Milano, membro dell’Osservatorio Sanpellegrino, Presidente FEMTEC, Federazione Mondiale del Termalismo -. In età infantile, seguire una corretta idratazione può essere difficile: i più piccoli, infatti, hanno uno stimolo della sete meno sviluppato rispetto agli adulti e per questo consiglio ai genitori di educarli fin da subito ad una corretta idratazione dando loro il buon esempio – come confermato dall’indagine – ma anche associando il momento del bere a precisi momenti della giornata (ad esempio, prima di andare a dormire o durante la merenda)”. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni