Festa Bella di Spelonga, la Provincia di Ascoli presenta l'evento

Redazione Picenotime

28 Luglio 2013

Festa Bella di Spelonga
Ieri mattina, presso la sala del consiglio provinciale di Ascoli Piceno, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del programma civile e religioso per l’edizione 2013 della Festa Bella di Spelonga.

Sono intervenuti

- L'assessore provinciale alla cultura Andrea Maria Antonini;

- Il presidente della provincia Piero Celani;

- L’assessore del comune di Arquata del Tronto Umberto Quaglia;

- I rappresentanti del comitato Associazione Culturale Festa Bella di Spelonga: Egidio Fontana, Fabio Di  Vittori, Michele Franchi, Daniele Di Vittori, Mario Paoli;

- Il sindaco di Arquata del Tronto Domenico Pala;

- L'assessore provinciale all'istruzione, nonché ex sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci.

La storia racconta che il 7 ottobre 1571 venne combattuta, nel golfo di Lepanto, la più importante battaglia della storia della marineria a remi, in cui scontrarono potenze navali cattoliche e turche, ed è quella che viene definita l’ultima crociata. Questa battaglia fu la prima grande vittoria di un’armata o flotta cristiana occidentale contro l’Impero Ottomano e, quindi, ebbe anche un’importanza psicologica dato che fino a quel momento i Turchi avevano vinto tutte le 8 principali precedenti battaglie contro i cristiani.

La tradizione vuole che, tra le flotte cristiane, si imbarcarono circa 150 spelongani, che riuscirono anche ad impossessarsi di una bandiera turca posta su una nave nemica, (la tradizione vuole che fu una donna a strappare da una galea la bandiera ancora sporca di sangue), che è ancora conservata e custodita presso la chiesa parrocchiale di Sant’ Agata” - dichiara Don Paolo Bucci parroco e studioso della battaglia, che ha soffermato l’attenzione alla valenza storica della rievocazione, che da anni vanta studi di esperti del settore, tra i quali il CNR e dal centro studi recanatensi. Recanati infatti, insieme alla laziale Marino e alla croata Krk e Casamicciola di Ischia, sono i paesi gemellati con Spelonga, affiliati dallo stesso destino storico di combattenti a Lepanto (ora l’attuale Nafpakatos).

A cadenza triennale si svolge la manifestazione della “Festa Bella” per ricordare, appunto, le gesta dei 150 valorosi della battaglia di Lepanto. La manifestazione, si svolge durante tutto il mese di agosto, e ruota intorno al rito del “taglio dell’albero”.

All’inizio dell’estate un gruppo di esperti boscaioli spelongani si reca nel Bosco del Farneto, sui Monti della Laga, per scegliere un grosso albero, della lunghezza di circa 30 metri che diventerà l’albero maestro della nave.

Nei primi giorni di agosto, un centinaio di uomini di tutte le età, lascia il paese per recarsi al Bosco del Farneto e li si organizzano le manovre per il trasporto: tutti i presenti guidati da un Caposquadra si dispongono a coppie lungo i due lati del fusto; ogni coppia fissa in profondità, sulla linea dorsale del tronco, un elemento metallico detto “crucche” inserito in un anello di ferro ove si infila una corda molto corta a sua volta legata ad un paletto di legno (“la Stanghetta”) posto trasversalmente all’asse dell’albero.

L’azione contemporanea delle sole braccia di tutti gli uomini delle “coppie”poste a circa 50 cm di distanza l’una dall’altra, sulle “Stanghette” fa si che l’albero giunga trionfalmente a Spelonga dove nei giorni successivi, tutto il paese ne partecipa alla preparazione perché sempre a braccia e con il solo ausilio di funi (con funzione di tiranti) e scale (poste a sostegno e spinta) viene issato al centro della piazza, e in alto vi viene issata la copia della bandiera turca.

Intorno all’albero maestro viene allestita, con legno e rami di abete, la sagoma di una galea che ricorderà per tutto il periodo della festa e fino alla prima domenica di ottobre, lo storico evento.

Negli stessi giorni tutto il paese viene addobbato a festa con decorazioni e realizzazioni varie impiegando principalmente rami di abete.

Terminata questa fase si susseguono varie iniziative e festeggiamenti per tutto il mese:

“Le date fondamentali da ricordare per chiunque volesse partecipare alla manifestazione - dichiara Umberto Quaglia, membro del comitato organizzativo Festa Bella 2013 - sono il 4 agosto con il tradizionale taglio dell’albero, l'11 agosto con il rientro dell’albero al paese, che è visto come momento celebrativo e di grande impatto emotivo della festa, il 17 con l’alzata del palo nella piazza principale del paese e il 25 agosto, giorno di festa ufficiale, con la rituale processione per le vie dei quattro rioni della Madonna della Salute ”.

Di importante rilievo anche le manifestazioni correlate ai festeggiamenti ufficiali:

  1. 14 agosto spettacolo teatrale compagnia folcloristica Gli Attoruncoli con “ Trista là casa du la gallina canta e lu gallo tace";

  1. 16 agosto III Memorial Pietro Camacci”, Ecotrail sui colli di Serafino, gara podistica nei percorsi famoso personaggio creato dal genio di Pietro Germi e magistralmente interpretato, nello scenario spelongano del 1968, dall’attore e cantante Adriano Celentano, che vanta di un grande riscontro mediatico di appassionati podisti.

  1. 19 agosto VI concorso interregionale di poesia estemporanea “Franchi Domenico”, dedicata alla declamazione di poesie da parte poeti popolari che improvvisano e recitano in pubblico le loro poesie in ottava rima (il cosiddetto “canto a braccio”).

  1. 21 agosto convegno sulla battaglia di Lepanto, in collaborazione con la fondazione di Lepanto e CNR di Roma.

Piero Celani: “Diamo valenza e risalto alle manifestazioni che hanno un substrato storico come questa, perché sulla loro tradizione si basa la loro forza, perché è la festa che si è costruita intorno all’evento storico, e non il contrario come spesso accade”.

Andrea Maria Antonini: "Sono venuto in contatto con la realtà spelongana già durante l’ultima tappa del Festival dell’Appennino 2013, perché è stata la location dove abbiamo concluso la manifestazione: durante una scherzosa riproduzione di una Spelonga dominata dall’impero ottomano, abbiamo già respirato il clima della festa. Una delle manifestazioni più importanti a livello provinciale e regionale per la sua storicitò, ma soprattutto un monebnto di grande socializzazione. E dal punto di vista turistico, un grande biglietto da visita.”


PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni