Coronavirus, Protezione Civile: “Oggi 97 decessi e 1598 nuovi positivi”. Boccia: “Chiusi impianti sci”

Redazione Picenotime

09 Marzo 2020

Borrelli e Boccia

Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile e commissario straordinario dell'emergenza Coronavirus, ha comunicato in conferenza stampa alle ore 18 i nuovi dati su scala nazionale della diffusione del Covid-19.

I guariti odierni sono 102, in totale sono diventati 724. Oggi si contano 97 decessi (66 Lombardia, 14 Emilia Romagna, 3 Marche, 2 Veneto, 2 Lazio, 8 Piemonte, 1 Liguaria, 1 Toscana). In totale i deceduti a causa del Coronavirus sono diventati 463 (dato che potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso). 

FASCE DI ETA' DECESSI

1% tra 50-59 anni

10% 60-69

31% 70-79

44% 80-89

14% superiore a 90 anni

I casi positivi odierni 1598 per un totale di 7985 (3000 circa in isolamento domiciliare, 4316 ricoverati in strutture ed il resto in terapia intensiva). 

Nel dettaglio: i casi attualmente positivi sono 4.490 in Lombardia, 1.286 in Emilia-Romagna, 694 in Veneto, 337 in Piemonte, 313 nelle Marche, 206 in Toscana, 94 nel Lazio, 119 in Campania, 97 in Liguria, 89 in Friuli Venezia Giulia, 52 in Sicilia, 46 in Puglia, 33 nella Provincia autonoma di Trento, 30 in Abruzzo, 28 in Umbria, 14 in Molise, 19 in Sardegna, 15 in Valle d’Aosta, 9 in Calabria, 9 nella Provincia autonoma di Bolzano e 5 in Basilicata.

"Coordinandoci con le Regioni stiamo portando avanti la consegna  di materiali e attrezzature - ha dichiarato Borrelli -. Già da questa sera verranno distribuiti 325 ventilatori/respiratori iniziando dalle regioni del nord Italia che al momento si trovano ad affrontare un numero di casi molto elevato. Insieme a queste attrezzature si è provveduto a distribuire un milione  di mascherine. Per quanto riguarda gli istituti penitenziari abbiamo montando 80 tende di pre-triage e consegnato 100.000 mascherine".

Ad accompagnare il capo della Protezione Civile in conferenza stampa c'era anche il ministro per Affari Regionali ed Autonomie Francesco Boccia: "Ribadisco la piena condivisione delle problematiche tra il Governo centrale e le autonomie locale con incontri quotidiani attraverso i quali, oltre a fare il punto sulla situazione, ci si confronta  per migliorare gli interventi nelle varie zone più o meno esposte al rischio - ha dichiarato Boccia -. Oggi si è preso atto che gli appelli al buon senso ed alla responsabilità per ogni cittadino spesso non sono ascoltati. Dopo il caso di un comprensorio sciistico del nostro paese che attraverso una campagna marketing invitava studenti e famiglie a recarsi presso i propri impianti vista la forzata chiusura delle scuole, abbiamo deciso di chiudere tutti gli impianti sciistici presenti nel territorio nazionale. Ove il senso di responsabilità di singoli e famiglie non arriva, lo Stato interviene come in questo caso in maniera ferma e decisa".

Nelle Marche, alle ore 19, il Gores (Gruppo Operativo Regionale per le Emergenze Sanitarie) ha comunicato che i soggetti deceduti fino ad oggi sono 12. Le ultime due persone di cui è stato registrato il decesso sono una donna di 80 anni e un uomo di 87 anni, entrambi provenienti da Marche Nord.

CLICCA QUI PER MAPPA INTERATTIVA CORONAVIRUS 




© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni