Ministri: esce il quinto album ''Cultura Generale''

Martina Fabiani

18 Settembre 2015

ministri - ''cultura generale''
Esce oggi, 18 Settembre 2015, il nuovo album dei Ministri: “Cultura Generale”. 
Durante l’estate ce n’era già stato dato un assaggio con i due pezzi “Balla quello che c’è” ed “Estate Povera” che avevano suscitato delusione da parte di alcuni ed eccitazione da parte di altri. 
Si temeva che anche loro avessero intrapreso il sentiero del commerciale, lasciando da parte l’energia primordiale e selvaggia che da sempre li caratterizza. 
Mentre aspettiamo l’uscita dell’album anche sul web, ci godiamo il terzo estratto “Idioti” che, a mio parere, strappa via le paure di un sound troppo orecchiabile ed ordinario.

“[…] Idioti, segugi senza stile, vigliacchi sfortunati, guardoni di regime, ladri di galline, delusi dall’oroscopo vi vendicate, delusi e contagiosi, vi moltiplicate […]”, grida arrabbiato Davide Autelitano, seguito dai ritmi incalzanti della batteria di Michele Esposito e dalla chitarra di Federico Dragogna.
Continua poi: “[...] Volete vivere male e vivere troppo, ci trascinate giù con voi…sono io quello normale […]”.

Frasi dirette e sentite, esplicite e taglienti, coraggiose. Contro la mediocre superficialità di una “gioventù sprecata”. Contro chi ostacola i flussi emozionali e creativi di giovani po’ smarriti, ma puri di cuore, che lottano con le unghie e con i denti per costruirsi un loro posto nel mondo; quei giovani che sbagliano, ma ci provano, che il lavoro se lo inventano, quelli normali, i “casi umani”.

Sono proprio i “casi umani” a rendere giustizia ad un Paese che, come noi, si è perso in qualche strada di campagna, e si è scordato della propria bellezza e del proprio potenziale. Un Paese in mano a quegli “Idioti” di cui si parlava prima che rendono povere le nostre estati, che ignorano il significato della vita e dell’amore e che tentano inani di zittirci, ma che non ce la faranno.

Una storia in dodici tracce e, per quanto mi riguarda, non vedo l’ora di immergermi nell’ascolto e sono sicura che, in ogni caso, sarò grata ai tre lombardi. 
Alcune canzoni verranno apprezzate, altre meno. Quello che spero venga apprezzato all’unanimità è la loro attitudine alla vita, attitudine che da anni mi ispira e mi fa venire voglia di scalare una montagna ogni giorno.

Già annunciate le date della prima parte del tour nelle principali città italiane. Intanto inizia oggi e proseguirà fino al 30 Settembre un tour in alcuni negozi di dischi, sparsi qua e là nella pisola, per farci ascoltare in acustico alcune delle canzoni.

Buon ascolto a tutti!

© riproduzione riservata
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni