Grottammare: maltempo ed erosione marina, danni per oltre 100mila euro

redazione picenotime.it

20 Novembre 2019

Oltre 100.000 euro di lavori per riportare a condizioni di sicurezza e di funzionalità la pista ciclopedonale nord e la balconata a mare a nord del Tesino, attualmente chiuse al transito. E’ la stima dei danni registrati dopo le mareggiate che nei giorni scorsi hanno imperversato lungo la costa, causando notevoli danni al patrimonio naturale e costruito del Comune.

La perizia tecnica firmata dalla responsabile dell’area Gestione del Patrimonio, arch. Liliana Ruffini,  è allegata alla lettera partita ieri sera all’indirizzo del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli. Nel documento, il sindaco Enrico Piergallini chiede per entrambi i tratti di costa la realizzazione urgente di barriere emerse.

La mareggiata che ha flagellato la costa grottammarese tra il 12 e il 13 novembre – scrive il primo cittadino - rientra senza dubbio tra i fenomeni straordinari non prevedibili e non arginabili contro i quali è molto difficile difendere il territori. Nonostante questo, il fenomeno ha dimostrato una volta di più la fragilità della nostra costa, in particolare di alcuni tratti che, sprovvisti delle opportune opere di difesa, sono state delle brecce attraverso le quali il mare ha scaricato  tutta la propria forza, senza trovare alcuna opposizione. Per tale ragione Le chiedo di prevedere nel bilancio di esercizio 2020 le risorse necessarie per la realizzazione di due interventi inseriti nella variante al Piano gestione integrata delle zone costiere di prossima approvazione  da realizzarsi in sinergia con la RFI, l’altro relativo al tratto immediatamente a nord della foce del Tesino”.

Nel caso della pista ciclopedonale che collega Grottammare a Cupra Marittima, la forza del mare ha rimosso i massi e altro materiale di protezione riversandoli sul tracciato che dai giorni scorsi risulta chiuso al transito. Qui, le opere di ripristino richiedono la ricarica e la riprofilatura della scogliera per un costo stimato di 75.000 € + iva.

Con la stessa ordinanza, è interdetto in via precauzionale anche l’accesso alla balconata a mare in zona Lungomare De Gasperi. In questo caso, le mareggiate hanno asportato il materiale di riempimento sul quale poggiano il massetto e il cordolo della passeggiata, determinando vuoti sotto la struttura che necessitano di interventi di consolidamento e ripristino dei profili esistenti per evitarne il cedimento per un valore di 15.000 € + iva.

La nostra costa è una delle ultime risorse rimaste per sostenere il vigore economico del territorio-Marche sud – afferma Piergallini -. La stagione estiva non è lontana e il tempo stringe per interventi di tale complessità. Da amministratori consapevoli sappiamo che simili opere hanno bisogno di tempo. Occorre tuttavia segnare subito la strada più corretta e più rapida per poter realizzare gli interventi suddetti che non sono più procrastinabili”.

Come comunicato dalla stessa Regione Marche, il Piano regionale della costa andrà in Consiglio il prossimo 28 novembre o 6 dicembre. Consentirà di realizzare barriere emerse e non più solo quelle soffolte. Dalla data di approvazione, sarà possibile presentare anche i progetti per le barriere.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni