San Benedetto: palpeggia giovane turista mentre fa il bagno, arrestato 39enne ucraino

Redazione Picenotime

10 Luglio 2020

I carabinieri della Stazione di Porto d’Ascoli e del Nucleo Operativo e Radiomobile di San Benedetto del Tronto, nella giornata di Domenica 5 Luglio,, hanno tratto in arresto un cittadino 39enne ucraino per violenza sessuale ai danni di una turista 22enne piemontese.

Anche in questo caso è stata la collaborazione di un comune cittadino ad attivare l’intervento dei carabinieri ed a rendere possibile l’arresto del malintenzionato. Ed infatti una bagnante che si trovava in spiaggia, dopo aver notato alcuni strani movimenti nell’acqua, ha contattato il servizio di pronto intervento 112 dei carabinieri, per segnalare che nel tratto di costa su cui affaccia la zona “sentina”, un uomo dapprima aveva tentato un approccio fisico con una ragazza intenta a prendere il sole, poi, ricevuto il suo rifiuto e vedendola incamminarsi in mare, l’aveva seguita e palpeggiata nelle parti intime. La ragazza, però, era riuscita a divincolarsi ed a chiedere aiuto.

L’immediata attivazione della Centrale Operativa dei carabinieri, e l’immediato intervento dei militari della Stazione di Porto d’Ascoli, supportati da una Squadra Motociclisti del Nor di San benedetto del Tronto, fortunatamente scongiurava ulteriori e più gravi conseguenze.

I militari, giunti tempestivamente su quel tratto di spiaggia, individuavano subito l’aggressore il quale nel frattempo aveva preso ad importunare anche altre donne presenti in spiaggia. Nonostante un vano tentativo di fuga, l’ucraino veniva prontamente bloccato e poi condotto in caserma a Porto d’Ascoli dove, al termine degli accertamenti e delle formalità di rito, veniva dichiarato in arresto dai carabinieri di quella Stazione per il reato di violenza sessuale e posto a disposizione della Autorità Giudiziaria.  La Procura della Repubblica, per acquisire ulteriori riscontri, disponeva un nuovo ascolto della ragazza parte offesa, a cura dei carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria e della Stazione di Porto d’Ascoli, e procedeva a chiedere la convalida dell’arresto e la misura della custodia cautelare in carcere.

Martedì 7 Luglio il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l’arresto ed ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere. Ancora una volta la perfetta sinergia tra la cittadinanza e l’Arma dei Carabinieri sul territorio, concretizzatasi semplicemente con una telefonata al 112, ha reso possibile assicurare alla giustizia un malvivente, ed evitare che egli potesse arrecare offese e danni anche più gravi alla malcapitata turista, o ad altre donne in spiaggia.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni