Aragon, Fenati sfrutta gli errori altrui e sale sul podio

Redazione Picenotime

27 Settembre 2015

Romano Fenati ottiene un ottimo terzo posto nel Gran Premio d'Aragona, quattordicesima tappa del Campionato Mondiale Moto3. 

Il 19enne pilota ascolano, sul tracciato spagnolo dove lo scorso anno ottenne una fantastica vittoria, scatta dalla decima posizione in griglia e combatte nel gruppo di testa portandosi anche al comando a metà gara. Nei giri finali Fenny fatica a stare in scia ai primi, ma nelle ultime curve accade di tutto: Bastianini e Binder si toccano e finiscono a terra, subito dopo high-side del leader del ranking iridato Kent che spalanca le porte della vittoria al portoghese Oliveira davanti allo spagnolo Navarro e proprio al talentuoso portacolori dello Sky Racing Team by VR46, che precede Vazquez, Oettl e Antonelli.

Per Fenati, al tredicesimo podio della carriera, quarto posto nella classifica mondiale con 155 punti, alle spalle di Oliveira (159), Bastianini (179) e Kent, sempre leader a quota 234. "Oggi ho avuto un po' fortuna, queste sono le gare, la moto era davvero buona ed abbiamo migliorato molto rispetto al warm-up, ho fatto un altro passo rispetto a ieri, è stata una gara molto bella", ha dichiarato il talento ascolano a fine gara al microfono della Dorna. 

Tra due settimane è in programma sul circuito di Suzuka il Gran Premio del Giappone, quindicesima e quartultima tappa del Campionato Mondiale Moto3. 

COMMENTI DEI PROTAGONISTI

Pablo Nieto, Team Manager: "Siamo stati agevolati da un po’ di fortuna. Fare il podio è sempre positivo, sia per il pilota che per la squadra. Adesso ci prepariamo ad affrontare le tre gare oltre Europa con la voglia di conquistare nuovi podi. Anche Migno ha fatto una gara incredibile, guidava con lo stesso ritmo dei primi. Sono convinto che pian piano anche lui potrà rientrare in quel gruppo".  

Romano Fenati: "E’ stata una gara rocambolesca, il terzo posto di oggi è la dimostrazione che in alcune gare essere il più forte non basta: bisogna avere anche fortuna e testa. Il podio mi mancava, ci darà una spinta in più per affrontare al meglio il terzetto extraeuropeo che ci aspetta. La squadra ha lavorato bene e con la moto ho un buonissimo feeling. Anche il nuovo telaio ci sta aiutando molto ad affrontare nel migliore dei modi la parte finale delle gare".  

© riproduzione riservata
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni