Ascoli Piceno: minacce e violenze su moglie e figlie, misura coercitiva a carico di un 45enne

Redazione Picenotime

23 Agosto 2019

Pochi giorni fa una donna disperata, dopo l’ennesima aggressione subita dal marito, ha deciso finalmente di chiedere l’aiuto della Polizia di Stato. Personale Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Ascoli Piceno, specializzato nell’audizione di persone vittime del reato di violenza di genere, ha accolto la donna che ha rappresentato una situazione drammatica creatasi all’interno del proprio nucleo familiare. 

La denunciante, cittadina polacca residente da molti anni ad Ascoli Piceno e perfettamente integrata nel tessuto sociale cittadino, ha confidato che il marito, suo connazionale, da ormai alcuni mesi maltrattava lei e le loro due figlie minorenni. L’uomo, oltre a mettere in atto delle vere e proprie vessazioni psicologiche consistenti in continue offese e minacce, in più occasioni aveva usato violenza fisica contro la moglie e la prima figlia, di soli 16 anni, causando loro delle lesioni, non denunciate per il timore di ben più gravi ritorsioni, il tutto alla presenza della figlia più piccola, di appena 12 anni, che era costretta ad assistere alle violenze subendo un grave contraccolpo psicologico. 

La Polizia di Stato, dopo aver posto immediatamente in essere delle attività  di tutela del nucleo familiare, ha effettuato in brevissimo tempo i riscontri del caso, acquisendo così inequivocabili elementi probatori che consentivano alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno di richiedere una misura coercitiva a carico del violento. Il GIP di Ascoli Piceno, altrettanto celermente, al fine di scongiurare una possibile escalation degli episodi violenti emetteva a carico dell’indagato un ordinanza di allontanamento dalla casa familiare e contestuale divieto di avvicinamento alle persone offese, misura eseguita nel tardo pomeriggio di ieri. 

La situazione viene continuamente monitorata, anche con l’ausilio dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni