Società Nazionale Salvamento, corso S.U.P. Rescue a San Benedetto

Redazione Picenotime

15 Aprile 2015

partecipanti corso S.U.P. Rescue
Nelle giornate dell'11 e 12 Aprile presso la concessione balneare 'Miramare Beach' si è svolto con successo il 4° corso Sup Rescue, organizzato dalla Società Nazionale Salvamento Genova Sez.di San Benedetto del Tronto coordinata dal Referente Nazionale SNS SUP-RESCUE Prof. Roberto Giansanti, dal Delegato per la Formazione della Sezione Locale Prof. Gianluigi Marinangeli e dall’Istruttore del corso Dott. Roberto Domenichini.

La sezione di San Benedetto del Tronto, prima in assoluto nelle Marche, ha sposato con entusiasmo questo progetto nazionale realizzato anche grazie alla collaborazione dell'Associazione Sea and Lifeguard Academy e della Cooperativa Salvamento che ha messo a disposizioni i migliori allievi.

Un ambiente sereno ed accogliente, ha fatto si che il Corso procedesse con estrema regolarità e ottima partecipazione nelle giornate di sabato e domenica. Tutti i partecipanti, hanno dimostrato estremo interesse prendendo parte alle attività proposte con entusiasmo e dedizione, nonostante l’acqua non fosse ancora così calda.

La giornata di Sabato 11 è stata completamente dedicata, sia alla parte teorica che alla parte pratica per la conduzione del Sup in Flatwater. E’ infatti in questa condizione“FLAT”che gli operatori, prendono confidenza con la tavola, sperimentando tutte le posizioni per la sua conduzione.

Da subito, il sup ha riscosso un consenso collettivo, apprezzata da tutti per la facilità e per la polivalenza nel suo utilizzo. Gli esercizi per apprendere le varie tecniche si sono susseguiti per tutta la giornata, creando anche un clima stimolante e divertente.

La giornata di Domenica 12 è stata completamente dedicata alla parte RESCUE, qui i bagnini hanno potuto sperimentare la vera efficacia del sup utilizzato per gli interventi di recupero e salvataggio.

La facilità di utilizzo, la velocità di intervento,la possibilità di offrire un’ampia superficie di appoggio galleggiante al pericolante, fanno di questo mezzo un’arma vincente per il soccorso.

Un mezzo, ultimo prototipo fornito dalla Ricci International,estremamente affidabile e sicuro per lo stesso soccorritore, che raggiunto il pericolante, ha la possibilità senza affanno di recuperare le energie spese durante l’intervento e in questo modo, operare con maggiore lucidità ed efficacia.

Tutti i partecipanti, non hanno fatto che confermare queste nostre convinzioni, che ci spingono a proseguire nel cammino intercorso per la diffusione in Italia di questo fantastico supporto adatto al salvataggio, il SUPRESCUE. A conclusione della giornata, i candidati Operatori, sono stati sottoposti ad una prova di“esame”superata da tutti brillantemente.
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni