Squadra Mobile Ascoli Piceno, smascherato tentativo di truffa in gioielleria del centro

Redazione Picenotime

12 Febbraio 2020

Foto da Questura Ascoli Piceno

Questa mattina il titolare di una nota gioielleria del centro cittadino di Ascoli Piceno, in applicazione di protocolli operativi concordati con la locale Squadra Mobile per la prevenzione di rapine e truffe, ha contattato personale specializzato della Sezione Reati contro il Patrimonio. 

Il commerciante ha esposto una trattativa commerciale anomala che aveva intrapreso con un nuovo cliente: un 43enne di origine campana lo aveva contattato dimostrandosi disponibile all’acquisto di pietre preziose per una ingente somma di denaro oscillante sui 50mila euro. 

Gli investigatori intuivano che probabilmente si trattava di una compravendita poco chiara, che poteva facilmente mascherare un tentativo di rapina o di truffa. Personale in borghese, fingendosi cliente, si intratteneva nella gioielleria fino all’arrivo del soggetto sospettato che, identificato, risultava essere un pluripregiudicato napoletano con all’attivo varie truffe alle gioielleria in più città italiane, tra le ultime Roma e Milano. 

L’uomo era in possesso di un assegno circolare del valore di 50.000 euro emesso da una nota banca internazionale che, contattata in merito, disconosceva la paternità del titolo, risultato quindi completamente falso. Il pregiudicato è stato rimpatriato a Napoli mediante foglio di via obbligatorio emesso dal Questore di Ascoli Piceno. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni