Ascoli Calcio, Ninkovic: ''A Cremona ero arrabbiato per aver giocato male, mi dispiace per reazione''

Redazione Picenotime

03 Ottobre 2019

Nikola Ninkovic

Il 24enne fantasista dell'Ascoli Ninkola Ninkovic ha parlato stamane nella sala stampa del Picchio Village dopo la sconfitta di misura sul campo della Cremonese ed in vista del match interno contro il Pescara valevole per la settima giornata del campionato di Serie B.

“A Cremona non abbiamo dato il meglio ed io personalmente ero molto arrabbiato con me stesso per aver giocato male e non essere riuscito neanche a tirare in porta sbagliando anche i passaggi più semplici, non dovrebbe succedere mai - ha dichiarato Ninkovic -. Non ho nessun problema con l'allenatore e con i miei compagni, mi dispiace per la mia reazione e per il cattivo esempio che ho dato, mi dispiace e mi scuso con mister, ds, società e tifosi, ma ripeto che non ho reagito in quel modo perché sono stato sostituito e non era una mancanza di rispetto verso nessuno, io voglio sempre dare il 100% per la mia squadra, sento la responsabilità di dover fare sempre la differenza. Non ci aspettavamo che la Cremonese difendesse così bassa, vedremo se il Pescara si comporterà nello stesso modo domenica. Vogliamo preparare al meglio quella partita per riscattarci. Quest’anno abbiamo una squadra molto forte con giocatori di qualità in tutti i reparti ed abbiamo le carte in regola per puntare ai playoff”.

CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA NIKOLA NINKOVIC IN VISTA DI ASCOLI-PESCARA

"Abbiamo perso di misura, è vero, è mancato poco per pareggiare, ma non abbiamo giocato bene come nelle precedenti partite, questo è sicuro - ha  aggiunto Ninkovic in conferenza stampa, come riporta il sito ufficiale dell'Ascoli Calcio -. E' mancato qualcosa davanti, non siamo riusciti a fare gol, ma fortunatamente abbiamo sùbito un'altra opportunità per rifarci; domenica col Pescara sappiamo che sarà una gara difficile, ma non dovremo ripetere gli errori commessi allo Zini. Non ci aspettavamo una Cremonese chiusa nella propria metà campo, ma, al di là di questo, non abbiamo riportato sul campo le cose che avevamo preparato in settimana. Ieri abbiamo rivisto il video della partita e ci siamo resi contro d'aver sbagliato troppo. Ero arrabbiato perché non avevo giocato bene, non posso essere felice se la mia squadra perde; mi dispiace perché in quella reazione non ho dato un buon esempio alla gente, ho dato un brutto esempio a tutti i bambini che fanno il tifo per me. Forse dall'esterno si è pensato che fosse una mancanza di rispetto per Mister e compagni, ma loro mi conoscono bene e sanno che non è così, lo sa la Società, lo sa il Mister e lo sanno i compagni, con loro non ci sono problemi, ero arrabbiato con me stesso, non mi è piaciuto nulla della mia prestazione, non sono neanche riuscito a calciare in porta e, nel secondo tempo, ho sbagliato tre o quattro passaggi semplici consecutivi, non posso accettare di non giocare bene, che la squadra non giochi bene e che perdiamo. Io il più talentuoso della squadra? Questo è un altro motivo per il quale sento maggiori responsabilità ed è anche per questo che non posso accettare da parte mia una prestazione sotto tono. Il Pescara? Se faremo quello che vuole il mister, allora possiamo prendere i tre punti; l'avversario è reduce da una sconfitta per 3-0 e vorrà rifarsi nel derby, ma a noi non deve interessare chi abbiamo davanti, dobbiamo essere concentrati su noi stessi e su quello che sappiamo fare. Quest'anno abbiamo giocatori di maggiore qualità, giocatori veri, in attacco ci sono Da Cruz, Chajia, Scamacca, ma anche dietro siamo attrezzati, ogni reparto è migliorato. Alzandosi il livello qualitativo possiamo giocare meglio, possiamo tenere palla un po' di più, organizzare la fase d'attacco da dietro. Obiettivo? Dobbiamo preparare ogni gara come fosse una finale, la prossima partita è sempre la più importante per noi, proveremo ad andare ai playoff; lo scorso anno è mancato poco per agganciarli, quest'anno siamo più forti e ci auguriamo di raggiungerli, ma per raggiungerli non basta volerlo, bisogna dimostrare ad ogni partita d'essere forti, cosa che abbiamo fatto nelle prime cinque partite, ma non a Cremona, che dev'essere stato un incidente di percorso che può capitare. Le favorite per il campionato? Per ora abbiamo visto che ogni squadra può vincere contro qualunque avversario; detto questo, penso che l'Empoli sia fortissimo, così come Benevento e Frosinone, anche se quest'ultimo non è partito bene. Il mio futuro? Spero sia la Serie A con l'Ascoli".


© Riproduzione riservata

Commenti (15)

Pseudo tifoso 03 Ottobre 2019 10:26

Sei troppo forte. Sei il mio idolo personale. La reazione non è un problema ci sta. Magari se vieni sostituito quando perdi devi correre e non passeggiare.


asnkvola 03 Ottobre 2019 10:38

Ogni volta che fai così il tuo valore di mercato diminuisce,le possibilità di poter giocare in serie A da parte tua diminuiscono,la possibilità che la: allenatore e la società si stufino di tale comportamento aumentano,le possibilità che i tifosi si indispettiscano di tale comportamento aumentano,dunque con tali comportamenti tutti ci perdono ma di sicuro chi ci perde più di tutti sei tu,o mantieni un comportamento da professionista oppure non sarà un bel finale......


Ascoli club bs 03 Ottobre 2019 10:40

Grande Nikola. Numero 1. Se ti sei arrabbiato vuol dire che ci tieni tanto a fare bene. Però per la tua carriera è meglio che lo fai fuori dal campo. Conta fino a 100. Ciao campione


gameR 03 Ottobre 2019 10:41

A te in campo io non ti toglierei mai,e chi capisce di pallone sa ',preferisco te che ti inxxxxi, a chi esce con il sorriso ,10 100 1000 Ninkovic in campo sempre... P.S. mister, e' una parola troppo grande dire ,per me Ninkovic e' un giocatore come un'altro,Ninkola e' il calcio, FORZA ASCOLI .....forever


Tifosissimo 03 Ottobre 2019 10:53

Portaci in A NIKOLA NINKOVIC....sei un ragazzo molto sensibile ed il nostro beniamino e trascinatore! Siamo tutti pronti per la sfida al Pescara..domenica schierati sugli spalti canteremo tutta la partita!


the punischer 03 Ottobre 2019 10:56

concorde in pieno con gameR
Ninkovic ci tiene alla maglia e lo dimostra
NIKOLA 1 DI NOI


Gabriele 03 Ottobre 2019 10:59

Solo chi non ha mai giocato a calcio o non ne capisce nulla poteva perdere tempo ad evidenziare questa situazione. Chi capisce di calcio ha ben compreso che la reazione era dovuta al fatto che il giocatore ha capito di aver giocato male. Io generalmente mi preoccupo quando i giocatori sostituiti non hanno reazioni. Nikola, non devi scusarti di nulla, semmai, se posso darti un suggerimento, evita certi atteggiamenti in campo, che quelli si che sono un esempio negativo e a mio avviso danneggiano le tue prestazioni. Comunque per me sei un fenomeno.


Picus 03 Ottobre 2019 11:24

Scuse doverose, speriamo sincere. Posto che io non ti avrei sostituito per nessun motivo, se capita devi accettare e fare il tifo dalla panchina. Questo significa essere parte di una squadra e serio professionista.


paul 03 Ottobre 2019 12:17

l'inportante è che non si ripeta, altrimenti la società dovrà prendere provvedimenti molto severi .


asnkvola 03 Ottobre 2019 12:40

Caro Gabriele il sig.Ninkovic questi comportamenti li ripete spesso,ogni volta qualcuno giustific tali comportamenti,se tali comportamenti erano leciti il sig.ninkovic non doveva chiedere scusa a tutta la squadra,se lo ha dovuto fare è evidente che aveva qualcosa da farsi perdonare,secondo la storia che ce l'aveva con se stesso ci può credere un bambino di 6 anni,chiaro che non ti possono dire apertamente che ce l'aveva col cambio ma Zanetti nell'intervista lo ha ammesso,questo è un giocatore che non prende bene quando è sostituito sia quando gioca bene e sia quando gioca male,questa è la verità caro Gabriele che la società non può dirlo apertamente per proteggere il suo investimento,chiaro dalla reazione che non ha digerito il cambio come non lo ha digerito con lo Spezia e questo te lo dice uno che di calcio ne capisce e pure tanto,continuarlo a difendere all'infinito non si può,o fila dritto o cambia strada altre soluzioni non ci sono.


Trieste Bianconera 03 Ottobre 2019 13:28

Ha perfettamente ragione l'amico Asnkvola. Mi dispiace Gabriele rispetto la tua opinione ma a me in qualsiasi squadra e su qualsiasi campo dove ho giocato dalla C fino alle categorie inferiori hanno sempre insegnato di comportarsi da professionista,avere rispetto dell'allenatore,dei compagni e soprattutto dei tifosi. Ninkovic e la nostra società che ne detiene il cartellino stanno perdendo quotazione perchè ogni volta che c'è una sua sostituzione fa casino. Non ci siamo proprio. Spiace vedere un talento così essere sminuito da questi comportamenti e come diceva Asnkvola molti (tra cui il sottoscritto) sono infastiditi e alla fine il primo che ci perderà sarà proprio lui. Per salire in serie A non c'è bisogno di chi tira pugni alla panchina, scalcia le bottiglie o non saluta l'allenatore. Per salire abbiamo bisogno di professionisti che sudano per la nostra maglia e che rispettino tutti. Questo te lo dice il sottoscritto che una domenica a Vicenza è stato (ingiustamente) espulso e in quel momento mi sarei mangiato vivo l'arbitro ma invece uscii e nello spogliatoio chiesi scusa all'allenatore e al presidente. Sempre e dovunque Forza Ascoli


Ascoli 78/79 03 Ottobre 2019 14:03

Calma e gesso, perché sei una spanna sopra la media. Ma il furore agonistico è anche la tua forza, oltre che un potenziale limite.
Però bisogna anche capire lo spirito (o cazzimma) Serba: la loro mentalità è questa, ci tengono a non perdere mai, neanche un’amichevole.
Vi racconto quello che mi disse Predrag Danilovic, anche lui serbo, campione del basket anni 90: quando giocava a Belgrado, giovanissimo, ogni allenamento finiva con la partitella: solo che chi vinceva beveva dal rubinetto del lavandino, mentre chi perdeva beveva nel lavandino l’acqua rimasta ... quindi, sul campo quelle partitelle erano una battaglia. Lui perse le prime volte, poi capì come funzionava e cominciò a menare come un fabbro, e quello spirito battagliero gli è rimasto per tutta la sua carriera (e che carriera! Con tanto di NBA e Coppa Campioni). Questo è lo spirito Serbo!


Nazzareno 03 Ottobre 2019 18:38

Conosco lo spirito serbo, specie dei ragazzi nati dopo 1980, però a volte Ninkovic con questi atteggiamenti sembra discostarsene facendo venire meno il senso di gruppo e di appartenenza.
Come giocatore è la mia personale scommessa perché mi piace il calcio interpretato da giocatori talentuosi. Per la serie A deve crescere ancora tanto.
Spero che le sue non siano solo dichiarazioni di circostanza perché andrebbe a deludere molti suoi tifosi


Ze 03 Ottobre 2019 22:17

la facilità di passaggio e la sua precisione sono incredibili. Il gesto inadatto a giocatori di questa categoria. Forza Nicola siamo tutti con te, domenica facci sognare!


Vinc-1 04 Ottobre 2019 07:50

Concordo pienamente la disamina fatta da Asnkvola, aggiungo che come calciatore ha grosse qualità e secondo me è il carattere che lo penalizza, e non so fino a quanto la società può tollerare i suoi comportamenti (chiamiamoli bizzarri) ne vale la tenuta dello spogliatoio.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni