• Comunicati Stampa
  • Progetto solidale tra l’Orto di Paolo di Ascoli e ‘La Golosa’ di Montelparo

Progetto solidale tra l’Orto di Paolo di Ascoli e ‘La Golosa’ di Montelparo

di Redazione Picenotime

venerdì 09 dicembre 2022

Dall’incontro tra due realtà virtuose nasce un progetto che riesce a coniugare amore per la terra, sapori genuini e solidarietà. È l’iniziativa che ha dato vita alla straordinaria collaborazione tra l’azienda agricola La Golosa di Maurizio Curi a Montelparo e il Centro diurno per l’autismo L’Orto di Paolo di Ascoli Piceno

Maurizio Curi è il titolare dell’azienda che, a due passi dal mare e dai Sibillini, coltiva varie tipologie di  frutta nel rispetto del territorio che lo circonda, trasformandola in parte in eccellenti confetture extra, sciroppati e succhi, non alterandone le caratteristiche principali.

L’Orto di Paolo è un centro socio-educativo riabilitativo per persone con sindrome dello spettro autistico, organizzato sul modello della farm community e gestito dalla Cooperativa Sociale Pagefha di Ascoli. Ai giovani utenti della struttura vengono proposti percorsi di inclusione sociale, con l’obiettivo di valorizzarne le abilità attraverso l’esperienza lavorativa in ambito rurale.

Dalla sensibilità della famiglia Curi ha preso spontaneamente vitaun connubio che ha già dato i primi frutti lo scorso luglio, quando i giovani utenti del centro hanno partecipato, insieme allo staff de La Golosa, alla raccolta delle pesche nei rigogliosi terreni dell’azienda di Montelparo. 

Dall’esperienza della raccolta all’avvio di una solida collaborazione il passo è stato breve, con il lancio da settembre di una confettura extra La Golosa, vestita con un’etichetta “firmata” L’Orto di Paolo. L’azienda ha scelto di destinare i proventi della vendita di questo prodotto a sostegno delle attività inclusive del centro diurno: un riconoscimento per l’impegno dei giovani coinvolti nell’iniziativa, segno tangibile di attenzione per il loro percorso di crescita. 

L’impegno della famiglia Curi a supporto del progetto avrà un seguito. “Crediamo fortemente nel valore della responsabilità sociale d’impresa”, ha affermato il titolare dell’azienda nel corso di una recente visita al centro diurno. “L’Orto di Paolo offre opportunità concrete di inclusione a chi è in condizione di fragilità, continueremo a sostenerlo devolvendo parte di quanto ricavato dalla vendita dei prodotti sul nostro sito web”.


© Riproduzione riservata

Commenti