Ascoli Calcio, la vision di Pulcinelli per il futuro: “Dobbiamo fare rete e coinvolgere tutto il territorio”

Redazione Picenotime

26 Agosto 2019

Massimo Pulcinelli con i coniugi Faraotti

Il patron dell'Ascoli Massimo Pulcinelli ha seguito dalla tribuna dello stadio "Del Duca", accompagnato da amici e famigliari, il match vinto per 3-1 contro il Trapani nella prima giornata del campionato di Serie B. (CLICCA QUI PER MOMENTI CHIAVE)

"Quella con il Trapani, sul piano del gioco, è stata probabilmente la peggiore delle tre gare ufficiali disputate finora. Ma se l'abbiamo vinta 3-1 vuol dire che siamo davvero forti. Basta però espulsioni sciocche ed approcci superficiali - ha dichiarato stamane Pulcinelli a Picenotime.it -. Stiamo lavorando sodo, come Società, per aggregare attorno all'Ascoli Calcio tutto il territorio, soprattutto da un punto di vista strategico ed industriale. Dobbiamo fare rete, creare network anche con il settore della distribuzione e industria agroalimentare e con l'industria marchigiana in genere. Presto inizieremo a realizzare la parte della tribuna centrale dedicata agli sponsor dove, nel corso delle partite di campionato, si incontreranno personaggi di rilievo del mondo imprenditoriale, industriale, commerciale, bancario e finanziario. Ringrazio ancora una volta la Fainplast e la famiglia Faraotti per averci supportato in maniera rilevante come main sponsor di maglia. Un esempio concreto, anche per altri imprenditori, di come essere vicini al calcio che conta significhi aiutare il territorio ed investire nella città e nei cittadini, creando magari nuove occasioni di sviluppo e possibilità di lavoro. In prospettiva immagino l'Ascoli Calcio e lo stadio "Del Duca" come centro di interesse economico e network del business, con una vision nazionale ed internazionale. Nel calcio moderno non vedo altre strade per essere costantemente competitivi ad alti livelli, bisogna coinvolgere fattivamente tutto il territorio che circonda il capoluogo piceno. F.A.C., Forza Ascoli Calcio!".


CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA BATTISTA FARAOTTI


© Riproduzione riservata

Commenti (24)

remo 26 Agosto 2019 10:35

Abbiamo un grandissimo patron, FAC!


Luigi 1960 26 Agosto 2019 10:39

Davvero una bella visione quella del patron Massimo Pulcinelli e l'augurio è che diventi realtà. Certo ci vorrà un po' di tempo, ma l'importante è avere degli obiettivi definiti e una strategia chiara per raggiungerli. Ascoli è una bellissima città, ma ha bisogno di recuperare vitalità a livello imprenditoriale e industriale, così come l'ntero territorio marchigiano, e ha bisogno di connettersi con tutto il territorio. Il calcio per essere giocato a certi livelli deve necessariamente trovare sinergie e risorse che stimolino l'economia imprenditoriale e il commercio. Tra l'altro nell'agroalimentare nel territorio sono presenti realtà molto importanti.
Condivido in pieno anche il suo richiamo a fare attenzione a non disperdere stupidamente delle potenzialità importanti e necessarie per cercare di fare un campionato di alta classifica. La reazione di Da Cruz è stata davvero una grande sciocchezza, considerando anche il fatto che Scognamillo aveva appena ricevuto la seconda ammonizione e sarebbe stato comunque espulso. Penso che il ragazzo lo abbia capito e la prossima volta starà più attento, anche perché il suo apporto è molto importante per la squadra. Il ragazzo deve stare attento, anche perché d'ora in poi gli avversari cercheranno di provocarlo per farlo reagire.
Coraggio e avanti con fiducia. F.A.C.


LORENZO CAPRO' 26 Agosto 2019 12:10

PAROLE BELLE E SANTE, SONO ANNI CHE FACCIO CAPIRE A TUTTI L'IMPORTANZA DI AVERE UNA SOCIETÀ AMBIZIOSA E ORGANIZZATA OLTRE CHE FORTE, BELLINI ERA SOLO UN RICCO CHE PERÒ DISTRUGGEVA E ALLONTANAVA OGNI RAPPORTO. PULCINELLI, TOSTI E CICCOIANNI OLTRE AD ESSERE SERI, POTENTI E AMBIZIOSI.... HANNO CAPITO L'IMPORTANZA DI RIPORTARE DENTRO LA FAMIGLIA FARAOTTI ( BELLISSIMA LA FOTO CON GIGLIOLA) E ANCHE ALTRI, PER CREARE UNA SOCIETÀ CHE IN FUTURO FARÀ TANTISSIMA SERIE A. NON BASTA AVERE IMPRENDITORI CON I SOLDI, MA ERA IMPORTANTE AVERE UNA SOCIETÀ CON IMPRENDITORI CERTAMENTE FORTI, MA CHE HANNO IN COMUNE L'AMORE PER L'ASCOLI E SOPRATTUTTO L'AMBIZIONE DI VINCERE, QUELLO CHE MANCAVA COMPLETAMENTE ALLA FAMIGLIA BELLINI. GRAZIE MASSIMO PULCINELLI, GRAZIE PRESIDENTE TOSTI, GRAZIE AL SOCIO CICCOIANNI E ANCHE GRAZIE A BATTISTA, CON LA SPERANZA CHE FARAOTTI RIENTRI DENTRO PER AVERE UNA SOCIETÀ STRATOSFERICA.


Forza Ragazzi 26 Agosto 2019 12:14

Mitico,daje' Presidente,dacci soddisfazioni FAC!!!


francesco 26 Agosto 2019 13:11

Bellissima foto e grande ragionamento di Pulcinelli, solo mettendo insieme le migliori risorse del territorio l'Ascoli potrà tornare in Serie A, altrimenti non ci sono i presupposti. AVanti così, con testa e passione


Luigi 26 Agosto 2019 13:13

La differenza fra Pulcinelli e Bellini. Il primo fa i fatti i secondo solo chiacchiere.


Ze 26 Agosto 2019 14:07

Mi piace tutto il discorso ma soprattutto apprezzo il passaggio : "con una vision nazionale ed internazionale". Grande Patron.


Picus 26 Agosto 2019 14:17

Dobbiamo capitalizzare la fortuna di avere un Patron che suona, da fuori, la sveglia all'apatico Piceno. Non facciamolo scappare come in passato noi ascolani abbiamo spesso fatto (compreso con Bellini pur con i suoi 1.000 difetti). Spero tanto che con la sua carica riesca a farcela. Uno così potrebbe andare dovunque. Teniamocelo stretto.


Albardialbissola 26 Agosto 2019 17:56

Bravissimo patron
Come la lube per la pallavolo la Scavolini per il basket noi siamo il faro e la storia del calcio nelle Marche
Dobbiamo riconvogliare territorio ed imprenditori sotto il nostro nome


asnkvola 26 Agosto 2019 17:58

Bisogna iniziare col tetto della tribuna,allungarlo di 5 metri e re degli impermeabile con cavi per gli autoparlanti e per le luci.


Camionista bianconero 26 Agosto 2019 18:05

Picus ti copio in tutto , eccetto che per Bellini ! Quella data deve essere ribattezzata come il giorno della liberazione!


Alvaro da Osimo 26 Agosto 2019 19:41

BRAVO PRESIDENTE ASCOLI CALCIO È AMATA ANCHE DA NOI.ASCOLI CALCIO TUTTA LA VITA.


Picus 26 Agosto 2019 22:07

La Tribuna Mazzone è piena di errori. Ci piove, i seggiolini sono piccoli e troppo stretti tra loro, non ci sono vie di fuga in caso di emergenza, le scalinate sono strette e non smaltiscono le migliaia di persone che devono uscire, figuriamoci in caso di panico, manca il camminamento in alto. Ma chi l'ha progettata e collaudata? Smontate tutti i seggiolini il prima possibile, rimontareli più larghi e con più scalinate di uscita. Speriamo non ci siano emergenze (terremoti, incendi o altri motivi di panico)...


Michele 26 Agosto 2019 22:52

Vorrei far notare, a quelli che criticano alla prima giornata, cosa succede a Udine.... se non sbaglio fino a pochi minuti fa il Frosinone. Perdeva 3 a0...... immagino che se l ASCOLI. Dovesse passare sul campo del Frosinone, è perché il Frosinone deve lottare per la salvezza...... penso che un po di buonsenso e di razionalità si riesce ad essere piu lucidi nei giudizi.


Obiettivo 26 Agosto 2019 23:04

L'importante è stata inaugurarla prima delle elezioni la tribuna.
Il resto, all'italiana come sempre


Stefano 27 Agosto 2019 00:32

Si impara dagli errori. Da Cruz è senza dubbio un pezzo da 90 e per chi aveva dubbi è stato confermato nel momento in cui è entrato in campo ed ha risolto la partita. Ovvio che è un giovane calciatore e come tale deve imparare a gestire il proprio self control. Certo è che la provocazione è stata forte ed estremamente ingenua la reazione, seppur non violenta. Altrettanto scriteriata, a mio giudizio è stata la decisione dell'arbitro, (voto 5-) il quale avrebbe potuto applicare un metro di valutazione sicuramente meno afflittivo, atteso che la gara era pressoché terminata. Certo è che il motore di questa squadra è da registrare ma come tutti i bolidi occorre mantenerlo sempre a puntino affinché possa dare le migliori prestazioni anche a regimi più elevati. Un plauso davvero a tutti i nostri calciatori e alla società tutta, a partire dai raccattapalle. Complimenti al Patron, Presidente, Soci ed allenatore ed un attestato di stima al Signor Faraotti, davvero una grande bella persona! Forza Ascoli! La Regione Marche è con te!


Albardialbissola 27 Agosto 2019 08:50

A chi è andato bene che la tribuna l avesse fatta il Comune è giustificato i comodi tempi di realizzazione ora si può portare l ombrello o il k-way allo stadio senza troppe lamentele


Atlascaruso 27 Agosto 2019 10:26

Chi ha un presidente come il nostro ??? Nessuno !! Grande Patron !!


the punischer 27 Agosto 2019 13:15

ogni tanto capita di incontrare un uomo che pensa positivamente fuori dagli schemi
un uomo intelligente .positivo e propositivo
a quel punto se ti ritiene intelligente lo devi seguire


Bàà 27 Agosto 2019 13:32

TOCCATEVI TUTTIIIIIII!
Caprò ha parlatoooo


Elpidiensedoc 28 Agosto 2019 09:48

GRANDE PRESIDENTE. SOLO COSI POSSIAMO TORNARE IN A COINVOLGENDO TUTTO IL TERRITORIO. PEECHE L ASCOLI PER ME HA SEMPRE RAPPRESENTATO LE MARCHE IN TUTTA ITALIA. E SE LE MARCHE SONO STATE CONOSCIUTE DA TUTTI E' ANCHE. GRAZIE ALL ASCOLI CALCIO FIN DAI TEMPI DI ROZZI


MIMMO 29 Agosto 2019 10:10

Qui parliamo di coinvolgere il territorio e di ritorno in A. Ma con quale struttura? Secondo voi possiamo affrontare un eventuale campionato nella massima serie con un terreno di gioco che non è riuscito ad assorbire 10 minuti di pioggia intensa e mezzo stadio inagibile?


MARIO78 29 Agosto 2019 17:12

SECONDO me il campo invece ha un ottimo drenaggio perchè in campo il pallone comunque rimbalzava e si è potuto giocare (fuori sulla strada c'era un fiume d'acqua mi sono bagnato completamente fino al polpaccio)..Le gocce d'acqua che cadevano dalla tribuna sono dovute al fatto che lateralmente la tribuna non ha un modulo di riparo anche trasparente,,,quindi la pioggia a vento ha camminato sul tetto internamente per poi ricadere sui seggiolini ...... sono tutte cose che possono essere facilmente sistemate .....


MIMMO 30 Agosto 2019 02:39

MARIO78, forse in tv ti mostrava altro ma il terreno di gioco negli ultimi minuti era un pantano tanto che si temeva la sospensione della partita. Due gocce d’acqua della tribuna non è certo un dramma. in curva sud cosa facciamo, mettiamo i puntelli e la destiniamo agli avversari sperando che crolli?


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni