Rapa presenta Ascoli-Pescara: “Delfino a caccia del riscatto con un modulo più abbottonato”

Redazione Picenotime

03 Ottobre 2019

Foto da Pescaracalcio.com

Abbiamo affidato alla penna di Luciano Rapa, direttore editoriale del portale abruzzese Pescarasport24.it, la presentazione dalla sponda biancazzurra del match Ascoli-Pescara in programma Domenica 6 Ottobre alle ore 21 allo stadio "Del Duca" per la settima giornata del campionato di Serie B.

Pescara in cerca di riscatto contro una formazione che vuole continuare a sognare. La fotografia iniziale della partitissima del Del Duca può essere questa, con i padroni di casa che per la prima volta dopo parecchi anni si accostano alla sfida contro i biancazzurri con i favori del pronostico tutti per loro, nonostante le previste assenze. 

Non è infatti un bel momento per il Delfino, che naviga in acque poco tranquille dopo due sconfitte consecutive che hanno scatenato i primi malumori di una piazza che teme di vivere una stagione di basso profilo ed a forte rischio per la salute delle coronarie. Forse è prematuro trarre conclusioni così drastiche dopo appena 6 giornate, ma di certo le prestazioni offerte lasciano più di un dubbio sulla reale forza di un team che ha smarrito le certezze della passata gestione tecnica (la solidità difensiva, ad esempio) e che non ha al momento una vera e propria identità. Prova ne sia che al Del Duca i biancazzurri metteranno in un cassetto il 4-3-3, modulo base sul quale anche Zauri ha lavorato sin dal primo giorno sulla scia dei predecessori (Zeman e Pillon), per proporre non il 4-3-1-2 o il 4-2-3-1, vale a dire i moduli alternativi di inizio anno, ma un abbottonato 3-5-1-1. Il Pescara, che sbarcherà al del Duca con i cerotti per via delle numerose assenze (molte delle quali di spessore), avrà dunque una veste nuova e punterà a restare corto e compatto per poi ripartire in rapidità. La scelta degli interpreti, infatti, sarà diretta conseguenza del copione tattico che il giovane Zauri vuole per la sfida, con punte veloci e adatte al contropiede ed il supporto degli inserimenti senza palla delle mezzali. 

Un terzo ko non sarebbe digerito dalla piazza e metterebbe sulla graticola il tecnico, che continua a predicare calma e chiede serenità. La debacle interna con il Crotone, definita “indegna” da uno dei senatori del gruppo, l'ex ascolano Del Grosso, ha però fatto suonare con forza i campanelli d'allarme. Ad Ascoli si chiede una prova di coraggio ed un sussulto d'orgoglio, ecco perchè i piceni dovranno stare bene attenti.


© Riproduzione riservata

Commenti (4)

Osservatorio nazione 03 Ottobre 2019 17:06

ADESSO ZANETTI SA' CHE
IL PESCARA"""GIOCHERÀ CON IL MODULO. 3-5-1-2.
CIÒ SIGNIFICHERÀ GIOCHERÀ MOLTO CORTO"""" CON IL CENTROCAMPO""AFFOLLATO E SFRUTTERÀ IL CONTROPIEDE CON RIPARTENZE VELOCI"""""ORA VEDIAMO CHE COSA SAPRÀ PROPORRE PER SCARDINARE LA DIFESA DEL PESCARA"""PRATICAMENTE SARÀ COME RIPETERE LA PARTITA DI CREMONA""""".......OCCHIO ""OCCHIO ""


pippetto 03 Ottobre 2019 20:20

Tranquillo osservatorio, oggi Zanetti è stato visto a passeggio
con CAPRO' che gli ha gia spiegato tutto................


Roma 03 Ottobre 2019 21:46

questi con tutti quei possibili moduli
hanno fatto tilt, ma quale Ascoli stia
attento, gioca tranqullo e VINCE !!!


LOLLO57 04 Ottobre 2019 09:11

A Cremona il 3-5-1-1 della Cremonese ci ha dao parecchio fastidio. C'è l'attenuante della sorpresa, probabilmente Zanetti non se l'aspettava (anche se le esrcitazioni tattiche debbono prevedere tutte le possibili contromosse contro qualunque atteggiamento tattico degli avversari). In ogni caso, se il pescara si presenterà con la stessa disposizione della Cremonese stavolta c'è stata un'intera settimana per prenderee le contromisure. Vediamo che fa Zanetti.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni