01 INTESTAZIONE - TURLA COSTRUZIONI
  • Ascoli Time
  • Ascoli Calcio, patron Pulcinelli presenta a Roma il nuovo direttore sportivo Lupo

Ascoli Calcio, patron Pulcinelli presenta a Roma il nuovo direttore sportivo Lupo

di Redazione Picenotime

mercoledì 16 giugno 2021

Conferenza stampa ufficiale di presentazione del nuovo direttore sportivo dell'Ascoli Fabio Lupo. Giornalisti presenti nella sede di Corso Vittorio Emanuele, il ds invece collegato dagli uffici romani della Bricofer accompagnato dal patron Massimo Pulcinelli, dal presidente Carlo Neri, dal direttore generale Piero Ducci e da tutti i massimi dirigenti bianconeri (i membri del Cda Roberta Pulcinelli e Vittorio Cimin, il vicepresidente vicario Andrea Di Maso, il vicepresidente Francesco Caffaro e il responsabile marketing-commerciale Domenico Verdone). 

PULCINELLI: "Faccio come prima cosa gli auguri di buon compleanno al leader della nostra squadra, il bomber Dionisi. Faccio i complimenti alle nostre squadre giovanili, con l'Under 17 che ha vinto 3-2 contro il Napoli e la Primavera che abbiamo visto dal vivo superare 3-2 la Lazio. Se ci crediamo non siamo così scarsi come qualcuno quest'anno ha pensato, l'anno prossimo ci riscatteremo anche per quanto riguardo le giovanili. Il ds Lupo è l'uomo giusto, una persona a modo, educata, acculturata, con tantissima esperienza nel mondo del calcio. E' disposto a progetti di collaborazione, con umiltà e determinazione. Siamo alle prime cene di fidanzamento, strada facendo dimostreremo questa affinità concretamente. E' stata la prima volta che abbiamo potuto scegliere un ds senza fretta e stress, all'inizio di un nuovo campionato. Sarà il nostro quarto torneo, abbiamo imparato ad essere umili dopo due salvezze molto sofferte. Ho commesso tantissimi errori, spero di non commetterli di nuovo. Lavoreremo in un'ottica funzionale ad obiettivi importanti che ci daremo nei prossimi giorni. Budget per il prossimo anno? Sarà molto simile a quello dell'anno precedente, ovviamente eviteremo sprechi. Sicuramente porteremo avanti un'attività più scientifica e mirata con due ragazzi per ruolo con degni sostituti. Risposte dal territorio? Per nome del sindaco abbiamo ricevuto conferma di contattare 5 imprenditori che hanno dato la disponibilità a starci vicini in questa stagione per far sì che questo programma vada in onda. Ringrazio già coloro che hanno alzato la mano dicendo sì alla chiamata del sindaco Fioravanti. Anche questo fa ben sperare. Se ho mai pensato alla possibilità di cedere l'Ascoli? Ci penso tutti giorni poi alla resa dei conti trovo mille motivazioni per continuare. Non è nel mio stile uscire da perdente, gli ultimi 3 anni non sono stati all'altezza. Siamo qui per fare l'ennesimo campionato e per farlo in maniera importante, senza se e senza ma. Sabiri? E' un giocatore che ad Ascoli è stato benissimo ma sia il ragazzo che i suoi procuratori hanno espresso la volontà di andare a giocare nel campionato di Serie A, possibilmente Serie A italiana. Con Sottil abbiamo sperato che rimanesse ma abbiamo percepito la sua esigenze di misurarsi in un torneo più importante. Al momento stiamo interloquendo con due club di A che sono in vantaggio ma non siamo entrati nel vivo delle trattative e di concreto non c'è nulla, stiamo valutando anche delle contropartite tecniche . Saric, Dionisi e Leali? Loro, come Avlonitis, Quaranta, Eramo e Buchel fanno parte dell'ossatura della nostra squadra e rappresentano dei punti di forza. Ci fa piacere che godano dell'apprezzamento di altri club ma non possiamo stravolgere la squadra e ricominciare da zero ogni anno altrimenti non si va molto lontano. Settore giovanile? Non ho troppo discorsi da fare, è un mondo in cui mi sono cimentato sempre poco, oggi ho visto la prima partita in 3 anni della nostra Primavera, quest'anno purtroppo con il Covid non abbiamo potuto fare molto per il vivaio. Il settore giovanile non va visto nell'ottica risultati ma per produrre calciatori che possano militare in A, B e C, i ragazzi devono imparare ad essere educati, professionisti e sportivi. Viaggio a Milano nella sede dell'Inter? Ho conosciuto il dottor Marotta, persona splendida, che mi ha dato disponibilità a collaborare, ma questo vuol dire tutto e niente, noi vogliamo collaborare con ogni club e ora la palla passa ovviamente al nostro nuovo ds. Curva Sud? Sono domande che vanno fatte al Comune che è il proprietario dello stadio, abbiamo fatto solo degli studi di fattibilità di massima e quindi non posso dire molto. Messaggo ai tifosi? Siamo stanchi di soffrire, credo che quest'anno faremo tesoro del dazio pagato nelle prime 3 stagioni e lavoreremo con un approccio maggiormente professionale e costruttivo. Ci aspettiamo dei risultati più importanti e soprattutto di soffrire meno. In cuor mio conto sempre di arrivare i playoff, senza promesse e senza obblighi. Non ha senso accontentarsi di salvarci quando in un campionato di 20 squadre non ambisci ad arrivare tra le prime 8. Affronteremo una gara alla volta lavorando per vincerle tutte, portando a casa più punti possibili, concordo in pieno in tal senso col ds Lupo e mister Sottil. Non vogliamo fare la figura dell'agnellino, grazie all'aiuto degli ascolani e degli imprenditori ascolani puntiamo a costruire una squadra ancor più competitiva rispetto alle ultime stagioni. Siamo un gruppo unito noi del Cda e della Società e lottiamo sempre tutti insieme". 

CLICCA QUI PER VIDEO CONFERENZA PULCINELLI

NERI: "E' importante vedere stasera la presenza massiccia del Cda e della Società. Questo conferma lo spirito con cui andremo ad affrontare il 25° campionato di Serie B della nostra storia, un torneo che come al solito sarà difficile. Do il benvenuto al ds Lupo, un professionista serio, competente, con esperienza e con voglia di dialogare con la società". 

DUCCI: "Non è più l'anno zero come dissi nel 2020 ma possiamo proseguire su un progetto tecnico che vedrà al comando della nave mister Sottil, che ha fatto benissimo. Cercheremo di integrare il nostro bagaglio tecnico con nuove proposte, un progetto che condivideremo con il nuovo ds Fabio, un professionista che conosco da tantissimo tempo. I risultati dovranno essere necessariamente più gratificanti rispetto allo scorso anno, abbiamo il tempo per programmare le cose in maniera più organizzata e riflessiva".

LUPO: "Ringrazio fortemente il patron, il presidente, il dg, tutti coloro che hanno voluto questo mio ritorno. Sono stato benissimo ad Ascoli 16 anni fa seppur per soli 3 mesi, quando sono tornato qui da avversario o da osservatore neutrale sono stato sempre accolto con calore e stima. Spero di essere all'altezza delle aspettative. Arrivo ad Ascoli con un sogno e una consapevolezza. Il sogno è di riportare l'Ascoli dove l'ho lasciato, ovvero in Serie A. L'ultima mia partita fu all'Olimpico, un Roma-Ascoli con Totti e De Rossi in campo. La consapevolezza è che i sogni si costruiscono giorno per giorno con sacrificio, abnegazione, valori morali, volontà, con la forza e la programmazione di una società alle spalle, sempre con i piedi per terra e la testa sul manubrio pedalando forte. Ogni anno la B è sempre maledettamente affascinante per questo suo grande equilibrio, puoi vincere e perdere ogni partita. Se posso replicare l'esperienza di Venezia? Ho avuto la fortuna di fare tante esperienze in club importanti, in qualsiasi squadra ho voluto giocatori con forti motivazioni nei confronti della squadra, chi vestirà la maglia bianconera dovrà farlo consapevole che l'Ascoli deve essere una tappa fondamentale della propria carriera. Chi viene qui deve rispettare la storia dell'Ascoli, sia a Venezia che a Palermo ad esempio sono sempre riuscito a raggiungere gli obiettivi prefissati. Rapporto con Sottil? Gli rompo le scatole in vacanza due volte al giorno, ci stiamo sentendo spesso da domenica scorsa. Si ripartirà da un collaudato un 4-3-1-2, con determinazione ed intensità, caratteristiche che il mister mi ha chiesto nei giocatori per la prossima stagione. Piano piano andremo a disegnare i profili dei giocatori che dovranno sostituire chi andrà via e integrare chi invece rimarrà. Sabiri? Sono qui da poco ma sappiamo tutti che è un giocatore con un valore di diversi milioni ed è difficile trattenere un giocatore che ha possibilità di salire di categoria, di certo non lo svenderemo e chi pensa che potrà speculare sulla volontà del giocatore di andare via troverà interlocutori poco disponibili. Per gli altri calciatori, come Dionisi, Saric e Leali, sono assolutamente la base su cui costruire il progetto tecnico per la prossima stagione. Potrei direi che rimarranno con noi, ovviamente nel mercato tutto può accadere e nessuno è incedibile di fronte ad offerte stratosferiche anche se le dinamiche del mercato non prospettano questi scenari, ma puntiamo su di loro e su altri ragazzi che hanno contribuito al raggiungimento della salvezza. Obiettivi? Far bene in un campionato molto complicato come la B facendo battere il cuore dei nosti tifosi. Montalto, Galano, Vacca e Felicioli possono arrivare? Non dovete pensare in automatico che andrò a prendere calciatori con cui ho lavorato, seppur godano della mia stima. Sarà un mercato il nostro, e ripeto nostro, non il mio, volto a trovare la miglior soluzione per ogni situazione che si andrà a verificare. Ripartire da Sottil mi dà grande fiducia, credo sia stato lui il valore aggiunto l'anno scorso. Caligara? Stimo molto Fabrizio e personalmente ho un ottimo rapporto con lui. Ho parlato con il mio collega del Cagliari Capozucca e loro puntano molto sul ragazzo, che è un 2000 con grandi qualità e che qui ad Ascoli ha fatto molto bene. Al momento è complicato poterlo riportare ad Ascoli, ma nel calcio tutto è possibile e continueremo a monitare questa situazione tenendo ovviamente in considerazione anche altre alternative. Riscatti in scadenza oggi? Non abbiamo esercitato alcuna opzione per i vari calciatori che vantavano il diritto di riscatto. Non significa comunque che non si possa tornare a parlare di questi atleti. Brosco e Pucino? Situazioni che possiamo definire chiuse. Brosco lo ringraziamo per quanto ha fatto in queste stagioni ma ha voluto fare nuove esperienze non accettando la nostra proposta di rinnovo. Pur con dispiacere rispettiamo la sua scelta e gli auguriamo il meglio, evidentemente non era più motivato a continuare in maglia bianconera, non ci risulta abbia ancora firmato con altre squadre. Per Pucino invece è un situazione diversa, è la società che non ha voluto prolungare il rapporto di lavoro nonostante il suo rendimento tecnico ed il contributo morale. Rapporto col patron? Al momento siamo in luna di miele, ci saranno momenti difficili ma con lealtà e correttezza ne sapremo uscire, con unione di intenti".

CLICCA QUI PER VIDEO CONFERENZA LUPO


Neri, Pulcinelli, Lupo e Ducci

Neri, Pulcinelli, Lupo e Ducci

© Riproduzione riservata

Commenti

caste300
mercoledì 16 giugno 2021

Belle parole....staremo a vedere


remo
mercoledì 16 giugno 2021

ottimo inizio, ora puntiamo in grande, grazie patron e buon lavoro al ds Lupo


ermanno
giovedì 17 giugno 2021

Bene il patron, molto carico, Lupo è una garanzia, ora però servono i risultati e pochi proclami


In totale ci sono 4 commenti. Fai click sul pulsante per continuare la lettura o commentare l’articolo.