Polonia, spettacolare incidente. Uomo ubriaco decolla dalla rotonda a 150 chilometri orari

Redazione Picenotime

14 Aprile 2020

Cosa succede quando si impatta su una rotonda ad alta velocità? La risposta a questa domanda arriva da un video ripreso, verso le ore 18 della Domenica di Pasqua, da una telecamera di sicurezza a Rabien, Lodz, in Polonia. Un uomo, al volante di una Suzuki Swift, non ha visto la rotatoria e ci è salito sopra, finendo per lanciare la sua vettura, come un'auto acrobatica, per aria dopo avere abbattuto un albero di pino a mezz'aria e mancando per poco una statua del Papa, prima di schiantarsi contro gli edifici in un cimitero. A che velocità procedeva l'uomo? Abbastanza veloce, circa 150 chilometri orari. L'incredibile filmato della folle corsa, pubblicato dalle autorità polacche, mostrano l'auto che sfreccia lungo una strada deserta verso la rotonda. L'autista accelera, attraversando l'incrocio senza guardare e sbattendo direttamente sull'argine dell'isola a forma di rampa. Il veicolo si catapulta in aria e sorvola la rotonda, cospargendo il terreno di schegge prima di atterrare nel cimitero. L'uomo che non ha riportato ferite gravi, è stato arrestato per presunta guida in stato di ebbrezza. Gli spettatori sui social network sono rimasti sbalorditi dal video virale. Come la maggior parte dei paesi in Europa, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la Polonia ha vietato i viaggi non essenziali durante la crisi del Coronavirus per limitare la diffusione della malattia. Le persone sono autorizzate a uscire da sole e solo per motivi approvati come acquisti e appuntamenti medici. 




© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni