Teramo, Campitelli: “Serve unità, ladroni ci hanno tolto la Serie B”

Redazione Picenotime

14 Settembre 2015

luciano campitelli

Luciano Campitelli è tornato nuovamente a parlare nella conferenza stampa che si è tenuta nel pomeriggio di oggi presso l'Hotel Sporting di Teramo. Il presidente biancorosso ha esternato propositi di abbandono dalla guida della Società alla luce degli ultimi accadimenti che vedono il club abruzzese nuovamente in un clima d’incertezza dopo la sospensione delle gare del Diavolo, del Savona e Forlì fino al prossimo 23 Settembre. Uno stop alle partite figlio dell'accettazione da parte del Collegio di Garanzia dello Sport del CONI del ricorso presentato proprio dal Forlì in merito alle sentenze di secondo grado della Corte Federale d'Appello sul caso Savona-Teramo.



Di seguito il comunicato pubblicato sul sito ufficiale del Teramo Calcio dopo la conferenza stampa di oggi all'Hotel Sporting:

"Gianluca Scacchioli diventa direttore generale con delega per la parte tecnica, mentre diamo il benvenuto a Giuseppe D’Aniello come amministratore delegato del club".
L’incontro odierno con stampa e tifosi, presso l’Hotel Sporting in Teramo, è stata principalmente l’occasione per comunicare il restyling organizzativo del sodalizio di via Oberdan voluto dal patron Luciano Campitelli.
"Mi fa piacere l’interesse della gente – le dichiarazioni del numero uno biancorosso – vivo di questo. Abbiamo l’idea di strutturare una società moderna e snella, peccato che venerdì sia venuto fuori un altro problema che ci ha rallentato nella nostra attività. Sette anni e mezzo fa, contro la volontà della mia famiglia, non ascoltai nessuno e decisi di rilevare la Teramo Calcio. Con mio cugino Ercole Cimini, siamo una famiglia che ha sempre puntato su onestà, correttezza e rettitudine. Ricordo quella conferenza iniziale, dicevo che saremmo tornati in C ma non mi rendevo conto della montagna da scalare. Ora che ci siamo abbiamo un futuro dinanzi che ci aspetta: nonostante stiamo pagando la querelle tra Coni e Federazione, infatti, credo che tutto rimarrà come sancito dal secondo grado di giudizio.
Voglio sconfessare, poi, chi sostiene che il mancato arrivo degli attaccanti che possano completare la rosa, sia dovuto a problematiche di natura economica. La città dovrebbe, invece, essere orgogliosa del nostro operato, e stringersi intorno a noi al pari della stampa come fatto nella vicina Ascoli Piceno. Abbiamo necessità di acquisire punte di una certa levatura, ma non è semplice perché siamo in un periodo di “mercato fantasma”, con difficoltà oggettive: nonostante la proroga di venti giorni per ultimare la squadra, infatti, il caos innalzatosi ci sta penalizzando oltremodo nella ricerca dei rinforzi adeguati alle nostre ambizioni. Sono, invece, contento che la vecchia guardia si sia prontamente allineata al nostro progetto".
Sul rapporto con la tifoseria, infine, il patron ha chiosato: "Come società ci reputiamo dei genitori e mai un genitore può considerare negativamente un proprio figlio e, mi auguro, viceversa. Si mette in discussione il nostro operato, ma noi siamo passionali, del tutto stregati da questi colori e lo saremo per tutta la nostra vita. E del resto sfido chiunque a voler fare calcio senza la nostra vena di follia, con due milioni di euro impegnati per tre fideiussioni tra campionato di Serie B, quello passato di Lega Pro e quello prossimo. Dopo sette stagioni meravigliose, dense di momenti indimenticabili, la stanchezza si fa sentire, così come il dispiacere per qualcuno che sta spingendo affinchè questa società vada via. A queste persone, comunque, dico che è fondamentale che tutto si risolva in breve tempo, al fine di evitare confusione. E se non ci saranno le condizioni, saremo i primi a fare un passo indietro. Al nostro pubblico chiedo soltanto unità, per ridare entusiasmo alla proprietà, perché i sacrifici che ci aspettano sono immani e senza l’importante appoggio della gente lavorerei male e l’ultimo mio pensiero è quello di creare danni per questa splendida città. L’unione fa la forza".
Il neo-amministratore delegato Giuseppe D’Aniello, in apertura, accolto dall’applauso di benvenuto della sala, ha inteso ringraziare tutti per l’accoglienza ricevuta: "Ho avuto modo – le sue parole – di apprezzare la città e lo straordinario attaccamento dei tifosi al club. Ho scelto Teramo perchè mi sono legato al presidente, puntando più sul progetto che sul blasone. Ci tenevo, inoltre, a precisare una vicenda che ha riguardato la mia precedente esperienza a Varese: siamo stati, forse, la prima realtà ad auto-denunciarsi per una partita, quella con il Catania, attivando immediatamente il protocollo di sicurezza e segnalando il caso, poi esploso a livello nazionale, alla Federbet".
E sull’operato che lo attenderà ha aggiunto: "Io e Scacchioli saremo un’unica persona, io avrò una deformazione gestionale, lui sarà più vicino al discorso tecnico-sportivo, ma condivideremo tutto e cammineremo insieme verso un obiettivo comune, il bene della società".
Luciano Campitelli ha, infine, annunciato che fino al pronunciamento definitivo del CONI dopo la sospensione delle gare dei biancorossi, la S.S. Teramo Calcio sarà ufficialmente in silenzio stampa.

© riproduzione riservata


Commenti (28)

marco 14 Settembre 2015 19:40

...a livelli imbortandi...


Lorenzo 14 Settembre 2015 19:51

Dei ladroni ci hanno tolto la B.... io, Di Giuseppe e Di Nicola!!


Karmid 14 Settembre 2015 19:58

Mi auguro che 8 giorni siano sufficienti a spazzarvi via dal calcio, un mondo non di vostra appartenenza dove incalza presunzione e malaffare


asnkvola 14 Settembre 2015 19:58

Vanne a venne la perchetta a Campli Campitè che è meje!!


Lorenzo 14 Settembre 2015 20:11

Intanto Teramo Zezza ha pubblicato un comunicato in cui riconosce la colpevolezza di Campitelli , ma allo stesso tempo dice, con giri di parole , che Bellini ha pagato per far sì che l'Ascoli non subisse penalizzazioni con la vicenda Santarcangelo-Ascoli....

nulla da fare , anche gli ultras non sono meglio di quelli che fanno.su internet i super tifosi poi  in realtà fino ad Aprile non sapevano manco di avere una squadra( il 99,9% della tifoseria teramana alla fine)

Propongo di mettere in quarantena Teramo per studiare questa popolazione , in cui l'unico con un Q.I. nella.media è Campitelli e sfrutta infatti questa cosa come vuole.


Roberto 14 Settembre 2015 20:35

e basta lucia' con questi messaggi. ..basta pensiamo al calcio giocato e a fare un buon campionato di lega pro che è sempre stato il nostro habitat. Continuo a pensare che la parte sana siamo noi tifosi.Per favore voi piceni non raccogliete e andiamo avanti...viva le olive! !!! ahahah


francesco 14 Settembre 2015 20:36

Mi fa quasi simpatia questo oh....:-)


albardialbisola 14 Settembre 2015 20:37

ahahahaha...ennesimo spot pubblicitario per non esere linciato...perchè qualche teramano ha iniziato a capire.....e per ricominciare D'Aniello (dg del Varese portato al fallimento...ho sentito un mio amico di Varese...gli auguro mille D'Aniello per una società imbordande...ahahahah). Chi scommette con me che vanno in D? Tanto è già scritto....mi mancherà Big Luciano...Moggi!!!Gaucci!!!ah no Campitelli...tante risate questa estate


ASCOLI NEL CUORE 14 Settembre 2015 20:46

A chi si riferisce quando parla di ladroni questo esempio di onestà, cultura e rettitudine? Se parla dell'Ascoli Picchio il nostro presidente dovrebbe querelarlo!! Se è stato condannato dai tribunali federali a 3 anni è colpevole oppure no? Alla luce di ciò chi sarebbe il ladro?



mimmo 14 Settembre 2015 21:11

D'Aniello è uno di quelli che era stato invitato a Sportitalia da Criscitiello prima del processo per fare una pre arringa a favore del Teramo, il cerchio si chiude ora che diventa un dipendente del Teramo.
Per il Teramo si prospetta la seria possibilità di disputare il campionato di D, da quello che ho capito al CONI non è piaciuta affatto quel tipo di sentenza che rappresenta il classico inciucio all'italiana.


LORENZO CAPRO' 14 Settembre 2015 21:19

BRAVO ROBERTO , AVEVO CAPITO CHE ERI UNA BRAVA PERSONA, PER TE MI DISPIACE PER DAVVERO... COMUNQUE BRAVO, TI FA' ONORE!!


asculu 14 Settembre 2015 21:43

domani ad ascoli...allo stadio si mangeranno le olive..... 2 ...offerte gentilmente dall virtus entella


Ze 14 Settembre 2015 21:57

Quando dice "questi ladroni" si riferisce al Teramo o a se stesso? Io mica lo capisco...
.... Sfondaaaaa, sfonda la portaaaaaaa......


sarò sempre del settembre 14 Settembre 2015 22:00

E noi offriremo all'Entella un buon PESTO...ne... Bie!!!!


Mario 14 Settembre 2015 22:05

Serie D (un teramano)


Tifoso di Porto San Giorgio 14 Settembre 2015 23:29

Campitelli molto ma molto provato e preoccupato per il processo penale! Se a suo tempo quando e'stato beccato con le mani nella marmellata anziché comportarsi come ha fatto avesse ammesso il suo peccatuccio scusandosi di averlo fatto per amore di Teramo e del Teramo,magari anche mal consigliato da alcuni collaboratori,sicuramente la sua immagine di imprenditore e di uomo ne sarebbe, per paradosso, uscita ancor più rafforzata. Si perdona sempre chi ruba una mela per sfamare i propri figli,ma non chi per giustificare l'atto si rivolta contro il derubato:Il caro Campitelli ,tra le tante possibilita' ha scelto proprio la strada peggiore:


Karmid 14 Settembre 2015 23:30

Quando parla di Ladroni mi commuovo...ora l'ultima speranza é il Forlí


MARIO78 14 Settembre 2015 23:46

Questo soggetto sta fuori come un balcone, io dubitai di lui già dopo ASCOLI - Teramo 0 a 0 quando dichiarò che doveva vincere il teramo quella partita, che noi dominammo dal primo all'ultimo minuto ,e nel primo tempo ci mangiammo 4 - 5 palle goal clamorose 3 con Perez e 1 con tripoli.-Mi sembro ' smisurato, era la prima volta che lo sentivo. Ma oggi ha passato il segno quando parla dei " ladroni" se si riferisce a noi dovrebbe essere denunciato dall'Ascoli, se si riferisce alla FIGC o a Coni dovrebbe essere sanzionato.E ' un personaggio che il calcio dovrebbe emarginare. teramani sveglia.


un Deramano 15 Settembre 2015 00:23

Oggi ho assistito alla conferenza,,,che dire....imbarazzante....stizzito e sarcastico verso il vero cuore pulsante del tifo che lo ha messo in dubbio.Ha ribadito che lui spende per Teramo,ci ha chiesto se saremmo capaci noi di farci un mazzo da culo e diventare come lui,continua a farneticare....per dirla breve,ci sta con la sua.Sono uscito dall'hotel piu' amareggiato di prima.E in tutto questo,perche' sempre di sport e giuco si parla,hanno creato astio tra due citta'.Che brutto avere le fette di salame davanti agli occhi.Sia serie D.A voi buona serie B,(io non scordo i vari Zico Baresi ecc ecc che ho visto al vostro stadio.Ci hanno rubato un sogno,nella giusta misura,ovvio.E lui sostiene di essere il presidente piu' serio che c'e'....saluti....


REZA 15 Settembre 2015 08:26

Giusto bravo MARIO78 ma non so perche ancora parla ma non e stato messo da parte questo personaggio . non devono dare permesso di parlare di calcio secondo me. ma che uomo e questo non capisco cosa vuol ottenere .


FABIO 15 Settembre 2015 11:47

QUESTO E' SENZA VERGOGNA....MI DISPIACE SOLO PER LA SUA FAMIGLIA CHE SICURAMENTE AVRA PASSATO BRUTTI MOMENTI X COLPA DI QUESTO....NON SO COME DEFINIRLO...SPERO SOLO CHE QUALCUNO LO FACCIA SMETTERE DI PARLARE!!!


LORENZO CAPRO' 15 Settembre 2015 13:33

SALUTI A TE GRANDE DERAMANO, TIFOSO DI CALCIO e DEL TERAMO CHE NON MERITA UN PRESIDENTE COSÌ ... TI AUGURIAMO DI TROVARE UN'ALTRO PRESIDENTE CHE VI POSSA PORTARE IN B!!!


Picchio78 15 Settembre 2015 13:59

Mi semBra quasi una persona onesta!!!
che tenerezza che mi fa!!!!
Noto con piacere che gli occhiali nn li cambia!!
Forza Picchio!!1


Karmid 15 Settembre 2015 21:13

Onore a DERAMANO e a gli sportivi obiettivi come te. Al tuo posto avrei detto le stesse cose senza esitazione. Un in bocca al lupo solo per quelli come te.


ANTONIO MAROZZI 15 Settembre 2015 23:36

Volevo rispondere a quanto detto dal tifoso Deramano che sicuramente gli fa onore riconoscere che in passato ha visto il calcio che conta e grandi glorie giocare ad Ascoli quando Ascoli era pure per iTeramani con i quali ci siamo sempre comportati con stima affetto e reciproco rispetto e a parte qualche piccola scaramuccia mai niente di così cattivo tra le parti.Quando il Teramo aveva vinto lo scorso campionato nessuno di noi ha mai inveito contro il Teramo calcio o la città ci dispiace invece per alcune affermazioni che ha fatto il sindaco abruzzese anche se capiamo la grande delusione ma non è certo l'Ascoli che ha voluto tutto questo.Noi siamo stati fortunati ad incontrare una persona come il nostro Presidente ma non solo per le sue capacità economiche ma sopratutto per l'esempio di onesta personale e sportiva e credo che ha detto sin da subito che era dispiaciuto per quanto accaduto ai nostri cugini teramani pertanto noi vecchi tifosi come me vi auguriamo di poter prima o poi provare la soddisfazione che vi siete giuocati ma le responsabilità bisogna addebbitarle no ai tifosi e alle due città ma al solo Sig. Luciano Campitelli lui e solo lui sa e potrà dare delle risposte vere.Vi auguro di rimanere in LegaPro ma credo che sarà dura con poche risorse purtroppo non si può andare lontano ma dignità e onesta pagano sempre magari alla lunga ma pagano


dada 16 Settembre 2015 15:12

Il Sig. Campitelli, da quando è stato beccato con le mani nella marmellate, ha sempre venduto fumo ai suoi tifosi. Ha cercato di spostare l'attenzione dei tifosi e dei giornali su questioni puramente campanilistiche, riuscendo ad inclinare un rapporto fra due tifoserie ed ancor peggio, fra due città, che fino ad oggi avevano convissuto nel reciproco rispetto. Se avesse usato le sue energie per difendersi personalmente dalle accuse, facendosi ascoltare dalla procura di Catanzaro prima e dalla giustizia sportiva poi, anziché pensare solo ad infamare la società che ha trovato vantaggio dal suo sciacurato comportamento, sarebbe stato più credibile. Adesso mi sembra un poveraccio che chiede continuamente aiuto ai giornali per rinsaldare una posizione che ormai non gli appartiene. Mi dispiace solo constatare che purtroppo sono molti i tifosi del teramo che sono caduti in questo infame trabocchetto, pronti a credere che il Sig. Bellini abbia usato chi sa quale armi per conquistare la serie b, pur di difendere l'operato del Campitelli.


TENSIONE 22 Settembre 2015 16:49

"E' qualcosa che va oltre quello che noi potessimo mai pensare" ... cioè che il cellulare di Di Nicola fosse sotto controllo e chi ascoltava smascherasse la tua combine. Campitelli quando comincerai a prendertela con te stesso?


Teramo in D 22 Settembre 2015 22:39

...se esiste una vera giustizia sportiva nel calcio il teramo deve andare in serie D con una forte penalizzazione.


PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni