Libero Volley Ascoli senza palestra. Si rischia di chiudere battenti dopo 35 anni

Redazione Picenotime

02 Novembre 2019

Umberto Pignoloni

"Tanto rumore per nulla". Questa frase di Shakespeare riassume perfettamente l’attuale momento logistico della Libero Volley. Infatti, dopo la chiusura della palestra dello Squarcia nella scorsa stagione, le atlete della Libero Volley non hanno ancora una struttura nella quale allenarsi e svolgere l’attività della pallavolo.

Non abbiamo una palestra – tuona il presidente della società ascolana, Umberto Pignoloni -. Dopo tante promesse, ancora non è stato fatto nulla. Siamo costretti ad essere ladri in casa nostra, ad allenarci alla bocciofila (e ringraziamo il signor Matricardi, della stessa bocciofila, per la gentile disponibilità), e ad attendere consigli di istituto che dovrebbero autorizzare il nostro ingresso nelle palestre delle scuole. Anzi, qualche istituto ha già dato il proprio diniego. Per gli altri, invece, siamo ancora in attesa. Purtroppo sta diventando sempre più insostenibile la nostra situazione e, dopo un primo momento di confronto, le promesse iniziali cominciano ad essere vane. Chiediamo, pertanto, un aiuto concreto all’Amministrazione Comunale perché non vorremmo essere costretti a chiudere la nostra società dopo 35 anni di gloriosa storia a causa di alcune promesse mancate".



 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni