Ascoli Calcio, Pulcinelli: “Ritengo che si tornerà a giocare da metà Maggio. Faremo due tamponi a settimana”

Redazione Picenotime

07 Aprile 2020

Massimo Pulcinelli

"Ritengo che si tornerà a giocare da metà Maggio, per poi completare il torneo regolarmente". Lo ha dichiarato oggi il patron dell'Ascoli Massimo Pulcinelli ai microfoni di Pianetaserieb.it. "Per tutelare la salute dei nostri ragazzi faremo tamponi, anche due a settimana, così da poter essere sereni. Purtroppo presumo che, al contrario di ciò che desideriamo tutti noi e i tifosi, si giocherà a porte chiuse e ciò sarà penalizzante per compagini come l’Ascoli, dato che ci aspettano quattro partite in trasferta e ben sette casalinghe che, senza l’apporto della nostra tifoseria, non potremo affrontare con la stessa spinta emotiva. Questo sarà un minus che varrà qualche punto in classifica - ha aggiunto Pulcinelli -. Taglio stipendi? Il discorso è, per l’appunto, ampio. Ho compreso, però, di avere un gruppo di ragazzi speciali e generosi. I miei calciatori faranno la loro parte, come ci hanno già anticipato. Per noi sarà fondamentale salvaguardare in primis la loro salute, il resto verrà dopo”.


© Riproduzione riservata

Commenti (10)

remo 07 Aprile 2020 18:50

Speriamo patron, ho troppa nostalgia di Picchio, FAC!!


Alessandro 07 Aprile 2020 19:07

abbiamo tutto da perdere e niente da guadagnare, a proseguire il campionato.


asnkvola 07 Aprile 2020 19:50

Veramente di gioca i primi di giugno


Francesco 07 Aprile 2020 20:26

Presidente Pulcinelli, credo che vada salvaguardata la salute di tutti non solo quella dei calciatori con due tamponi a settimana per tornare a giocare. ci sono stati ad oggi 17000 morti in Italia, anche le persone malate non riescono a fare il tampone e lei dichiara che farà due tamponi ai giocatori per tornare a giocare? Forse sarebbe più utile che giocatori dirigenti tecnici guadagnino meno, se stanno a casa come tutti gli italiani fanno solo il loro dovere, non sarei così certo che i tifosi desiderano tornare allo stadio a vedere la partita, almeno finché non ci saranno certezze sul virus e sulle cure, il calcio può aspettare non è la priorità per i cittadini italiani.
P. S. Senza la sospensione del campionato sarebbe s


Fabio 07 Aprile 2020 21:01

Meglio che non riprende il campionato patron, così ci siamo salvati.


Siamo seri 07 Aprile 2020 23:52

Speriamo che si fermi tutto altrimenti si rischia!! Societa' delusione senza precedenti!!


MIMMO 08 Aprile 2020 00:34

Con i ristoranti e gli alberghi chiusi, le squadre andranno in trasferta con il sacco a pelo ed il pranzo al sacco.


BÀA 08 Aprile 2020 05:58

.....e certooooo....È ARRIVATOOOO MAGHEEEE PEKEÈ!!! Noi operai che NON ABBIAMO MOLLATO UN GIORNO DI LAVORO ZERO TAMPONI !!!! A te e ai tuoi "giocatori" ghiè nè facciamo due a settimana !!!!! Che persone clamoroseeeeee!


Maurizio 08 Aprile 2020 08:26

Gli ospedali non hanno i reagenti per fare i tamponi necessari alla popolazione, dove li trovate voi per farli 2 volte a settimana ai calciatori?


peppe 08 Aprile 2020 11:07

Signori parla tra un mese e mezzo e se si riprende non adesso!!!!!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni