Ascoli Calcio, Pulcinelli: “Casi Ninkovic e Da Cruz conclusi. Lasciamo lavorare in pace nostri ragazzi”

Redazione Picenotime

06 Novembre 2019

Massimo Pulcinelli

Il patron dell'Ascoli Massimo Pulcinelli è tornato a parlare via social a due giorni dal match con il Crotone in programma allo stadio "Scida" per il 12° turno di Serie B e dopo quanto successo nell'ultima gara con il Venezia, con il fantasista Nikola Ninkovic sospeso per una settimana a causa del battibecco avuto con Alessio Da Cruz in occasione del calcio di rigore. 

"Ci vediamo a Crotone, lasciamo lavorare in pace i nostri ragazzi e stiamogli vicini da veri tifosi - ha scritto stamane Pulcinelli via Instagram citando il motto "Insisti, se fosse tutto semplice ci riuscirebbero tutti" -. Casi Ninkovic e Da Cruz conclusi, la Società ha preso i provvedimenti che riteneva corretti. Forza e coraggio mister Zanetti". 

CLICCA QUI PER VIDEO INTERVISTA ODIERNA AL CENTROCAMPISTA MICHELE TROIANO



© Riproduzione riservata

Commenti (15)

Albardialbissola 06 Novembre 2019 09:33

Bene
Guardiamo avanti


remo 06 Novembre 2019 10:40

Bravo Patron, pensiamo al campo e basta polemiche, a Crotone per vinccere come ha fatto il Perugia, FAC!!!


MIMMO 06 Novembre 2019 13:08

Carissimo Patron, chi agisce e prende decisioni in società siete solo voi. Noi possiamo solo manifestare un libero pensiero


NO AL CALCIO MODERNO 06 Novembre 2019 14:21

Vede presidente se eravamo negli anni 80 Ninkovic non andava in vacanza a casa, ma veniva fatto allenare da solo con un preparatore per riflettere sulle sue recidive finché non capiva che lui (come tutti gli altri ) deve mettersi a disposizione della squadra. Non sono sicuro che sia passato questo messaggio!


Alessandro 06 Novembre 2019 14:29

Vai grande patron, l'episodio di sabato è stato solo un incidente di percorso, hai messo in mano a Zanetti una squadra fortissima una fuoriserie, la serie A non può sfuggirci, siamo più forti del Crotone andiamo a vincere asfaltiamoli.


MARIO78 06 Novembre 2019 14:40

Ninkovic per me va aiutato e va sostenuto e' un ragazzo difficile ma per me e ' uno dei pochi che ci tiene all'ascoli anche se ha dei comportamenti censurabili ma non va provocato ....io sto alla mazzone e tanti lo criticano anche quando fa riscaldamento a me dispiace ma non posso fare a botte per lui ......suggerisco alla societa' e ai tifosi una moratoria su questo ragazzo ....azzeriamo tutto e riiniziamo da capo .....diamo una possibilita' a questo campione ......


Trento bianconera 06 Novembre 2019 14:55

Siamo contenti che i casi Ninkovic e DaCruz siano stati risolti....anche perché nelle loro precedenti società di appartenenza non ci erano riusciti... quelle scene durante Ascoli Venezia non le avevamo mai viste...speriamo sia tutto risolto (???)... perché vogliamo che il nostro magico Picchio torni in serie A.... Forza ASCOLIIIIIIIIII!!!!!


BÀÀ 06 Novembre 2019 17:25

Bene una emerita.........Il "sig." Ninkovic che baccaglia coi tifosi mentre gioca(o quasi) a calcio è inguardabile...DaCruz sbrocca al minimo passaggio sbagliato e gioca una partita si e due no.....
RISOLTO UN CAVOLOOOO!


Giovanni Gennaretti 06 Novembre 2019 18:08

Presidente, l'Ascoli è più credibile se riesce a far crescere sia Ninkovic che Da Cruz, infondendogli educazione professionale e convivenza, il primo è patrimonio, il secondo sarebbe un fiore all'occhiello x l'Ascoli, la realtà passata, era che in provincie sane come la nostra, si mandavano i calciatori più impetuosi ed è quasi sempre riuscito il miracolo di riconsegnarli al calcio più maturi e responsabili, più credibilità di così non si può, ma serve più polso da parte dell'allenatore che vedo sempre più spesso in questi frangenti in balia della bufera, quando accade.


Andrea 06 Novembre 2019 20:31

Abbiamo la grande fortuna di avere Pulcinelli in società, il Brescia lo scorso anno partì malissimo poi ha vinto il campionato, non aveva la squadra che abbiamo noi, sono sicuro che alla fine del girone di andata saremo in testa alla classifica, la nostra rimonta inizia a Crotone vinciamo sicuramente loro hanno subito sonore sconfitte l'ultima dal Perugia che noi abbiamo dominato e dovevamo vincere a Perugia, bisogna avere pazienza e il prossimo anno saremo in serie A ad affrontare Juve Inter Napoli grazie Pulcinelli


Ascoli club bs 06 Novembre 2019 21:59

Ottima decisione. Tutti hanno sbagliato ma nessuno è da crocifiggere. Tutti devono migliorarsi e far crescere la squadra. Forza Ascoli


Marco 06 Novembre 2019 22:07

Qua c'è gente che scrive e parla di Serie A.............


Andrea1898 07 Novembre 2019 09:28

Ma cosa casso avete in testa...serie a? Non affiliamo tre passaggi di fila e in serie a ci va chi ha un impianto di gioco collaudato tipo Lecce e Brescia lo scorso anno. Fatela finita. Forza picchio sempre!


pippo 07 Novembre 2019 12:31

mi sorprende che un imprenditore esperto possa commettere un'errore di comunicazione così palese. Una squadra non può passare da palesi problemi tecnico/organizzativo/gestionali ad un risultato importante come un salto di categoria. l'obbiettivo deve essere sempre e comunque il miglioramento continuo, la ricerca della miglior prestazione possibile. L'obbiettivo vittoria di per se non vale nulla se non passa attraverso la miglior prestazione che alla lunga, al netto degli episodi favorevoli a volte, sfavorevoli in altre, fa la differenza.


Giovanni Gennaretti 08 Novembre 2019 11:37

Chi parla di serie A è un sognatore, dobbiamo ancora crescere in tutto, non si sale in A solo con i buoni propositi, serve maturita' di tutti i componenti, Pulcinelli avendo puntato su un allenatore giovane, i risultati sono evidenti, deve aspettare anche che cresca la sua esperienza, si sta andando ancora x tentativi, un gioco da squadra non lo abbiamo, dobbiamo pazientare ancora, i proclami anche della società li trovo fuori luogo, capisco l'incoraggiamento e l'euforia dei primi tempi, x abbonamenti e presenze allo stadio, ma come in questi periodi di fasi alterne, una parte della tifoseriala rimane un po delusa, soprattutto chi come il sottoscritto ha vissuto l'era del Grande Presidente dal 1973 in avanti, altri tempi, d'accordo, xro' purtroppo le considerazioni vengono in mente.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni