Ascoli, ora non perdiamo la calma

Redazione Picenotime

08 Ottobre 2019

La sconfitta casalinga col Pescara brucia ancora, e sicuramente il 2-0 è stato un passivo ingeneroso. L’Ascoli avrebbe potuto pareggiare e chiudere la gara sull’1-1, ma a volte ci vuole anche un pizzico di fortuna, cosa che questa volta è mancata agli uomini di Zanetti.

La sconfitta di domenica nel derby è la seconda consecutiva dopo quella con la Cremonese, e qui deve suonare un campanello d’allarme: possibile che la squadra, dopo le tre vittorie consecutive contro Livorno, Juve Stabia e Spezia si sia un po’ rilassata? A volte può capitare che i giocatori si sentano appagati a livello inconscio, e ci sono dei cali di attenzione che poi sono fatali. Nelle ultime due sconfitte abbiamo pagato cari questi cali di attenzione, perché le prestazioni non sono state negative. Si poteva fare qualche punto in più certo, ma così è stato, inutile piangere ora.

Ciò che serve ora è ripartire a testa bassa, con grinta e cattiveria, e archiviare le ultime due partite come semplici incidenti di percorso da cui però bisogna imparare una lezione: mai abbassare la guardia, mai rilassarsi, mai sentirsi arrivati, perché in B nessuno ti regala nulla, tantomeno squadre attrezzate come Cremonese e Pescara.

La classifica è ancora molto buona, siamo in piena zona playoff a soli 3 punti dalla capolista, ma già nel prossimo match contro il Chievo bisognerà stringere i denti: i gialloblù hanno molti giocatori che potrebbero calcare tranquillamente i palcoscenici della Serie A, e dopo un inizio difficile hanno incominciato a ingranare macinando punti, vincendo anche con grandi rimonte come nell’ultimo match contro il Livorno dove il Chievo perdeva 3-1 e ha poi vinto 4-3.

Dopo il Chievo avremo l’Entella, quindi due gare belle toste in cui non potremo più fare confusione nel gioco e fare gravi errori individuali.

Grazie a una ricerca di BookmakerBonus.it, abbiamo visto che Chievo ed Entella partono favorite contro di noi, con Snai che quota la loro vittoria appena a 2.00. Sarà compito del Mister caricare i ragazzi e dar loro gli stimoli giusti per portare a casa punti da questi due match.

L’Ascoli ha dei buoni giocatori ma a volte questi peccano di leziosità soprattutto nell’ultimo passaggio: come ha detto Mister Zanetti in conferenza stampa nel dopo gara, la partita la potevamo vincere, e il Pescara probabilmente è partito con l’idea di portarsi a casa un pareggio, ma siamo stati troppo molli e il palo preso non deve essere un alibi.

Non perdiamo la calma quindi, ma teniamo alto il livello di attenzione: i tifosi storceranno un po’ il naso, ma ora serve fare punti per rimanere incollati alle prime posizioni. Meno bellezza quindi ma più pragmatismo, e soprattutto più cattiveria sottoporta, cosa che è mancata nelle ultime uscite.

Dodici punti in sette partite è un bottino da media playoff, l’importante ora è non sprecare quanto di buono fatto finora e sfruttare il calore e la spinta dei tifosi per far vedere a tutti che l’Ascoli c’è!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni