Venezia, Dionisi: “Ascoli ha individualità forti, avrebbe dovuto lottare come minimo per playoff”

Redazione Picenotime

25 Giugno 2020

Alessio Dionisi

“È bello rivedere il calcio giocato, anche se di solito non si gioca in questo periodo. È stato un peccato non aver vinto a Trieste, ma dopo la partita si sono allenati tutti e la condizione è buona". A dichiararlo è il tecnico del Venezia Alessio Dionisi alla vigilia del match interno con l'Ascoli valevole per la 30esima giornata del campionato di Serie B.


"Come staremo lo sapremo solo al momento di scendere in campo, ma per ora la condizione è buona. Cremonesi e Monachello ad oggi sono al top, sono indietro di condizione. Ci vorrà ancora qualche giorno. Senesi non è disponibile come Suciu, che non si è allenato e poi Simeoni, Rossi e De Marino si stanno allenando con la prima squadra. Devo far loro i complimenti ma devo anche fare delle scelte. Oggi faremo rifinitura, forse domattina potremmo fare una sgambata al Penzo. Il tampone lo facciamo a Mestre domattina, dipende dalle tempistiche, ma magari un intoppo o un ritardo può sempre esserci. Vengono a farli in albergo. Fino a sabato siamo ancora appestati, da mezzanotte in poi siamo guariti. Permettetemi la battuta in questo caso - ha dichiarato Dionisi -. In questo momento l’Ascoli non lo vorrebbe affrontare nessuno, ha individualità forti davanti ma anche negli altri ruoli. All’inizio doveva lottare come minimo per i playoff, è una squadra forte che affrontiamo in un momento difficile in cui viene da due sconfitte ravvicinate. Hanno cambiato allenatore, a volte la reazione del gruppo è fastidiosa ed è un ostacolo in più. L’Ascoli ci conosce, noi conosciamo le individualità ma non sappiamo come giocherà. Conosco un po’ Dionigi, ma non so come schiererà la squadra. Il passato del mister farebbe pensare a una difesa a tre. Noi stiamo bene, Modolo ha avuto qualche problemino muscolare che non gli ha permesso di avere continuità negli allenamenti. Marco si era ripresentato motivato e quasi iperallenato, è stato un peccato. Sul Penzo si potrebbero fare tante battute, non siamo stati molto bravi sinora nel nostro stadio. Siamo arrabbiati per la mancata vittoria col Pordenone, dobbiamo mettere la nostra rabbia sul campo. L’Ascoli per la qualità che ha può fare più punti di chi sta sopra. Ai ragazzi ho posto come obiettivo la salvezza. Penso che ci vorranno più di 45 punti per salvarsi, bisogna arrivare secondo me a 47. In questo momento è inutile fare tanti calcoli. L’interno destro? Forse è colpa mia che non ho dato troppa continuità in quel ruolo, cerco di scegliere in funzione di quello che serve alla squadra. Lollo comunque ha fatto abbastanza bene a Trieste, magari ci si aspetta di più da lui, può fare meglio ma sono contento di lui. Ai diffidati non penso, abbiamo una lista molto lunga ma in questo momento non lo considero un problema”.




© Riproduzione riservata

Commenti (4)

Fabio 25 Giugno 2020 15:48

Hai detto bene Dionisi siamo più forti di voi, sei anche simpatico ma domani vinciamo noi largamente, prepara la cesta. FAC


Pietro 25 Giugno 2020 15:56

Con un allenatore "sgamato",un preparatore atletico coi controc...i e un Addae in più (e un Petrucci o Piccinocchi in meno...)forse c'avevi ragione....


Ap 25 Giugno 2020 20:28

Io firmerei x un bel punto. L'essenziale è non perdere


Mirco 25 Giugno 2020 21:51

Bisogna lottare su ogni singola palla come fosse l'ultima senza cedimenti per tutta la partita. Questo ė il modulo da adottare


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni