Coronavirus, sindaco Ascoli: “Oggi ho visto tanta gente in strada. Non è un gioco, restiamo a casa!”

Redazione Picenotime

09 Aprile 2020

Marco Fioravanti

Il sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti ha fornito ai cittadini aggiornamenti sull'emergenza Coronavirus nella consueta diretta video social serale dalla propria abitazione.

"Il Gores ci comunica oggi 236 positivi nella provincia di Ascoli Piceno, in isolamento domiciliare ci sono 247 asintomatici (-14 rispetto a ieri) e 127 sintomatici (stesso dato di ieri). I guariti nelle Marche sono saliti a 885. Dati che ci fanno sperare ma non dobbiamo abbassare la guardia, ci sono stati ancora 13 morti oggi nelle Marche, uno nella nostra provincia - ha dichiarato Fioravanti -. Oggi ho visto tante persone in giro in strada, non scherziamo, non è un gioco, stiamo vivendo un'emergenza sanitaria nazionale. Non puntiamo il dito contro nessuno, pensiamo a noi stessi e ad avere comportamenti corretti, senza creare schieramenti tra chi esce e chi non esce. Dobbiamo rimanere a casa, mercoledì è stato fatto un comitato di sicurezza in Prefettura e saremo molto rigidi nei controlli anche durante le festività pasquali, sanzioneremo in maniera importante chi non rispetterà le regole. Ricordiamoci sempre che ognuno di noi, non avendo fatto il tampone, può essere positivo asintomatico e trasmettere il virus ad altre persone. Sono scaduti i termini per la richiesta dei buoni spesa: abbiamo avuto circa 500 domande e faremo di tutto per consegnarli prima di Pasqua cosi da poter permettere acquisto di beni alimentari in prossimità delle giornate di festa. A tal proposito mi preme ringraziare tutti i dipendenti dell'Area dei Servizi Sociali e la nuova coordinatrice per il lavoro straordinario che stanno facendo, anche da casa. In qualche caso l'attività è stata portata avanti anche da personale in isolamento domiciliare perché positivi al Coronavirus. Insieme a loro ringrazio tutti i dipendenti ed i vigili urbani perché tutti stanno lavorando con il massimo sforzo per gli altri permettendo di alleviare le sofferenze del momento.

Oggi ho partecipato al direttivo Anci ed insieme ad altri sindaci delle Marche abbiamo presentato un documento dove chiediamo alla Regione di coinvolgere in maniera maggiore i primi cittadini perché, al di là dell'appartenenza politica, essendo noi a stretto contatto dei cittadini, possiamo dare risposte veloci e certe (CLICCA QUI PER DETTAGLI). Abbiamo richiesto anche delle mascherine e guanti e la possibilità di un accordo con le Poste Italiane per effettuare la consegna a casa così da poter obbligare a tutti di uscire con i dispositivi. Abbiamo chiesto la garanzia di fare almeno 700 tamponi al giorno in ogni Asur perché abbiamo necessità immediata di controllare gli operatori sanitari, le forze dell'ordine, chi è stato in contatto con soggetti positivi e chi sta lavorando ed è più esposto al rischio, il tutto per evitare ulteriori contagi. Speriamo in una risposta positiva. Altro punto sul quale ci siamo soffermati è il controllo per le strutture RSA dove gli operatori sanitari sono a contatto con persone più deboli e maggiormente esposte a rischio. Dal punto di vista economico abbiamo chiesto l'anticipo del 50% del contributo PSR per avere subito liquidità da poter distribuire alle aziende in difficoltà, inoltre gli anticipi per le imprese del settore agricolo ed i contributi per quelle dei settori del turismo pesca e commercio. Altro punto importante le modifiche per gli appalti, al fine di poter velocizzare i tempi di esecuzione di progetti che, se messi in esecuzione velocemente, possono sicuramente sollecitare la ripartenza economica nelle varie città, così come risulta essenziale far ripartire in tempi brevi i cantieri pubblici e privati per le opere post sisma.

Ringrazio Ecoinnova che si è resa disponibile ad effettuare la raccolta dell'umido in città e nelle frazioni nella giornata festiva di Lunedì 13 Aprile. Grazie anche alla pizzeria Bella Napoli che ha messo a disposizione pizze per le famiglie in difficoltà, alla Barilla che donerà 500 chili di pasta e 200 chili di prodotti da forno, Mary Confezioni per le mascherine ed il Super Coal che ha donato 80 colombe..




© Riproduzione riservata

Commenti (1)

ASCOLANO 10 Aprile 2020 05:19

Sig . Sindaco....la gente,il popolo....nn capisce....se esce il sole per loro SI DEVE USCIRE! Troppa gente in strada e in giro...troppi anziani che fanno finta di nn capire! CONTROLLI CONTROLLI SANZIONI SANZIONI SANZIONIIIIIII


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni