01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Eventi e Cultura
  • I 30 vini top delle Marche della guida Vitae 2022 di Ais protagonisti a Riccione

I 30 vini top delle Marche della guida Vitae 2022 di Ais protagonisti a Riccione

di Redazione Picenotime

mercoledì 02 marzo 2022

I 30 vini top delle Marche protagonisti a Riccione nella prima edizione di ‘Esperienze di Vitae’ sabato 5 marzo (ore 14 per il pubblico), evento organizzato da Ais Marche, Romagna ed Emilia. I vini sono quelli che hanno ottenuto le ‘Quattro Viti’, il punteggio massimo nella guida nazionale Vitae 2022 redatta dall’Associazione Italiana Sommelier che ha recensito per il panorama vitivinicolo delle Marche 120 produttori per circa 700 vini assaggiati e degustati.

Per celebrare tutte le eccellenze enologiche, le Ais dei tre territori hanno organizzato una giornata di festa che farà incontrate vini e produttori di Marche, Romagna e Emilia. Due i momenti dell’evento ospitato al Palazzo del Turismo della Perla Verde. Il primo è in programma la mattina (ore 10.30) ed è riservato alle cantine top con la premiazione delle Quattro Viti d’eccellenza assegnate complessivamente a 71 cantine: 31 la Romagna, 30 Marche, 10 Emilia. 

Nel pomeriggio, dalle 14.00 (fino alle 19.30), spazio alla platea di appassionati con l’apertura dei banchi di assaggio dei vini premiati, serviti e presentati dai sommelier Ais, abbinati ai prodotti Dop e Igp dell’Emilia Romagna grazie alla collaborazione con i rispettivi Consorzi: Piadina Romagnola Igp, Mortadella di Bologna Igp, Parmigiano Reggiano Dop, Salumi Piacentini Dop, Salumi Italiani alla Cacciatore Dop, Salame Felino Igp, Squacquerone di Romagna Dop fornito della Centrale del Latte di Cesena insieme ad altri formaggi. A servire i prodotti gli studenti delle scuole Savioli e Ial di Riccione. 

L’enologia delle Marche su Vitae 2022

Quella vinicola è una tradizione molto radicata nella regione Marche ed è arrivata a rappresentare un importante valore aggiunto per un più ampio progetto di sostenibilità agricola e non solo.

Il panorama vitivinicolo delle Marche non è statico - racconta Bruno Paialunga, referente della Guida Vitae per le Marche - anzi è caratterizzato da continuo dinamismo: nuovi produttori, nuove etichette, nuovi uvaggi, sperimentazioni di nuove tecniche colturali e soprattutto crescente rispetto della natura. Quanto a quest'ultimo aspetto, c'è da notare che oltre due terzi delle aziende in guida sono ormai coinvolte nelle varie fasi della conduzione biologica o comunque hanno adottato metodi molto attenti all'impatto ambientale. Riguardo ai vini bianchi, in guida emerge sempre l'importanza del Verdicchio; le eccellenze per questo grande vino si concentrano nell'annata 2018, a conferma che è giusta la scelta di diversi produttori di farlo uscire a due o tre anni dalla vendemmia. Da ricordare anche le performance di alto livello raggiunte dalle versioni spumantizzate e dai passiti. Lo stesso scenario di longevità si ripete per altri comparti dei bianchi, ove in vetta salgono per il Bianchello del Metauro le declinazioni Superiore e per il Ribona le versioni vintage; in continua crescita le denominazioni relative al Pecorino”. 

Bene anche sul fronte dei rossi. “Ottimo l'equilibrio dei vini rossi legati al Montepulciano, come gli strutturati Conero Riserva, alcuni speciali Rosso Conero e tutti i Rosso Piceno, ma pure per quei tanti che derivano da uvaggi diversi, sia di origine autoctona che internazionale - prosegue Bruno Paialunga - Spicca sempre più nutrita e tenace la pattuglia dei grenache (alicante), anche fuori dall'area picena, ormai riconosciuti pure nei concorsi internazionali riservati alla tipologia.''

Queste le cantine delle Marche che hanno ottenuto le “quattro viti” con i vini in degustazione nell’evento a Riccione. 

Bruscia (San Costanzo – Pu) BIANCHELLO DEL METAURO SUPERIORE LUBÁC 2018 

Bucci (Ostra Vetere – An) CASTELLI DI JESI VERDICCHIO CLASSICO VILLA BUCCI RISERVA 2018 

Casalfarneto (Serra Dè Conti – An) CIMAIO 2018 

Fattoria Coroncino (Staffolo – An) VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI CLASSICO SUPERIORE GAIOSPINO 2018 

Fattoria Le Terrazze (Numana – An) CONERO SASSI NERI RISERVA 2017

Fattoria San Lorenzo (Montecarotto – An) IL SAN LORENZO BIANCO 2008 

Garofoli (Castelfidardo – An) VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI SPUMANTE PAS DOSÉ 2013 

Lanari (Ancona) CONERO FIBBIO RISERVA 2018 

Stefano Mancinelli (Morro D’Alba – An) LACRIMA DI MORRO D'ALBA SUPERIORE 2019 

Moncaro (Montecarotto – An) CONERO NERONE RISERVA 2016 

Moncaro (Montecarotto – An) VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI PASSITO TORDIRUTA 2017 

Montecappone (Jesi – An) CASTELLI DI JESI VERDICCHIO CLASSICO UTOPIA RISERVA 2018 

Santa Barbara (Barbara – An) PATHOS 2019

Alberto Serenelli (Ancona) ROSSO CONERO VARANO 2018

Umani Ronchi (Osimo – An) VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI CLASSICO SUPERIORE VECCHIE VIGNE 2019 

Vignamato (San Paolo di Jesi – An) CASTELLI DI JESI VERDICCHIO CLASSICO AMBROSIA RISERVA 2018 

Fattoria La Monacesca (Potenza Picena – Mc) VERDICCHIO DI MATELICA MIRUM RISERVA 2019

Andrea Felici (Apiro – Mc) CASTELLI DI JESI VERDICCHIO CLASSICO VIGNA IL CANTICO DELLA FIGURA RISERVA 2018 

Tenuta di Tavignano (Cingoli – Mc) CASTELLI DI JESI VERDICCHIO CLASSICO MISCO RISERVA 2018 

Villa Forano (Appignano – Mc) COLLI MACERATESI RIBONA MONTEFERRO 2018

Fattoria Dezi (Servigliano – Fm) SOLO 2018 

Le Senate (Altidona – Fm) BLU VELLUTO SPENTO 2017 

Maria Letizia Allevi (Castorano – Ap) ARSI 2018 

Il Conte Villa Prandone (Monteprandone – Ap) IX PRANDONE 2017 

Le Caniette (Ripatransone – Ap) PICENO SUPERIORE MORELLONE 2017 

Macondo (Cupra Marittima – Ap) BIANKO 2019

Valter Mattoni (Castorano – Ap) ROSSOMATÓ 2017

Oasi degli Angeli (Cupra Marittima – Ap) KUPRA 2018 

Sangiovanni (Offida – Ap) OFFIDA PECORINO ZAGROS 2018 

Velenosi (Ascoli) OFFIDA ROSSO LUDI 2018 


© Riproduzione riservata

Commenti