Ascoli Calcio, Gerbo ha ripreso allenamenti a Crotone: “Mi trovo bene qui, dentro e fuori dal campo”

Redazione Picenotime

09 Maggio 2020

Alberto Gerbo

Alberto Gerbo ha parlato ai microfoni del canale ufficiale del Crotone nei primi giorni in cui ha potuto riprendere gli allenamenti individuali sui campo del Centro Sportivo "Antico Borgo" dopo il lungo stop dell'attività agonistica a causa dell'emergenza Coronavirus.

Lo scorso 31 Gennaio il 30enne centrocampista lombardo era passato alla squadra rossoblù in prestito secco fino al termine della stagione con obbligo di riscatto in caso di promozione in Serie A. In bianconero ha collezionato 14 presenze (8 delle quali da titolare) con un gol nel match vinto 2-0 contro il Livorno, con gli Squali sono invece arrivate 6 presenze (di cui 5 da titolare).

“Ho scelto di allenarmi al centro sportivo per mantenere un buon allenamento visto che in casa sono un po’ limitanti. E’ stato bello poter calpestare di nuovo il prato del campo. E’ stato un toccasana sia mentalmente che fisicamente dopo i tanti giorni chiusi in casa", ha dichiarato oggi Gerbo. 

Sei arrivato il 31 gennaio ma ti sei subito integrato alla grande. Hai ritrovato mister Stroppa e conoscevi le sue metodologie, ma ci hai messo anche del tuo contribuendo al secondo posto degli squali con buonissime prestazioni: “Il mio volere era quello di venire a Crotone. E’ stata una trattativa semplice ed ho cercato di spingere il più possibile per venire a giocare in Calabria. Ho apprezzato tanto il girone d’andata che avevano disputato, soprattutto dal punto di vista del gioco, e poi conoscendo le metodologie di allenamento del mister e quello che vuole dai suoi ragazzi è stato più facile ambientarmi sul campo. Però vorrei sottolineare il contributo dei miei compagni: ho trovato un gruppo veramente sano e con bravissimi ragazzi che mi hanno dato veramente una mano e dopo pochi giorni sembrava di essere a casa”.

Come hai vissuto queste settimane? Sei piemontese, com’è la situazione dalle tue parti? “La mia famiglia è di Avigliana in provincia di Torino. In Piemonte negli ultimi giorni sono aumentati un po’ i contagi ma per quanto riguarda i miei familiari la situazione è tranquilla. Ho trascorso le settimane di quarantena da solo, in compagnia del mio cagnolino, perché la mia ragazza era rientrata pochi giorni prima della chiusura e ancora non è tornata ovviamente. Sono sicuro che il popolo italiano si rialzerà e che presto tutto tornerà alla normalità”.

Stai ultimando gli studi alla facoltà di Scienze Motorie. Sei stato bravo a coniugare calcio e studi: “Sto scrivendo la tesi, è stato un percorso semplice. Abbiamo tanto a disposizione noi giocatori e ho deciso di impiegare il tempo libero sui libri. Lo consiglio a tutti i ragazzi giovani, può tornare utile per un futuro”.

Come ti sei trovato a Crotone? “Molto bene, sia dentro che fuori dal campo. Ho stretto un ottimo rapporto con i compagni. In Calabria non avevo mai giocato, ho trovato delle persone molto cordiali e gentili, ho apprezzato molto il territorio e poi il mare fa la differenza”.


© Riproduzione riservata

Commenti (4)

POTENZA ⚡PICENA 09 Maggio 2020 22:16

Un vero peccato, gran bel giocatore ,in bocca al lupo Alberto.


David 09 Maggio 2020 22:24

Solo l ascoli calcio poteva regalare questo bravo ragazzo e giocatore al crotone!!


Zac28 10 Maggio 2020 10:08

A Crotone ringraziano


Per sempre Ascoli 11 Maggio 2020 08:34

Ecco uno dei tanti esempi di errori commessi: a gennaio abbiamo ceduto Gerbo che, anche se non tecnicamente eccezionale, era pur sempre un bel combattente e un gran corridore di centrocampo. Insieme a Cavion e a un bel regista (da acquistare) avrebbero formato un buon centrocampo. Invece...il regista non è stato acquistato e, per contro, abbiamo ceduto Gerbo! Come vuol dirsi: "facciamoci del male".
Sembra, purtroppo, che il campionato possa ripartire, facciamo esorcismo e che Dio ce la mandi buona. Abascal è una grossa incognita e il problema maggiore non è tanto il mister ma è il materiale umano a disposizione che è veramente scadente....il rischio di retrocessione è concreto.
Se dovessimo salvarci (e me lo auguro di tutto cuore), il patron allontani immediatamente i vari DS, DT, e dirigenti vari...azzeriamo tutto e ripartiamo da zero.
Forza Picchio, sempre!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni