01 INTESTAZIONE - vuoto
  • News
  • Regione Marche, si lavora per estendere vaccinazioni anche a mondo delle imprese e del lavoro

Regione Marche, si lavora per estendere vaccinazioni anche a mondo delle imprese e del lavoro

di Redazione Picenotime

sabato 06 marzo 2021

La Giunta Regionale delle Marche intende estendere, su base volontaria, la possibilità di partecipare al processo di vaccinazione anche al mondo delle imprese e del lavoro. Per tale finalità è iniziato un confronto preliminare con le categorie economiche, le forze sindacali e la Camera di Commercio delle Marche: lo scopo è di definire uno specifico protocollo d’intesa, che offra questa opportunità di auto-organizzazione nelle vaccinazioni anche nelle sedi delle imprese e delle associazioni economiche e sociali che manifesteranno tale volontà. La Giunta definirà lo schema d’intesa nella seduta di lunedì prossimo, per poi sottoporlo alla concertazione con le forze economiche e sociali il giorno successivo. Le vaccinazioni si dovranno svolgere rispettando precise linee-guida indicate dal Servizio Sanità regionale e di rigorosi requisiti di sicurezza e tutela sanitaria. La campagna di vaccinazione sarà su base volontaria e potrà essere attivata sempre in considerazione della disponibilità dei vaccini che viene fornita dallo Stato, nel rispetto delle priorità delle categorie di soggetti da vaccinare indicati dal Ministero della Salute.

"Lunedì verrà discussa la proposta di protocollo per estendere i canali di somministrazione dei vaccini coinvolgendo il mondo delle imprese, le categorie economiche e produttive e le sigle sindacali delle Marche - ha dichiarato via social il governatore Francesco Acquaroli -. Dopo l'accordo con i medici di medicina generale, ritengo che anche questo tipo di sinergia potrà rappresentare un elemento di forza per la lotta al Covid-19. Dopo il via libera in giunta, verrà subito sottoposto alla concertazione con le forze economiche e sociali e la Camera di Commercio. L'adesione a questa iniziativa da parte di imprese e categorie sarà su base volontaria e avverrà rispettando precise linee guida indicate dal servizio sanitario regionale, sempre in considerazione della disponibilità dei vaccini garantita dallo Stato.

Francesco Acquaroli

Francesco Acquaroli

© Riproduzione riservata

Commenti