Webinar Ascoli Calcio, Morosini: “Auguro a tutti i tifosi di tornare allo stadio il prima possibile”

Redazione Picenotime

07 Maggio 2020

Leonardo Morosini

Nel corso del secondo webinar organizzato dall'Ascoli sul tema "Il calcio ai tempi del Covid-19" (CLICCA QUI PER DETTAGLI) ha preso la parola, in rappresentanza della squadra, anche il 24enne fantasista Leonardo Morosini, autore di 4 gol in 8 presenze in maglia bianconera dopo essere arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Brescia nel calciomercato invernale.

"Sono arrivato a Gennaio dal Brescia, squadra che aveva appena allestito un centro sportivo bellissimo voluto fortemente dal presidente Massimo Cellino, sulla scia di quanto già fatto a Cagliari. Anche l'Ascoli ha un centro sportivo all'altezza che si avvicina molto ad un impianto di Serie A - ha dichiarato Morosini -. Come ho vissuto l'emergenza Coronavirus? Nelle mie zone sono morte davvero tantissime persone, il mio paese d'origine Alzano Lombardo è forse quello con più contagi, la situazione qui è stata veramente grave, speriamo di ripartire pian piano senza dimenticare le persone che ci hanno lasciato, con rispetto civico delle regole. L'Ascoli Play Cup? Iniziativa molto simpatica, siamo arrivati in finale io e Michele Cavion, sapevo già che era nettamente più forte di me ed infatti ha vinto lui. In questo periodo ho giocato poco alla playstation, ho fatto tante cose tra studio, allenamenti fisici ed un contest musicale con altri calciatori che ho avuto il piacere di vincere. Cosa prometto ai tifosi? E' dura far promesse con un futuro incerto sulla ripresa. Sono d'accordo con Troiano, il calcio è uno sport popolare e si toglie tanto fascino senza pubblico. Auguro a tutti i tifosi di poter assistere alle partite allo stadio il prima possibile, significherebbe aver superato l'emergenza. La promessa minima è che se dovessimo tornare a giocare lo faremo con la voglia di vincere tutte le partite che ci restano".


© Riproduzione riservata

Commenti (3)

luciano 07 Maggio 2020 21:56

cosa augura ai tifosi??????? ma stiamo scherzando??? sono morte 30000 persone e si pensa al campionato???? a quando torneranno i tifosi allo stadio???sarebbe il caso di pensare prima alla salute dei cittadini e non allo stadio


Mirko 07 Maggio 2020 23:05

Ricordiamo che ora come ora il calcio serve anche per svagare la mente, altrimenti si starebbe a pensare giorno dopo giorno, ora dopo ora solo al virus, non si può andare avanti così ancora per mesi.
Ricordiamo anche che una società oramai è un’azienda a tutti gli effetti e ciò vuol dire che passa da mangiare a tutti, non pensiamo solo ai grandi guadagni dei calciatori, bensì a chi prende buste paga normali, dai massaggiatori, agli addetti della primavera ai semplici giardinieri e “portaborracce”, come detto prima è giusto ripartire con le giuste precauzioni per far svagare la mente agli italiani altrimenti parleremo 24 h al giorno fino al 2050 di questo virus, poi ognuno è libero di guardare o meno le partite, di gioire o meno per un gol....


A.SPADA 08 Maggio 2020 01:38

Mi è piaciuta la frase conclusiva dell’intervista degna di un “guerriero” con tanta “classe”!... c’è ne vorrebbero tre o quattro di questi ragazzi per sperare addirittura di giocarci gli spareggi per la serie A. Cmq caro luciano se picenotime ci propone questi buoni spunti di discussione perché non parlare un po’ di calcio che secondo me fa bene anche alla “depressione collettiva” che abbiamo noi Italiani in questo periodo? Per molti di noi l’ASCOLI CALCIO è importante anche ai tempi di questo “maledettissimo” covid19!! Ciao a tutti.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni