Coronavirus, Tommasi: “Non possiamo guardarci allo specchio se non aiutiamo calciatori che guadagnano poco”

Redazione Picenotime

30 Marzo 2020

Damiano Tommasi

Il presidente dell'Associazione Italiana Calciatori Damiano Tommasi, sulle pagine de “Il Corriere dello Sport”, riguardo l’accordo raggiunto dai calciatori della Juventus con la società bianconere, ha dichiarato che “in casa Juve hanno voluto affrontare la questione prima di altri e sono arrivati alla conclusione, con piena soddisfazione di tutti. L’accordo raggiunto chiude qui la stagione, rispetto a ciò che si deve percepire. Se anche si tornerà a giocare a giugno e oltre giugno, le spettanze rientreranno nel contratto successivo. È una pattuizione di massima, perché ci sono giocatori in scadenza, altri che stanno per rinnovare, altri in partenza sicura, altri ancora in trattativa. Ogni situazione individuale andrà adeguata”. 

“La nostra posizione è chiara - ha proseguito – stabilire condizioni per il futuro, in assenza della certezza di ricominciare, è difficile. C'è un tema delicato che riguarda il prolungamento della stagione a luglio. Senza un accordo tra le parti nessuno può prorogare un contratto oltre la sua scadenza. Bisognerà sedersi a tavolino e parlarne”.

Su una possibile ripresa dell’attività agonistica, Tommasi ha sottolineato che “le parole del ministro Spadafora confermano che prima di riparare dobbiamo mettere al sicuro la salute del Paese. Vuol dire prepararsi all'eventualità che i campionati vengano decretati chiusi. In questo caso l'accordo raggiunto dalla Juve mi pare una base di partenza”.

“Credo che siamo arrivati dopo un mese e mezzo a capire che dobbiamo allinearci alle direttiva della comunità scientifica e del Governo – ha proseguito il presidente Aic –. Le immagini che arrivano dagli ospedali ci dicono che il nostro miglior contributo è quello di stare in casa. Chiedete ai tifosi di Brescia e Bergamo se non sono d'accordo con me. Prima di tornare in campo è necessario certificare l'idoneità fisica e verificare eventuali esiti. La polmonite interstiziale non è una barzelletta. Soprattutto per chi espone il proprio corpo a correre a cento all'ora”.

Ripartenza a porte chiuse? "Non so se sia una condizione di sicurezza. E non dico solo della salute dei calciatori. Noi non abbiamo paura, siamo dei professionisti. Ma c'è sempre il rischio di spostare tra le città gruppi di persone che possono essere portatori di contagio". 

Il calcio soffre di liquidità a causa della sua gestione – ha commentato Tommasi -. Anche in questi giorni si continua a parlare di trentacinque milioni per Tizio, cinquanta per Caio e cento per Sempronio. Si spendono soldi che ci sono, o soldi che si promettono e non esistono? Dobbiamo iniziare a chiedercelo”.

“Penso a quanti ragazzi di Lega Pro sono rimasti nelle sedi sportive e non possono vedere mogli e figli – ha concluso -. Per loro la cassa integrazione potrebbe non bastare. Molti guadagnano trentamila euro, pagano l'affitto e il viaggio. Dobbiamo aiutarli con forme di solidarietà alternative, interne al movimento. Altrimenti non possiamo guardarci allo specchio”.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni