Ascoli Calcio, Zanetti: “Da Cruz non è cattivo ma era giusto prendere provvedimenti. Chievo forte ma non invincibile”

Redazione Picenotime

19 Ottobre 2019

Paolo Zanetti

L'allenatore dell'Ascoli Paolo Zanetti ha parlato alla vigilia del match esterno con il Chievo, valevole per l'ottava giornata di Serie B, attraverso il sito ufficiale del club bianconero al termine della seduta di rifinitura mattutina. 


Si torna in campo a due settimane dalla sconfitta col Pescara. Il suo collega Marcolini avrebbe voluto rigiocare subito sfruttando l'entusiasmo per la vittoria sul Livorno. Per l'Ascoli la sosta è stata salutare?

"Sicuramente, siamo reduci da un mini momento non particolarmente positivo e questa sosta ci è servita per dedicarci a quello che sappiamo fare meglio, lavorare sodo per crescere e uscire da questo piccolo momento di difficoltà avuto in termini di risultati. Ci presentiamo pronti per una partita importante e difficile".

Con quale spirito la squadra si è preparata alla sfida di domani con il Chievo?

"Lo spirito è quello di una squadra ferita, reduce da un derby perso in casa che ha lasciato strascichi negativi come è normale che sia, abbiamo grande necessità di tornare a fare punti  per tamponare la piccola emorragia che ci è stata; vogliamo rimetterci in carreggiata, fino a due settimane fa stavamo disputando un ottimo campionato, quindi sappiamo di avere le potenzialità per riprendere la strada giusta. Ho visto una squadra volenterosa di rimettere le cose a posto al più presto".

La sosta ha restituito capitano e vice, mancati nella partita col Pescara, non c'è Da Cruz per motivi disciplinari.

"Brosco è sicuramente recuperato appieno, Ardemagni è stato fermo tre settimane e ha fatto tre allenamenti con noi, è certamente recuperato, non avrà tantissimi minuti nelle gambe, ma è un'arma importante, vedremo se sarà utile dall'inizio o a partita in corso. Da Cruz, come tutti sanno, è fuori per motivi disciplinari; rappresenta una perdita soprattutto per se stesso, poi per la squadra e per l'Ascoli. Sono cose che capitano in un gruppo di uomini, può succedere che ci siano discussioni per motivi di campo, ma l'importante è non superare il limite consentito; Alessio non è un ragazzo cattivo, ma in questo momento era giusto prendere provvedimenti, le regole sono uguali per tutti, a prescindere dall'importanza tecnica del giocatore. Non c'è nessun dramma, nel calcio fra uomini sono cose che possono succedere".

Vedremo un Ascoli diverso domani al Bentegodi? Medita cambiamenti?

"Dobbiamo essere diversi dal punto di vista dell'aggressività, della mentalità, del ritmo. Dobbiamo giocare una partita di livello superiore a quelle disputate ultimamente, al di là dei sistemi di gioco. Noi abbiamo le nostre idee e il nostro modo di giocare, qualche volta riusciamo ad esprimerli meglio, altre volte peggio, ma non butto via il lavoro svolto fino a qui per le ultime due partite".

Pensa che in questo momento il Chievo sia il migliore o il peggiore avversario da affrontare per una squadra in cerca di riscatto?

"Al di là dell'avversario dobbiamo fare una grande prestazione per noi stessi e per i nostri tifosi che hanno dovuto digerire la sconfitta al derby. L'avversario è forte, viene dalla Serie A, ha giocatori importanti e questo dovrà essere per noi un ulteriore stimolo, dobbiamo mettere via le paure e chiudere le orecchie a chiacchiere che possono destabilizzare l'ambiente. Domani servirà una grande prestazione".

Quali sono i maggiori punti di forza del Chievo e che tipo di atteggiamento servirà da parte dell'Ascoli?

"Il Chievo è una squadra che ha valori in tutti i reparti, soprattutto in attacco, nonostante l'assenza di un paio di giocatori importanti che saranno sostituiti da altrettanti calciatori validi. Affrontiamo un avversario con un organico che punta alla A, ma se è dietro di noi vuol dire che qualche piccolo difetto lo ha, è una squadra forte, che rispettiamo con la massima umiltà, ma non è invincibile. In questo campionato ogni gara è a sè e si può vincere con chiunque, la differenza la fanno i dettagli, sappiamo che lo scoglio che avremo di fronte domani sarà di alto livello".

E' stato utile questo mini ritiro in Veneto?

"Sì, siamo stati insieme, non è stato un ritiro punitivo, siamo partiti prima perché ci aspettava un viaggio lungo; è stato utile per ricercare la massima concentrazione, ci siamo allenati molto bene in questi due giorni, non vogliamo lasciare nulla al caso, abbiamo curato tutti i dettagli".

Al momento saranno più di 500 i tifosi bianconeri al seguito della squadra.

"I nostri tifosi sono da Serie A, Ascoli è una piazza straordinaria, che ha le sue sfaccettature, le sue particolarità, basta poco per smorzare gli entusiasmi e altrettanto poco per riaccenderli, alla fine siamo noi sul campo a determinare gli umori dell'ambiente, tutto il resto è una conseguenza. Rispetto ad altre piazze, Ascoli ha moltissimi tifosi che tifano a prescindere e anche per loro dobbiamo fare domani una grande prestazione".


© Riproduzione riservata

Commenti (13)

Fra61 19 Ottobre 2019 16:03

Coraggio ragazzi, siete forti e sono certo che lo saprete dimostrare in campo con la testa e con il cuore di una grande.squadra
FAC tutti


Simone 19 Ottobre 2019 16:05

mister zanetti la società ti ha messo in mano una ferrari, nessun allenatore arrivato ad ascoli gli ultimi 20 anni ha avuto una squadra così forte nemmeno giampaolo, dimostra di saperla guidare, domani a verona saremo in tanti giocheremo praticamente in casa, vincere e convincere senza scuse.


Ze 19 Ottobre 2019 18:13

Mister è ora di dimostrare. Senza indugi vediamo che sai fare.


Andrea 19 Ottobre 2019 18:34

Forza mister domani vinciamo sicuro, siamo più forti e il Chievo ha tante assenze pesanti, il nostro obbiettivo deve rimanere la conquista della serie A.


Jeannette 19 Ottobre 2019 18:47

Simone.... ce vo la calma e un minimo di equilibrio... Se la pensassero tutti come te sarebbe deleterio perché se pensi di essere forte ed essere dei fenomeni alle prime difficoltà vai tilt. dobbiamo restare sul pezzo, tutti!
soprattutto squadra e società devono stare sul pezzo. noi facciamo i tifosi e lo sappiamo fare bene perché siamo unici :)


Giovanni Gennaretti 19 Ottobre 2019 18:56

In tutta onestà Tesoro ha ragione quando dice d'essere intervenuto sul "Da Cruz" x ridimensionare un caso che non è e che spetta assolutamente alla società gestirlo senza intromissioni x non farlo ingigantire oltre misura, è una maleducazione del calciatore che bisogna togliere, un'abitude dei calciatori sudamericani, così come asserisce Zanetti che il ragazzo x indole non è cattivo, ma dovrà capire che non si usa la regola della giungla. Il tutto comunque non va ingigantito dai giustizieri della notte.


Daniel 19 Ottobre 2019 19:32

Aspettiamo a dire che la squadra è forte addirittura più di quella di Giampaolo, appunto la squadra quell'anno non era forte ma sulla panca siedeva un certo Giampaolo che è molto bravo a guidare sia una 500 che una Ferrari.


Davide 19 Ottobre 2019 19:56

Zanetti domani il Chievo gioca fuori casa non potrà contare sui giocatori più forti la vittoria non può sfuggiti contro una squadra più debole


Davidw 19 Ottobre 2019 20:00

Una piccola chiosa x l utente Daniel......con tutto il massimo rispetto x Giampaolo non mi sembra che gli ultimi risultati glivabbiano dato ragione.....comunque a parte ciò domani ci vorrà umiltà forza determinazione e coraggio.....con questi ingredienti si può tranquillamente portare via un risultato dal bentegodi......massimo rispetto x il Chievo ma non è invincibile...come tutte le squadre di serie b.....f.a.c.


ennsalda 19 Ottobre 2019 21:32

Do ragione a tutti ma Ardemagni che fine ha fatto, sempre meno di 1/2 campionato e sono 2 anni. Il Pescara ha perso in casa noi abbiamo buttato via anche un buon pareggio, e se pareggiano anche domani andrebbe più che bene, con 2 punti in più saremmo stati più che bene


LORENZO CAPRO' 20 Ottobre 2019 00:53

NON SCHERZIAMO, QUESTA È UNA SQUADRA FORTISSIMA. MISTER STACCI CON LA TESTA, SEI BRAVO, PREPARATO E LAVORI MOLTO SUL CAMPO. HAI TUTTO PER VINCERE, MA SBAGLI E CAMBI SEMPRE FORMAZIONI E SOPRATTUTTO NON RIESCI A VEDERE LA PARTITA IN CORSO. DAI MISTER, MI RACCOMANDO.


Lillo58 20 Ottobre 2019 07:37

Sono proprio le affermazioni come "la società ti ha messo in mano una ferrari" che creano illusioni e destabilizzano l'ambiente. Se già la ferrari è un sistema complesso, una squadra di calcio è un sistema estremamente più complesso...


Sarò sempre del settembre 20 Ottobre 2019 14:16

In serie B non esistono le Ferrari, a parte quando ci giocavano la juve e il Napoli, ci sono squadre che sulla carta possono essere superiori ad altre, ma il collettivo e la voglia di lottare sono le cose che hanno sempre fatto la differenza.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni