01 INTESTAZIONE - vuoto
  • News
  • Covid, Draghi: “Vaccinazioni? Decisioni su fasce d'età sono centrali per le riaperture”

Covid, Draghi: “Vaccinazioni? Decisioni su fasce d'età sono centrali per le riaperture”

di Redazione Picenotime

giovedì 08 aprile 2021

Il premier Mario Draghi ha tenuto nel pomeriggio odierno un'importante conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio per fare il punto sull'emergenza Covid-19 e sul piano vaccinale. Al suo fianco il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli

DRAGHI: "Queste ultime settimane sono state piene di cose fatte e poche occasioni di incontro: più che parlare io ascolto le vostre domande. La raccomandazione è seguire le linee guida e usare il vaccino Astrazeneca per coloro che hanno più di 60 anni di età. Il rischio di decesso è massimo per coloro che hanno più di 75 anni. Smettetela di vaccinare chi ha meno di 60 anni, i giovani, i ragazzi, gli psicologi di 35 anni, queste platee di operatori sanitari che si allargano. Con che coscienza la gente salta la lista per vaccinarsi lasciando un rischio concreto di morte per le persone fragili o gli over 75? La disponibilità di vaccini non è calata, i numeri sono come prima di Pasqua, sta risalendo secondo il trend previsto. Non ho dubbi sul fatto che gli obiettivi vengano raggiunti. La disponibilità di vaccini che abbiamo in Aprile permette di vaccinare chi ha più di 80 anni, in tutte le regioni, e in parte chi ne ha più di 70. Tanto più celermente procedono le vaccinazioni delle fasce di popolazione a rischio e tanto prima potremo iniziare a riaprire, un fattore fondamentale per la ripresa dell'economia. Al momento però non ho una data precisa. È venuto il momento di prendere decisioni sulle fasce di età per le vaccinazioni. Questo è al centro delle riaperture. Se riduciamo il rischio di morte nelle classi più esposte al rischio è chiaro che si riapre con più tranquillità. La disponibilità dei vaccini c'è e ora tocca al commissario che lavora bene. Il lavoro procede a spron battuto, ora si tratta di fare delle scelte. Bisogna prepararsi alla stagione turistica, non abbandonarla. Il ministro Garavaglia dice il 2 Giugno? Chissà, magari anche prima... Dobbiamo procedere rapidamente nel nostro interesse ad avere un certificato vaccinale per la necessità di accogliere anche turisti stranieri". 

LOCATELLI: "Va ribadito che questo vaccino, Astazeneca, può coprire la popolazione fragili: le scelte fatte fanno riferimento a eventi trombotici in sede inusuali ma straordinariamenmte rari: 86 casi su almeno 25 milioni di vaccinati. Le misure stanno funzionando, anche a fronte di un numero elevato di decessi siamo al secondo giorno consecutivo con un calo di numero di posti letto occupati". 



Mario Draghi

Mario Draghi

© Riproduzione riservata

Commenti

Approfondisci