01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • News
  • Marche, l’assessore Castelli eletto componente permanente del Comitato europeo delle Regioni

Marche, l’assessore Castelli eletto componente permanente del Comitato europeo delle Regioni

di Redazione Picenotime

giovedì 07 ottobre 2021

L’assessore regione Guido Castelli è stato nominato componente del Comitato europeo delle Regioni come membro permanente della delegazione italiana. La designazione è avvenuta ieri a Bruxelles nell'ambito del Consiglio dei ministri Ue dell'Ambiente che ha definito dieci nomine del nuovo assetto dei rappresentanti del nostro Paese (all'Italia sono riconosciuti 24 membri, in rappresentanza delle Regioni e degli Enti locali). “È un incarico che assolverò con il massimo impegno e dedizione, rappresentando, il Comitato, un importante organismo europeo che ha voce in capitolo sugli sviluppi della legislazione comunitaria che incide direttamente sugli enti regionali e locali. Le Marche rivestiranno così un ruolo permanente per contribuire a orientare gli interventi europei verso le reali esigenze territoriali del nostro Paese”, ha commentato l’assessore Castelli. Intanto domani (venerdì 8 ottobre, alle ore 16.00), presso il Teatro Sanzio di Urbino, partirà la campagna di ascolto provinciale sulla nuova programmazione europea 2021-2027. “L’ottimo utilizzo delle risorse disponibili richiede il coinvolgimento attivo di tutti i soggetti protagonisti della nostra comunità, anche a livello territoriale, per progettare assieme le priorità del Por (Programma operativo regionale) Marche del prossimo settenni”, evidenzia Castelli.

Istituito ufficialmente nel 1994, il Comitato europeo delle regioni (CdR) è un organo consultivo che ha l'obiettivo di dare voce agli enti locali e regionali dell'Unione europea. È composto da 329 membri titolari e 329 supplenti, proposti dalle amministrazioni locali e regionali e poi nominati dal Consiglio per un mandato rinnovabile di cinque anni. Uno dei compiti principali del CdR è esprimere il proprio parere su qualsiasi legislazione europea abbia un impatto sulle regioni e sulle città, ossia su circa il 70% del corpo legislativo europeo. Il Comitato delle Regioni viene consultato, in particolare, su norme che coinvolgono materie come la sanità, l'istruzione, le politiche sociali, le politiche di coesione economica e sociale, i trasporti, l'energia e la lotta al cambiamento climatico. 


© Riproduzione riservata

Commenti