01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Sport
  • Porto d'Ascoli, nodi burocratici da sciogliere per nuovo campo da padel al Circolo Tennis ''Montanari''

Porto d'Ascoli, nodi burocratici da sciogliere per nuovo campo da padel al Circolo Tennis ''Montanari''

di Redazione Picenotime

giovedì 07 ottobre 2021

«Il Circolo Tennis “Montanari” di Porto d’Ascoli è alla ricerca di un dialogo con gli eredi Laureati per poter ampliare l’offerta qualitativa e quantitativa di questo impianto sportivo». Ad affermarlo è il presidente del circolo Fulvio Silvestri, insieme agli altri membri del neo-eletto consiglio direttivo, vale a dire il vice presidente Andrea Alessandrini, il direttore sportivo Massimiliano Paoletti, i consiglieri Sandro Angelini ed Emilio Petrone, con il prezioso supporto esterno di Stefania Quadro come social media manager. 

«La nostra struttura – prosegue Silvestri – è il punto di riferimento tennistico per un centinaio di soci (che in periodo di pandemia non sono pochi) e per tutta la zona sud della città, ma anche per tutti coloro che sono soliti passare del tempo nel giardino comunale inserito nel circolo e per gli oltre sessanta ragazzi che frequentano le nostre scuole tennis, curate dalla maestra federale nazionale Cristina Celani. La nostra intenzione – prosegue – sarebbe quella di costruire un nuovo campo di padel (che vorremmo intitolare alla memoria di Pietro Laureati) dove adesso c’è il campo di calcetto, ma purtroppo c’è un impedimento tecnico che ce lo impedisce. La particella catastale dove insiste quel terreno, oltre a uno dei nostri campi da tennis, è inserita nelle proprietà di Villa Laureati, posta in vendita da qualche tempo dagli eredi che, a una precisa richiesta di acquisizione da parte del comune, non hanno ancora fatto pervenire una risposta chiara, bloccando la nostra iniziativa che, oltre al campo di padel, comprenderebbe anche lavori di riqualificazione e miglioria della palazzina dove sono posizionati gli spogliatoi, gli uffici e la palestra coperta. In questo periodo di sgravi fiscali come il 110%, sarebbe importante fare questo intervento senza perdere tempo per evitare che queste agevolazioni terminino. La cessione del frustolo di terreno dovrebbe essere fatta al comune di San Benedetto che poi provvederebbe a inserirlo nella convenzione che tra un anno dovrebbe essere rinnovata». 

La conferma di tutto ciò arriva dall’assessore allo sport del comune di San Benedetto, Pierfrancesco Troli. «Noi  abbiamo contattato gli eredi Laureati – spiega – per comprendere le loro intenzioni a cedere quel frustolo all’amministrazione in modo da poter consentire i lavori di miglioria del circolo tennis “Montanari”. Ma ancora non abbiamo ricevuto una risposta che possa dirci se sono intenzionati a vendercelo e a che prezzo, togliendolo così dalla particella catastale inclusa nella vendita di Villa Laureati, se potesse essere dato in concessione d’uso gratuita o se la cessione non potrà essere conclusa. Attendiamo una risposta, che mi auguro possa giungere in tempi celeri per il bene della comunità sambenedettese e in particolare di quella di Porto d’Ascoli». 

Il Circolo Tennis “Montanari” esiste da 52 anni, essendo stato inaugurato il 19 settembre del 1969 e l’interesse del nuovo direttivo sarebbe quello di fare un investimento indispensabile per lo sviluppo di un impianto sportivo del quale possano beneficiare tutti gli appassionati di padel, sport emergente in tutta Italia, ma anche tutti coloro che frequentano l’area del circolo, immerso nel verde e con annesso un piccolo giardino comunale, molto frequentato in ogni stagione dell’anno.

© Riproduzione riservata

Commenti