01 INTESTAZIONE - vuoto
  • Serie B
  • Palermo, Tedino: “Ascoli si è rimesso in corsa, lo rispettiamo. A rischio Trajkovski e Gnahorè”

Palermo, Tedino: “Ascoli si è rimesso in corsa, lo rispettiamo. A rischio Trajkovski e Gnahorè”

di Redazione Picenotime

lunedì 26 febbraio 2018

L'allenatore del Palermo Bruno Tedino ha presentato oggi pomeriggio in conferenza stampa la partita contro l'Ascoli Picchio in programma domani sera alle ore 20:30 allo stadio "Renzo Barbera" per la 28esima giornata del campionato di Serie B.

"Passo avanti a Vercelli? Sì, lo penso ancora per quanto riguarda la prestazione. Ho la fortuna di avere una proprietà che mi mette a disposizione una società e tutti i mezzi per essere dettagliato. Ho anche del tempo a disposizione e sono appassionato di questo sport, mi piace essere propositivo con i ragazzi - ha detto Tedino, come riporta Ilovepalermocalcio.it -. Non vedo squadre forti che non fanno fatica a vincere con squadre meno forti in Serie B. Dobbiamo ritornare a fare un percoroso di umiltà rispettando gli avversari, avendo continuità. Quindi quello che rimbalza più di tutto è che abbiamo perso 3 match di fila e dobbiamo rialzarci da un tonfo del genere. C’è sudore e la squadra lo mette sempre in campo. Io sono responsabile per primo e dobbiamo ritrovare gli indirizzi per tornare ad essere competitivi. Condizione? Szyminski è affaticato, Chochev ha un trauma alla spalla dove ha rimediato una fortissima contusione. Gnahorè è alle prese con un virus intestinale, Murawski ha avuto un trauma cervicale e Trajkovski ha la febbre. Non riusciamo a sapere chi potrà essere convocato, deciderò chi portare direttamente domani dopo la rifinitura. Non penso che potremo recuperare né Trajkovski né Gnahorè. Oggi non daremo i convocati perché non sappiamo chi recupera. Non riusciamo a sapere quali saranno i convocati e si sapranno solo domattina dopo la seduta. L’Ascoli? Ha delle buone qualità tecniche. Hanno giocatori importanti come Buzzegoli, Gigliotti, De Santis e Clemenza che ha doti tecniche buonissime, anche il nostro ex Monachello che sta crescendo bene. Vincere è difficile sempre, ma loro si sono rimessi in corsa e lo rispettiamo come tutte le altre squadre. La posizione di Coronado? Quando si viene da un periodo storto, si coinvolge tutti, chi più sensibile e chi no. C’è chi reagisce e chi no. Igor è riservato, sa di aver fatto una grande cretinata e lo sa già lui. Quando è così ti senti in difficoltò verso la squadra, lui ha a cuore la situazione e ci è rimasto male. In base ai giocatori che avrò lo incastreremo. Lui deve sentirsi sempre a casa, ha bisogno anche di una pacca sulle spalle. La fiducia di Zamparini? Bisogna essere giudici severi e imparziali: io ho sempre dato il massimo senza mai sentirmi appagato, con voglia di emergere a tutti i livelli. È nel mio dna. Ci sono sempre momenti tristi e difficili. Io ho semplicemente voglia di sterzare. Dobbiamo vincere, e basta. Nei momenti negativi escono tante cose, ma ci sono state situazioni da analizzare anche nelle vittorie. Si vede tutto buio, abbiamo fatto risultati scadenti, ma non prestazioni scadenti. La palla contro l'Ascoli, però, non dovrà scottare: io sono convinto che domani faremo bene".


CLICCA QUI PER VIDEO CONFERENZA STAMPA TEDINO PRE PALERMO-ASCOLI


Bruno Tedino

Bruno Tedino

© Riproduzione riservata

Commenti