Ascoli Calcio, Pulcinelli: “I veri tifosi sostengono la squadra, non fanno pettegolezzi di basso livello”

Redazione Picenotime

19 Ottobre 2019

Il patron dell'Ascoli Massimo Pulcinelli, alla vigilia del match con il Chievo che seguirà dalla tribuna dello stadio "Bentegodi", è voluto tornare su quanto successo negli ultimi giorni dopo la sconfitta interna nel derby con il Pescara.

"Sono veramente felice ed orgoglioso di essere alla guida dell'Ascoli, da un anno e mezzo ormai dedico ampia parte delle mie giornate lavorative alle attività del nostro amato club. Abbiamo tanti progetti concreti ed ambiziosi, vogliamo fare le cose per bene e raggiungere i migliori risultati possibili, mi sono davvero affezionato ai colori bianconeri. Quando vinciamo una partita sono contento come un bambino, quando perdiamo divento triste ma dopo qualche ora di amarezza penso subito alla gara successiva per riscattarci - ha dichiarato Pulcinelli in serata a Picenotime.it -. Dopo un inizio di stagione altamente positivo, tuttavia, nelle ultime settimane ho percepito un'atmosfera particolarmente negativa dopo le due sconfitte con Cremonese e Pescara, la seconda tra l'altro dovuta anche ad episodi poco fortunati. Ogni situazione, da quella serata, è stata ingigantita ed il clima si è fatto pesante. Da Cruz, ad esempio, ha infranto il codice regolamentare che disciplina il nostro gruppo. Noi massimi dirigenti, in totale accordo con il direttore sportivo e con l'allenatore, abbiamo deciso di non inserirlo nella lista dei convocati per la partita con il Chievo. Stop, nessuna dietrologia, sono cose che non dovrebbero succedere ma che nel mondo del calcio a volte capitano. E' bastato invece qualche spintone tra due ragazzi poco più che ventenni, come accade in tantissimi altri spogliatoi in Italia e nel resto del mondo, per partorire un'ignobile montagna di chiacchiere da osteria, pettegolezzi di basso livello ed infondate ricostruzioni dell'accaduto che hanno oltrepassato ogni limite di buon senso e decenza. I veri tifosi, e sottolineo veri, sono vicini alla squadra e la sostengono, costantemente, soprattutto nei momenti di difficoltà. Se poi i risultati non arrivano è giusto criticare, ma sempre in maniera costruttiva ed in buona fede. Le critiche sono fondamentali per noi, ci aiutano a migliorare ed a correggere eventualmente il tiro del nostro modus operandi - ha aggiunto Pulcinelli -. Chi invece, dopo una sconfitta, inizia ad insultare i nostri giocatori, invita in maniera volgare il nostro allenatore ad andarsene e semina veleno ovunque, dai social ai bar della città, non vuole il bene dell'Ascoli. Non posso rassegnarmi all'idea che queste cose non possano cambiare, non ce la faccio. E' un problema di cultura sportiva, di rispetto delle persone. Da questo punto di vista serve un importante step in avanti, sia "in" Ascoli che nel resto d'Italia. La nostra squadra, come diceva Costantino Rozzi, rappresenta un fondamentale fattore sociale per la città e per tutto il territorio piceno. Bisogna crescere quindi insieme, rispettarsi l'un l'altro, facciamo tutti parte della grande famiglia bianconera. Se un tifoso insulta o sparge odio nei confronti di un calciatore è come un figlio che insulta un padre, un fratello che insulta una sorella. Lo stesso vale per i nostri giocatori, che devono avere sempre rispetto per i tifosi, quelli veri, che fanno tanti sacrifici per seguire e supportare la squadra in casa, in trasferta ed anche durante gli allenamenti. A chi vuole il male dell'Ascoli e pensa solo a parlare a sproposito dell'Ascoli consiglio di dedicarsi ad altro. E' meglio per loro, è meglio per noi, è meglio per tutti. Ai tifosi, quelli veri, chiedo ancora una volta di starci vicini, solo se saremo compatti ed uniti potremo toglierci delle grandi soddisfazioni quest'anno. Ora pensiamo a far bene nel match con il Chievo, sempre dando il 120%. F.A.C., Forza Ascoli Carica!".


© Riproduzione riservata

Commenti (39)

Gigi 19 Ottobre 2019 21:41

Dico solo una cosa: ma può essere che qualsiasi cosa accada, devono essere sempre rimproverati Per primi i tifosi?


Forza Ragazzi 19 Ottobre 2019 21:50

Grande,hai detto tutto!!!
Forza ASCOLI, basta destabilizzazioni,solo incitamenti per coloro che raprresentano la nostra passione.


remo 19 Ottobre 2019 21:52

Monumentale patron, grande discorso, ora vincere col Chievo, FAC!!


Luigi 1960 19 Ottobre 2019 21:54

Sottoscrivo.
Forza Ascoli Carica!


Luca 19 Ottobre 2019 22:37

Chi manda in giro chiacchiere non vuole il bene della squadra di conseguenza non è un tifoso!!!


Jeannette 19 Ottobre 2019 22:40

io sto con Gigi


Matteo 19 Ottobre 2019 22:41

Mah... Invece di fare mea culpa per quello che è successo il problema sono i tifosi o chi fa pettegolezzi? I giocatori devono pensare a giocare non a sentire le chiacchiere e soprattutto a fare i professionisti profumatamente pagati. Indossano la maglia dell'Ascoli


Mirko 19 Ottobre 2019 22:41

I veri tifosi saranno a Verona domani


sandrone 19 Ottobre 2019 22:43

Il patron ha ragione, un padre di famiglia deve difendere i suoi figli in pubblico quando sbagliano, poi in privato bacchettarli... Ma quello che ho sentito sulla storia di Da Cruz è vomitevole, vergognoso, osceno... Per tanti l'Ascoli non è una fede, ma solo una scusa per protagonismi e pettegolezzi, stop!!!!!!!!


San Marco 19 Ottobre 2019 23:03

Patron 6 UNICO .Condivido al 120%. Sempre ForzaAscoli.


Amedeo 19 Ottobre 2019 23:15

Pulcinelli la smetta di prendersela sempre con i tifosi , che nel bene e nel male seguono la squadra da mti lustri , critiche ed elogi sono sempre andati di pari passo ai risultati della squadra , piuttosto cerchi di disciplinare quei ventenni che da lei sono profumatamente pagati per correre dietro un pallone e che la maggior parte delle volte non onorano la maglia che indossano , per cui ( lo ripeto) lasci perdere i tifosi che malgrado i risultati altalenanti e la tanta fortuna avuta seguono con passione viscerale le sorti dell' ASCOLI CALCIO 1898


Luca 19 Ottobre 2019 23:23

Tutto condivisibile la lettera dal vangelo secondo.... c'è solo un piccolo dettaglio, in una famiglia quando accade qualcosa, non si fa a gara a scendere in strada a raccontare le cose, soprattutto si fa silenzio quando si è nel torto, spesso certe cose vengono ingigantire, perché i problemi veri sono altri... Speriamo di fare risultato domani. Verona e siamo tutti contenti.


Per sempre Ascoli 19 Ottobre 2019 23:24

Sapete bene che Da Cruz e qualcun'altro hanno la testa calda...i tifosi dell'Ascoli ci tengono alla squadra da tempi storici e può anche succedere che, visto il silenzio della società , qualcuno faccia dei pettegolezzi ma questo non deve assolutamente incidere sul rendimento della squadra. Il nostro tifo e' sempre il massimo....spesso, purtroppo,non sempre accompagnato da prestazioni eccellenti da parte di giocatori e staff ! Fuori la grinta e cerchiamo di non farci risucchiare in basso.


Atlascaruso 19 Ottobre 2019 23:29

Patron siamo tutti con te !!!! Hai pienamente ragione. Ritornando allo scontro Gravillon - Da Cruz , c’è da capire la gravità della situazione. Ho giocato a calcio per 30 anni, per me la scelta di non convocare Da Cruz è sbagliatissima ! Ci si mette una pietra sopra e via! Sono cose che in allenamento succedono tutti giorni !!


Albardialbissola 19 Ottobre 2019 23:33

Sottoscrivo ogni singola parola
Bravissimo patron


Luigi C. 19 Ottobre 2019 23:34

Condivido il pensiero del presidente Pulcinelli, evitiamo di fare polemiche e stiamo vicino alla squadra, signor mirko domani non sarò a Verona eppure non mi sento meno tifoso di chi ci sarà, da diversi lustri asisto alle partite e come dice il presidete Pulcinelli si deve essere compatti, senza fare dstinzioni e pettegolezzi, il suo commento è fuori luogo.


remo 19 Ottobre 2019 23:38

Amedeo, ma sai leggere'? Il patron li elogia i tifosi veri, ce l'ha con cui sputa veleno e giustamente dice che non sono tifosi, ci vuole tanto a capirlo?? Mah... sempre FAC cmq!


Fabio 20 Ottobre 2019 00:00

il patron si sta dedicando tanto alla società mette soldi e passione, domani Verona saremo in parecchi giochiamo praticamente in casa, gli dobbiamo fare un bell'applauso e un coro se lo merita tutto, grazie patron


POTENZA ⚡PICENA 20 Ottobre 2019 00:00

Un vero signore il nostro Patron ,se riprendiamo subito la retta via , vedra' un del duca sempre in crescendo !sbn74


MARIO78 20 Ottobre 2019 00:33

In Ascoli i tifosi veri ci sono altro che tanti criticano per troppo amore tanti sfogano la propria delusione come contro il Pescara inveendo contro tutti contro l'allenatore,contro i giocatori mai contro la società. Io almeno non ho sentito nulla . Io personalmente contro il Pescara me la sono presa contro l'allenatore nòn perché mi sia antipatico ,soltanto perché non ha fatto i cambi giusti e al giusto momento per modificare l'inerzia di una partita destinata ormai allo 0 a 0 e poi sappiamo come è andata a finire per un errore un infortunio del singolo giocatore. Ma caro Presidente o Patron come ama farsi chiamare , non si può pretendere che uno stia zitto. Sarebbe come la moglie che ti tradisce e tu fai finta di niente continuando a dire brava bella etc etc o il viceversa il marito che tradisce la moglie e lei zitta. Se L' ascoli ci tradisce noi tifosi reagiamo e con il Pescara io mi sono sentito tradito. Da allenatore e giocatori potevamo. tornare al primo posto ed invece siamo riusciti a perdere con la peggiore squadra del campionato il Pescara squadra inguardabile la peggiore squadra vista ad Ascoli che difficilmente si salverà quest'anno .


LORENZO CAPRO' 20 Ottobre 2019 00:46

DISCORSO CHE NON FA' UNA PIEGA, STATE CREANDO UNA GRANDE SOCIETÀ E SONO CONVINTO CHE MANCA POCO PER VINCERE. SPERIAMO CHE IL MISTER NON SBAGLI PIÙ FORMAZIONE E SOSTITUZIONI. CONVENGO CON TE SONO STATE DETTE COSE VERGOGNOSE, FACENDO GIRARE MESSAGGI FUORI DI OGNI LOGICA. PECCATO, PERCHÉ SENZA GLI ERRORI DI ZANETTI.... ERAVAMO PRIMI E NON C'ERANO TUTTE QUESTE POLEMICHE. COMUNQUE RIPARTIAMO TUTTI INSIEME, ACCANTONIAMO LE POLEMICHE E TIFIAMO QUESTO GRANDE ASCOLI.


Lollo 20 Ottobre 2019 01:00

Grande Presidente, ha perfettamente ragione. I soliti criticoni hanno rotto, tutto sono meno che tifosi. Forza Ascoli sempre


Tribuna Mazzone 20 Ottobre 2019 01:38

Le chiacchere stanno a zero. Prossime 2 partite bisogna fare almeno 3/4 punti. Punto. Noi siamo l'Ascoli Calcio.


Zac28 20 Ottobre 2019 05:19

Comunque e' vero, come le cose iniziano ad andare male subito ci sentiamo tutti allenatori, se poi ci mettiamo pure la presunzione di tanti anni di calcio ecco che non ce la facciamo proprio a fare quello che dovremmo fare, tifare, senza presunzione, tifare a prescindere se va bene o va male, alla fine siamo tutti tifosi dell'Ascoli no? allora forza Picchio!


Dani76 20 Ottobre 2019 08:05

Bravo Presidente, i problemi di spogliatoio devono restare dentro lo spogliatoio. Noi tifosi meno c'entriamo e meglio e'. Ora reagire sul campo


Marco 20 Ottobre 2019 08:05

si parte per verona forza ragazzi andiamo a vncere siamo nettamente più forti e avrete il tifo dalla vostra parte
ieri sera i rosiconi hanno perso in casa come riparlano di derby perdono ah ah ah ah un fine settimana da favola


Massimiliano 20 Ottobre 2019 08:54


Da Ascolano Puro vorrei dire al patron ed a qualche giocatore che il rispetto lo si deve meritare e che il nervosismo non ci piace ,solo x un motivo:da buon lavoratore non ricco allo stadio nella mia famiglia siamo in tanti ad andare con passione dalla nascita privandoci di tante cose solo x Amore del Nostro Ascoli.se ..e questo se ,e'riferito al nervosismo dico solo una cosa a quel giocatorino che ha buttato la fascia da Capitano che deve stare molto calmo e pensare solo che noi x l'Ascoli Moriamo di Passione 8 giorni su sette.Umilta'e fatti.vi voglio Bene e sempre Forza Ascoli.


Dario 20 Ottobre 2019 09:12

Come dice Lei Presidente :questi sono discorsi da bar,e non dovrebbero scalfire di un niente la sensibbilità dei nostri professionisti.Ma qui oggi si vede se scenderanno in campo dei bambini viziati o dei uomini pronti a tutto pur di riscattarsi e difendere questi colori .Per quanto riguarda da Cruz pur s'è bravo sono pienamente d'accordo con la società .


Atlascaruso 20 Ottobre 2019 09:54

Infatti il Pescara scandaloso visto in Ascoli ha perso anche ieri in casa.....


Fa 20 Ottobre 2019 11:35

SE QUALCUNO ...DOPO LE PAROLE DEL PRESIDENTE HA ANCORA DA PARLARE O RISENTIRSI...MI VIENE IL DUBBIO CHE NON CAPISCE L'ITALIANO OPPURE È IN MALAFEDE!!!POSSIAMO TRANQUILLAMENTE FARE A MENO DI VOI..SIETE SOLO PERICOLOSI CON LA VOSTRA IGNORANZA ED A RIMETTERCI È SOLO L'ASCOLI!!!VI MERITATE BELLINI ED HO DETTO TUTTO!!!


Francesco 20 Ottobre 2019 11:45

Illustrissimo patron, Antonio Lubrano diceva: La domanda sorge spontanea!
Tutto questo caos mediatico è colpa dei tifosi,oppure ci sono stati erori grossolani da parte vostra?
A voler essere comprensivi, si può circoscrivere l'episodio e far credere che succede ovunque, ma non è così e la società lo sa bene, prima gli atteggiamenti del Serbo, poi quelli di Da Cruz ripetuti a partire dalla partita con la primavera.
Ma tutto questo nervosismo a cosa è dovuto? Prima della trasferta di Cremona eravamo primi in classifica, anche li abbiamo assistito a uno spettacolo indecoroso, eppure al Serbo non è stato dato il trattamento che poi ha ricevuto Da Cruz.
Ora sminuire per guardare avanti va bene, ma vogliamo parlare di come è stato gestito a livello comunicativo l'episodio? Sorvoliamo!
Uno spogliatoio integro non fa trapelare nulla, invece poco dopo tutti sapevano tutto, compresa la diversità di vedute tra importanti rappresentanti della società.
Patron, un risultato positivo a Verona permetterebbe di lavorare più tranquilli i prossimi giorni, lo speriamo tutti vivamente, l'importante è che anche voi in società ritroviate l'unione che in quest momento è meno solida.
I tifosi sono la parte migiore e oggi lo dimostreranno ancora.


Alessandro Ferri 20 Ottobre 2019 12:45

Verissimo Massimiliano !!!
Grande stima e sincera gratitudine per Società, staff, dirigenti e organico, ma quella fascia di capitano strappata con scherno dal braccio, accartocciata in mano e gettata a terra non mi è andata proprio giù. Convengo totalmente su tutte le parole del Patron ma devo essere sincero quel gesto mi ha ferito e fatto molto arrabbiare. Non si è mai vista una cosa del genere e quella fascia da noi l'hanno indossata dei veri campioni, lo dico senza voler vivere ostinatamente di ricordi. Aver perso con il Pescara è assolutamente secondario, tifo sempre a prescindere, ma quella cosa mi ha estremamente turbato. Seguo l'Ascoli dall'età di 5 anni grazie a mio padre, dentro e quando posso fuori, ora ne ho 41 e mio figlio è entrato al Del Duca a 2 anni con regolare abbonamento e la sua prima trasferta è stata a Perugia a 3 anni e mezzo, ora ne ha 9, abbonato tutti gli anni come me. Anche daspato per una stupidagine nel 2008 a Piacenza per 3 anni, sono comunque sempre stato equilibrato e non la vorrei ingigantire come giustamente sostiene il Patron, ognuno assolva compostamente al suo ruolo nella maniera più efficace possibile ma quel gesto E' GRAVE ! E se nessuno lo spiega fermamente al ragazzo, questo non lo capisce. Magari è stato fatto come auspico, ma il brutto gesto è avvenuto dopo Cremona, altra brutta parentesi, e successiva conferenza di scuse, per poi ripetersi pesantemente contro il Pescara, a dimostrazione che le soluzioni e i dialoghi con il giocatore sono stati pericolosamente inefficaci. DaCruz / Gravillon è un'inezia rispetto a questo e chi hagiocato a calcio lo sà, che quanto accaduto tra loro due può succedere, anche se Da Cruz è al quanto recidivo, dovunque è stato ha avuto da discutere, non per ultimo direttamente con D'Aversa.
Comprendo bene il patrimonio della Società con il giocatore, ma questo disturba incisivamente anche tutti gli altri giocatori lavoratori, seri, educati e rispettosi poichè si sà che quando in squadra ci sono giocatori di questo tipo, talentuosi e ingestibili, gli altri più quadrati hanno l'istinto di prenderlo per i capelli, poichè arrecano destablizzazione alla squadra vanificando spesso il lavoro svolto da tutti, oltre a non fornire il contributo atteso.
Mi scuso con il Patron per aver ricamato sulla questione, ma volevo essere sincero e dire moderatamente la mia, suggerendo alla dirigenza, magari probabilmente già lo fà, di chiarire ai giocatori prima di acquisirli ed una volta giunti,, il contesto in cui saranno impegnati, l'intriso di storia e viscerale passione, spasmodica e spesso problematica senza equilibro, come giustamente ha ricordato lei pochi giorni fà, riportando le parole del compianto Boskov sugli Ascolani.
Territorio brullo, che ripone immane passione e aspirazione in quella maglia, con un amore mai da nulla scalfito.
Visto lo spessore della nostra Dirigenza, la stessa sicuramente ha le idee molto chiare su cosa fare ora, così come sarà chiara e decisa a Gennaio e a Giugno, qualsiasi valutazione e decisione venga presa, certamente per il bene della nostra Società.
Sempre dalla vostra parte con sostegno e presenza, rinnovando autentica riconoscenza e stima.
Avanti ! Oggi punti [ plurale :-) ] !!
Buona Domenica e gagliardo pomeriggio bianconero.
AF


Picus 20 Ottobre 2019 13:02

Il nostro amato Patron ha ragione, però secondo me dovrebbe evitare di leggere i commenti dei tifosi perché inconsapevolmente egli potrebbe alimentare una questione che non esiste, poiché semplice e puro sfogo di chi ama i propri colori. L'ascolano è così, un momento si esalta e la settimana dopo s'incazza. Ma tutto questo è sintomo di passione, di amore, di sangue che scorre nelle vene. Non mi sento di criticare chi critica perché lo ritengo un sacrosanto diritto di chi si sente frustrato e malinconico dopo una sconfitta del picchio. Cara signor Patron, le vogliamo tanto bene ma noi siamo Picchiopatici e come tali risentiamo degli eventi, belli o brutti che siano. L'importante è che siamo sempre lì ad incitare la squadra e il numero degli ascolani in trasferta ne sono l'esempio. Forza Ragazzi!!


Lorenzo 20 Ottobre 2019 14:18

Vai grande presidente Pulcinelli oggi vinciamo sicuro sono troppo scarsi FAC


Amedeo 20 Ottobre 2019 14:26

Mi permetto di osservare che scaricare colpe dei calciatori sui tifosi non e' giusto sono un tifoso viscerale dell' Ascoli da tanti anni e se permettete vedere perdere la mia squadra ( specialmente contro squadrette del circondario mi rode il cxxo ) per cui iniziamo a dare le responsabilita' a chi ha sbagliato , cioe' i calciatori , quindi per favore pulcinelli ci lasci fare i tifosi a modo nostro , e tutti uniti per portare l'ASCOLI CALCIO 1898 dove merita......un ultimo pensiero va' ai cugini di s.b.t .........condoglianze


Gigi 20 Ottobre 2019 16:54

Dopo lo scempio che stiamo vedendo, patron Pulcinelli redarguisci ancora i tifosi!!!!! Forse sarebbe opportuno strigliare qualche altro, e dare una svegliata a squadra e allenatore. Io da tifoso, se permette, lo esigo! Chiedo troppo??


Luigi 20 Ottobre 2019 16:57

Caro Pulcinelli,
se sei una persona concreta e non solo un motivatore (parole) questa sera devi sollevare dall’incarico l’allenatore. Petrucci, Delia, Ninkovic, Padoin portateli a Roma, all’acqua Cetosa sta per iniziare un torneo di calcetto.


tilly 20 Ottobre 2019 17:37

caro Massimo voglio credere al suo attaccamento ai nostri colori anche perchè sta spendendo parecchi soldi e gliene va dato atto e per questo non posso che ringraziarla. Purtoppo ha toppato alla grande nell'affidare le scelte di mercato al sig. Tesoro che a mio giudizio ha dimostrato tutti i suoi limiti in queste tre sessioni di mercato durante la quale sono stati movimentati almeno una quarantina di calciatori. Il lavoro di un bravo direttore sportivo lo si valuta in base al rapporto tra il portafogli messogli a disposizione (grazie a lei e ai soci ascolani, molto consistente) e i risultati (molto modesti).
Ci ritroviamo con un allenatore esordiente che in otto partite non ci ha fatto vedere tre passaggi in fila, con un centrocampo di bassa categoria (Brlek, Petrucci e Piccinocchi acquisti incomprensibili, Gerbo impalpabile e preso al posto di Muraski grazie al mancato precontratto (colpa di chi?), come se invece di un Audi prendi una Renault), reparto dei terzini incompleto sul lato mancino e da terza serie sull'out destro (del rinnovo a Laverone vogliamo parlare?), intasamento in attacco con alcune teste calde che il povero Zanetti ha già la gastrite.
A questo punto pagherà l'allenatore come spesso capita, ma spero che insieme a lui venga allontanato anche chi gestisce la sua borsa. Serve un manico alla Castori e a gennaio un nuovo direttore sportivo che possa rimediare alle grosse lacune in organico sia come entrate che come uscite.
Sempre nel rispetto delle sue opinioni, la ringrazio ancora.


enrico caruso 20 Ottobre 2019 19:23

Presidente giusto discorso sui fatti accaduti ora licenzi subito questo incapace di allenatore altrimenti e dura pre salvarci con questo


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni