Sarnano-Sassotetto, dopo il CIVM si pensa alla gara delle auto storiche

Redazione Picenotime

17 Luglio 2013

Il Trofeo Lodovico Scarfiotti è tornato alla grande nell'elite dell'Italiano Montagna. La spettacolare manifestazione dei Sibillini, che ha visto magnifici protagonisti Domenico Scola jr e Michele Fattorini, ha entusiasmato il notevole pubblico attirato dall'importante evento.

Il giovane cosentino, in grande crescita, sembra essere l'asso del futuro delle cronoscalate. Il suo approccio già maturo e consapevole, gli ha permesso in poche gare di raggiungere risultati di rilievo. Nelle Marche ha già moltissimi tifosi: il successo di Ascoli nel 2012 e questo di Sarnano hanno lasciato il segno. Domenico junior promette faville a Settembre: "Per le finali del CIVM dovrei avere la nuova Pa2000 di Gruppo E2B, che è un'evoluzione di quella che utilizzo ora. Devo ringraziare il Salumificio San Vincenzo che mi ha permesso di acquistare il telaio. Fondamentali sono anche gli sforzi che sta compiendo la mia famiglia, che sento molto unita attorno a me".

L'evento sarnanese ha ricevuto grandi consensi, importante a questo riguardo è il parere di Mario Colelli presidente AciSport, ente promotore del CIVM: "Gli organizzatori dalla ripresa del 2008 si sono impegnati in modo sorprendente ed il territorio risponde alla grande e vive con entusiasmo l'evento oggi come un tempo. Sotto la presidenza Ruffini si è migliorato sensibilmente e la promozione nel CIVM è ben meritata, ed ora è necessario lavorare ancora per mantenere questo risultato. L'ispettore alla sicurezza Misseri mi ha segnalato che la sicurezza del percorso è stata curata oltre le richieste federali, evidentemente l'impegno dello staff organizzatore è massimo perchè sono consapevoli dell'illustre tradizione della Sarnano-Sassotetto. Peccato che l'evento abbia risentito più di altri della divisione del Campionato in due aree, ho riferito già a chi di competenza di apportare i giusti correttivi". Riguardo all'impegno dei ragazzi della Sarnano Corse nel gruppo organizzativo, Colelli si è così espresso: "Che splendida idea rivestire il percorso con strisce tricolori. Mi sono venuti i brividi vederli all'opera, mi sono emozionato al pensiero che sono da esempio agli altri e testimoniano come in ogni sport si trasmettano i valori fondanti della nostra società".

Ora l'Automobile Club Macerata e l'Associazione Sportiva si stanno dedicando alla definizione degli ultimi dettagli per l'appuntamento del Campionato Italiano Autostoriche, settima prova, che si disputerà sullo stesso percorso Domenica 28 Luglio. Il programma della manifestazione prevede per il giorno precedente sabato 27 le operazioni di verifiche sportive (15,00-19,30) e le verifiche tecniche (15,15-20,00) presso il parcheggio Bozzoni. La salita di prova è in programma domenica mattina alle ore 9,30 e la gara alle ore 14,30. Le premiazioni, come da tradizione, si svolgeranno in Piazza della Libertà a fine gara. Prima della corsa alle ore 14, vetture d'epoca della Scuderia Marche-Club Motori Storici e del Caem-Lodovico Scarfiotti effettueranno una sfilata sul percorso per ricordare l'epoca agonistica del grande campione al quale la manifestazione è dedicata.
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni